Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.
La realtà aumentata rappresenta il futuro dello shopping?
Applicazioni Opinion Realtà aumentata 4 min per leggere Nessun commento

La realtà aumentata rappresenta il futuro dello shopping?

Molti grandi nomi dell'industria tecnologica sostengono che la realtà aumentata sarà rivoluzionaria nei prossimi anni. Sebbene la stragrande maggioranza delle persone ha familiarità con i giochi di realtà aumentata come Pokémon GO, un numero minore presta attenzione alle molteplici applicazioni di shopping AR sviluppate di recente. La vendita al dettaglio sta vivendo una rivoluzione in realtà aumentata e la domanda da porsi è: quanto sarà incisivo per gli acquirenti?

Secondo la ricerca di mercato Gartner, "100 milioni di consumatori faranno acquisti online e in-store" tramite AR, mentre il 46% dei rivenditori prevede di implementare soluzioni AR o VR entro il 2020". Per certi versi ha perfettamente senso: la realtà aumentata e virtuale sono molto più coinvolgenti delle foto e tecnicamente dovrebbero darci un'idea più realistica di come possa apparire un prodotto. Quante volte avete acquistato una t-shirt online d'impulso che poi è arrivata di un colore leggermente diverso e la taglia sbagliata? Con le applicazioni di realtà aumentata, questi problemi potrebbero scomparire.

Attualmente, applicazioni come IKEA Place danno anche l'opportunità di visualizzare come dovrebbero apparire i mobili nel vostro appartamento, mentre altre permettono di provare le tonalità di colore di vari rossetti. Poter provare un prodotto su se stessi senza doversi nemmeno alzare dal divano sembra proprio una cosa grandiosa, ma non è che tutte queste applicazioni riusciranno a prevenire il rimorso degli acquirenti?

Poiché è abbastanza popolare, ho deciso di provare l'app IKEA Place per vedere se avrebbe rispecchiato le mie aspettative. In primo luogo, devo ammettere che i modelli di mobili 3D sembrano abbastanza realistici, anche se non mi hanno convinto al 100%. Ma l'app è tutt'altro che perfetta. Quando si posizionano le decorazioni, è stato difficile farsi un'idea realistica delle loro dimensioni. Anche le dimensioni e la prospettiva non vengono regolate al meglio quando si sposta la fotocamera.

ikea place
Sembra decisamente più grande di quanto non lo sia. / © AndroidPIT

Naturalmente, la tecnologia è abbastanza recente e non funzionerà in maniera perfetta considerando che tutti gli smartphone hanno obiettivi di fotocamere diverse al giorno d'oggi. Ma anche tenendo a mente questo particolare, il controllo dei prodotti fisici risulta sempre preferibile. In questo modo si è in grado di vedere e toccare l'oggetto, una sensazione impossibile da riprodurre utilizzando l'applicazione IKEA. E, naturalmente, se stiamo parlando di sedie o divani, non potrete di certo sedervi per constatare la loro comodità prima dell'acquisto. Quindi, nonostante l'app IKEA Place sia divertente e dia un'idea generale di come si presenterebbero i mobili all'interno di un appartamento, non mi fiderei comunque di acquistare.

Ho anche potuto giocare con alcune esperienze AR che si possono trovare preinstallate nell'app fotocamera del Galaxy S10, premendo il pulsante Bixby Vision (o altre applicazioni AR simili). Questa permette di "provare" gli occhiali da sole e di acquistarli in un attimo. I risultati non sono stati molto impressionanti e sembra di utilizzare le semplici maschere di Snapchat. Naturalmente, la causa di tutto questo potrebbe essere il fatto che la linea Galaxy S10 non possiede un riconoscimento facciale 3D, ma anche in questo caso non sono sicura che riuscirete a farvi un'idea migliore o realistica.

bixby vision ar experiences
No, non ho acquistato nessun modello di occhiali da sole. / © AndroidPIT

Questo è il motivo per cui non sono completamente convinta dalle attuali app di shopping AR. Ritengo inoltre che, sebbene la maggior parte di queste applicazioni non siano intenzionalmente fuorvianti, sembrano anche un po' sospette. Possono infatti rendere i prodotti più belli di quanto non siano in realtà. Catene di abbigliamento, accessori e makeup hanno sicuramente un incentivo nel dare al loro prodotto un aspetto sorprendentemente migliore. Naturalmente, tutti cercano di dipingere i prodotti nella migliore luce possibile, ma finché i consumatori non capiranno i limiti della realtà aumentata saranno più propensi a fidarsi di tali applicazioni rispetto ad un cartellone pubblicitario o uno spot video.

In futuro, con il riconoscimento facciale 3D e nuovi sensori (o anche visori e occhiali AR) questo potrebbe cambiare drasticamente, ma per ora mi limiterò a provare gli occhiali da sole fisicamente e a cercare di non perdermi nel labirinto degli store IKEA.

Qual è la vostra opinione sulle app per lo shopping AR? Le avete mai provate?

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica