Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

2 min per leggere 1 Commento

La Francia bandirà Huawei per spionaggio?

Huawei è molto apprezzata dai consumatori ma sembra esserlo molto meno dai politici. La Francia si pone ora delle domande e sta considerando l'ipotesi spinosa che il gigante cinese stia spiando il Paese attraverso le sue infrastrutture.

Huawei nasconde qualcosa, almeno secondo i politici. Gli Stati Uniti, il Giappone, la Nuova Zelanda e l'Australia stanno chiudendo le loro porte e l'Europa comincia a porsi delle domande. La Francia prende sul serio la situazione e sta prendendo in considerazione la possibilità che Huawei stia spiando il Paese. La decisione finale non è ancora stata presa ma dovrebbe essere comunicata nei prossimi giorni.

In particolare, ciò di cui Huawei è accusata, è l'utilizzo della sua infrastruttura di rete per spiare i suoi utenti. Il gigante cinese fornisce attrezzature a "45 dei 50 maggiori operatori del mondo", confida Le Monde, il che gli permetterebbe di accedere a moltissimi dati.

china usa
Tutto questo è una manovra politica? / Novikov Aleksey - Shutterstock

La testata giornalistica sottolinea inoltre che ad oggi non vi sono prove che Huawei stia spiando qualcuno ma la pressione degli Stati Uniti e la questione sempre più seguita dai media della privacy conferiscono a questo caso una portata enorme. I fan di Huawei sottolineando che Huawei sta venendo accusata ingiustamente dagli americani che vogliono screditarla, i fan della privacy sottolineano che niente e nessuno dovrebbe avere accesso alle informazioni personali degli utenti.

In ogni caso, avremo maggiori informazioni nei prossimi giorni.

Fonte: Le Monde

1 Commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Huawei ha le idee un pò confuse: vuole diventare il primo produttore di smartphone al mondo ma, puntualmente, commette azioni che rischiano di farla bandire da una nazione.