Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
2 min per leggere 1 Condivisione 1 Commento

Motorola e Google? Due aziende separate

Nonostante Eric Schmidt in persona abbia presentato il Razr M e HD, quando si parla di Android, Google e Motorola rimangono due aziende separate. E d'altra parte che l'acquisizione fosse stata portata a termini principalmente per incamerare un ampio portafoglio di brevetti, da Mountain View lo avevano detto subito. Allora Motorola è o non è una prorità per BigG?

motorola google

Ci siamo stupiti un po' tutti quando proprio Motorola, che ormai da qualche mese è di Google, ha deciso di non aggiornare il suo Atrix ad Android ICS. Niente corsia preferenziale per la casa alata, quindi che nonostante sia di proprietà di BigG rimane un'azienda separata.

Rick Osterloh, uno dei massimi dirigenti del produttore americano, ha dichiarato che a separare i due colossi è stata eretta una barriera, per permettere a entrambe le aziende di muoversi liberamente sul mercato. Un Razr Nexus per esempio, potrebbe arrivare ha detto Osterloh, ma non certo perché Google possiede Motorola. Ma forse le cose cambieranno tra un po' di tempo. Sempre Osterloh ha detto che l'interfaccia Motoblur si avvicinerà progressivamente alla versione pura di Android, dando un interessante indizio sul futuro dell'azienda.

La strategia di Motorola, questa sì ispirata da Mountain View, sembra quella di partire quasi da zero, abbandonando la strada - evidentemente sbagliata - intrapresa fino a questo momento. Si devono inquadrare in questa cornice quindi l'accordo con Intel per gli smartphone con processore Atom come il Razr i e l'assunzione di un nuovo gruppo di esperti per risollevare le sorti dell'azienda. Le strategie di business poi, con l'abbandono dei mercati meno redditizi, quello italiano compreso, sembra indicare che prima di puntarci, Google vuol dare a Motorola una bella ripulita. E la cosa probabilmente prenderà un po' di tempo.

Fonte: Cnet

1 Condivisione

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK