Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK

Qualche giorno fa Motorola ha presentato il suo nuovo Moto X a San Paolo, in Brasile. Per noi c'era Felipe Souza, che ha potuto provare il nuovo smartphone della casa americana da poco acquisita da Google. Può essere davvero il dispositivo del rilancio di Motorola? Ce lo dice Felipe col suo test del Moto X.

motoxdesign
© AndroidPIT

Design

La prima impressione lascia disorientati: la cover posteriore e i bordi dello schermo sono fatti di una plastica apparentemente economica, una volta preso in mano però ci si rende conto come sia di ottima qualità. Grazie al posteriore arrotondato il Moto X risulta ergonomico e si riesce a raggiungere comodamente ogni area del display.

motoxdesign2
Il Moto X durante la presentazione in Brasile / © AndroidPIT

Display 

Motorola non si è fatta prendere dalla gara dei pixel e dalla mania del Full HD. Il display è un AMOLED da 4,7'' con risoluzione HD e una densità di pixel di 321 ppi, il Galaxy S4 per fare un esempio ne sfoggia una da 441 ppi. Nonostante ciò la risoluzione è abbastanza elevata da rendere impossibile distinguere i singoli pixel.

motox1
Uno sguardo alle info sul telefono: il sistema operativo è Android 4.2.2. / © AndroidPIT

Motorola ha dichiarato che il Moto X è pensato per risparmiare più energia possibile e lo si vede già dal display: se si vogliono controllare le notifiche oppure l'ora, basta tirarlo fuori dalla tasca. Il terminale reagisce al movimento e mostra le informazioni sul display, accendendo solo i pixel necessari e lasciando spenti gli altri.

Software 

La funzione più discussa del Moto X è quella del controllo vocale, che funziona con comandi come l'ormai classico “Ok Google”. Si possono selezionare contatti dalla rubrica, effettuare chiamate, mandare SMS o attivare il GPS.

Tramite un servizio Motorola è anche possibile trasferire tutti i propri dati sul Moto X da un vecchio terminale con Android 2.2 o superiore. C'è anche Connect, è un'estensione di Chrome attraverso cui è possibile controllare il Moto X da PC, leggere SMS e altro ancora come succede con Air Droid.

A parte queste funzioni e l'app della fotocamera di cui parliamo sotto, il sistema operatavo del Moto X è in pratica Vanilla Android, ovvero Android puro senza modifiche e app proprietarie in più.

Fotocamera

Se gli ultimi top di gamma Android sfoggiano un sensore da almeno 13 megapixel – a parte l'HTC One e la sua Ultrapixel – Motorola sul Moto X si è limitata a un sensore da 10 megapixel. Girando due volte il Moto X con display spento in mano, si attiva la fotocamera e con un tap su qualunque parte dello schermo si scatta una foto.

motoxcamera1
L'interfaccia della fotocamera con il menu ad anello / © AndroidPIT  

Secondo Motorola grazie a questo sistema si riesce a scattare in 2 secondi, contro gli 8 secondi di un normale smartphone. Durante il mio test il sistema di attivazione ha funzionato sempre bene, un po' meno veloce invece è risultato l'autofocus.

Hardware e scheda tecnica

Già durante la presentazione era stato subito chiaro che Motorola non aveva puntato sull'hardware per offrire un dispositivo all'avanguardia. In futuro – ha detto Guy Kawasaki – ci sarà sempre meno posto per processori ultra potenti e ci si dovrà concentrare su smartphone intuitivi, facili da usare e che offrano una ricca esperienza d'uso.

Non stupisce quindi che il processore sia “solo” un dualcore, un Qualcomm Snapdragon con frequenza di clock a 1,7 GHz, che comunque gestisce ottimamente diverse applicazioni alla volta senza che si rilevino rallentamenti.

Oltre alla cpu principale c'è anche un co-processore incaricato solo di gestire il controllo vocale. In questo modo il processore principale non deve essere usato tutto il tempo.  

Display 4,7'', AMOLED, HD 720p, 321 ppi
Processore Qualcomm Snapdragon S4 Pro (dualcore) @1,7 GHz
RAM 2 GB
Memoria interna 16/32 GB
Fotocamera 10 MP, flash LED (posteriore) 2 MP (frontale)
Batteria 2200 mAh
Dimensioni 129,3 x 65,3 x 5,6-10,4 mm
Peso 130 g
Connettività / Reti Bluetooth 4.0, WiFi ac, HSPA, LTE
OS Android 4.2.2 Jelly Bean

Conclusioni

Il leggero e maneggevole Moto X non è paragonabile a uno dei top di gamma di Samsung o Sony e non brilla per caratteristiche tecniche da urlo. Si tratta però di un terminale dalle funzioni software avanzate pensate per rendere la vita più facile all'utente.

Un ultima cosa: Motorola prima e dopo la presentazione americana ha molto insistito sul fatto che i Moto X fossero Made in USA, il modello che ho potuto provare io però riportava la scritta "assemblato in Cina"...

motoxmadeinchina
Solo i Moto X per il mercato USA sono assemlbati negli Stati Uniti / © AndroidPIT

Nessun commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK