Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
4 min per leggere 1 Condivisione 8 Commenti

Navigatori a confronto: NavFree Vs. Sygic

navigatori android navfree sygic

Non c'è dubbio che i navigatori per Android siano tra le app più scaricate, visto che gli smartphone non solo hanno sostituito per gran parte di noi le macchina fotografiche economiche, ma anche i navigatori GPS per auto. Sui market Android si trovano decine di diverse app per la navigazione, sia gratuite che a pagamento. Tra le prime una delle più popolari è NavFree, mentre tra quelle premium una delle più apprezzate è Sygic. Vediamo le differenze tra queste due app.

Navfree è conosciuto anche come uno dei pochi navigatori Android gratuiti offline. Le mappe su cui si basa, che devono essere scaricate quando si installa l'applicazione, sono quelle del progetto OpenStreetMap, sviluppato e mantenuto su base volontaria da milioni di utenti sparsi per il mondo.

Una volta scaricata la mappa desiderata sulla propria scheda SD, quella italiana pesa 254 Mb, Navfree è in grado di darci le indicazioni per arrivare alla nostra meta, senza che ci sia bisogno di essere connessi a internet. Piccolo, ma importante particolare: per il calcolo iniziale del percorso Navfree necessita di una connessione dati, infatti usa Google per trovare la destinazione desiderata.

Sygic è una delle app Android per la navigazione più popolare. È installabile in prova gratuita per 7 giorni dopodiché è necessario acquistare una delle licenze, dal prezzo in linea con la concorrenza (Italia €29.90, Europa €59.50). Sygic utilizza le mappe di TomTom, una garanzia quindi, e si presenta come uno dei software più completi della categoria: sono presenti le notifiche per il traffico, gli incidenti, gli autovelox e molto altro. Inoltre sono anche disponibili opzioni di conivisione della propria posizione e altre informazioni.

Interfaccia

L'interfaccia in un navigatore è decisamente importante: dobbiamo poter svolgere azioni velocemente, magari addirittura mentre aspettiamo che scatti il verde al semaforo. La schermata iniziale di Navfree si presenta come 9 grandi icone disposte su tre file che risultano semplici e veloci da raggiungere anche su display piccoli. Non altrettanto bene si può parlare dell'organizzazione dei sottomenu che sembra un po' confusionaria. A volte la stessa voce si trova in due differenti sottomenu (i menu Naviga e Trova sono identici) altre volte una funzione non si trova nel menu in cui ce l'aspetteremmo, ma in un'altro. Insomma, per fare velocemente quello che vogliamo ci vuole un po' di abitudine.

navfree sygic inizio

I menu di Sygic sono più curati e più intuitivi. Prima di fare un tap su una voce di menu sappiamo già cosa aspettarci. La schermata iniziale ci mostra la nostra posizione sulla mappa e con un tap ci troviamo nel menu principale da dove possiamo ricercare velocemente una destinazione o impostare le opzioni per il percorso desiderato.

Ricerca del percorso

Come detto sopra, per la ricerca della destinazione NavFree ha bisogno che ci sia una connessione dati attiva. Il calcolo del percorso è veloce così come lo è anche il ricalcolo nel caso si sbagli strada. Per quest'operazione non c'è bisogno di essere connessi a Internet. Su Sygic invece la ricerca del percorso può essere fatta completamente offline. Dal punto di vista dei tempi non ci sono grosse differenze, ma NavFree a volte palesa qualche difficoltà con i numeri civici, nonstante siano tra i criteri di ricerca disponibili.

navigazione

Navigazione

Anche sulla schermata di navigazione NavFree ha qualche qualche carenza rispetto a Sygic. In entrambe le app le indicazioni sono chiare e leggibili e sono disponibili la visualizzazione in 2D, in 3D e quella in notturna. Putroppo NavFree non dà la possibilità di zoomare con due dita (pinch-to-zoom), il che renderebbe la consultazione della schermata più veloce e semplice, né fornisce il limite di velocità in vigore sulla strada percorsa. Altra pecca di NavFree è che per tornare al menu principale si deve fare un tap sull'apposita icona, che su molti smartphone è posta appena sopra il tasto "Indietro"; nel caso si prema per sbaglio quest'ultimo, si esce dall'applicazione senza che ci venga neanche chiesto di confermare: frustrante.

Le indicazioni vocali sono chiare e in entrambi i navigatori sono date da voci limpide e ben comprensibili. Su NavFree è anche disponibile la visualizzazione in modalità safety, che al posto della mappa mostra sul display solo delle grandi frecce ben visibili che indicano la direzione in cui svoltare.

Conclusioni

NavFree è gratuito anche per le sue mappe che sono frutto del lavoro di volontari, ma paradossalmente è nell'interfaccia che mostra le pecche più gravi, almeno in confronto a Sygic. Quest'ultimo, oltre ad avere mappe più dettagliate, è anche più curato e più completo, ma di parte delle funzioni che offre si potrebbe anche fare a meno.

Quale dei due scegliere? Per una scampagnata ogni tanto, Navfree andrà più che bene, per un uso professionale, molto meglio affidarsi a Sygic, che ha anche il pregio di non dipendere da una connessione internet.


 

1 Condivisione

8 Commenti

Commenta la notizia:
  •   27
    Mauro 1-nov-2015 Link al commento

    .

  • Forse l'articolo è stato sponsorizzato oppure dovreste fare più attenzione ai dettagli delle vostre recensioni. Nav free non ha alcun bisogno di connessione internet per stabilire il primo percorso. Provate pure e digitate un indirizzo di destinazione senza connessione dati e il programma calcolerà perfettamente la vostra destinazione.

  • Ciao Loris, l'hai installato sul Galaxy S3? Io ho provato 2 volte sull'HTC desire c della mia ragazza, ma è meno perfomante di quanto credessi.

  • Loris 18-ott-2012 Link al commento

    Ho installato Sygic e va benissimo, la grafica è eccellente e le indicazioni chiare e puntuali. La voce guida nitida e senza sbavature; indica l'anteprima della strada e il nome (tst). La sto usando da circa un mese senza problemi. Vi è anche la navigazione pedonale incredibilmente precisa. Ottima applicazione!

  • @Silvia Biac-Q in entrambe le applicazioni le mappe vengono scaricate sulla SD al momento dell'installazione

  • Jaro forse prima di parlarle dovresti provare: questi sono i risultati che puoi avere con le nuove mappe di iphone 5 (http://affaritaliani.libero.it/mediatech/iphone-5-mappe210912_mm_318921_mmc_3.html), ti sembra un lavoro ben fatto?

  • Jairo3 18-ott-2012 Link al commento

    Ammetto di non averle ancora provate, ma se quelle raffigurate qui sono le mappe di queste 2 nuove app posso dire che lasciano abbastanza a desiderare.
    Soprattutto visti gli sviluppi avuti di recente sulle map di iphone5

  • assolutamente Sygic se è offline. Perdonate l'ignoranza, il GPS ti localizza, ma come fa a scaricare le mappe se non ha connessione internet??

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK