Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.
Netflix prende posizione, le applicazioni iPhone inviano dati personali
Apple Vincitori e perdenti 2 min per leggere Nessun commento

Netflix prende posizione, le applicazioni iPhone inviano dati personali

Netflix prende una posizione chiara contro la legge anti-aborto nello stato americano della Georgia, mentre diverse applicazioni iPhone ben note inviano dati personali degli utenti agli sviluppatori. Ecco i vincitori e i perdenti della settimana.

Vincitore della settimana: Netflix

Negli Stati Uniti, ci sono diversi stati che vogliono implementare il cosiddetto "Heartbeat Bill". L'aborto è quindi illegale dal momento in cui è possibile misurare il battito cardiaco embrionale o fetale. Anche se una gravidanza è il risultato di uno stupro. Lo Stato americano della Georgia fa parte della lista degli Stati che desiderano attuare questa legge. I diritti delle donne sarebbero così tornati a quelli che erano prima del 1973, anno in cui l'aborto è stato legalizzato negli Stati Uniti.

Netflix si oppone attivamente. Il servizio di streaming online, come molti altri studi cinematografici, produce molti film e serie in Georgia. Se questa legislazione dovesse entrare in vigore il gigante dell'intrattenimento non si presenterebbe più su tale territorio.

"Nelle nostre produzioni in Georgia impieghiamo molte donne i cui diritti, come quelli di milioni di altri, sono severamente limitati da questa legge" ha detto Ted Sarandos, Content Manager di Netflix.

Un chiaro segnale che dovrebbe mettere sotto pressione l'economia statunitense. L'annuncio sembra già avere i primi effetti nell'industria cinematografica: la Disney ritiene inoltre che non sarà possibile rimanere attivi in Georgia ancora a lungo se la legge controversa entrerà in vigore.

AndroidPIT Apple iphone 8 0050
Apple potrebbe fare di più per controllare le app sull'App Store. / AndroidPIT di Irina Efremova

Perdente della settimana: Apple

Apple pubblicizza massicciamente la protezione dei dati personali: "What Happens On Your iPhone, Stays On Your iPhone". Questo potrebbe anche essere vero per le applicazioni Apple. Infatti, le precauzioni prese dal produttore sono a volte molto esemplari. Purtroppo Apple non ha alcun controllo sulla situazione delle applicazioni di terze parti, nonostante il suo dominio sull'App Store.

Geoffrey A. Fowler, editorialista del Washington Post, insieme alla società di protezione dei dati Disconnect, ha monitorato il traffico sul suo iPhone. In una sola settimana erano attivi oltre 5.400 tracker. Applicazioni come Yelp, Nike, The Weather Channel o lo stesso Washington Post, hanno inviato molti dati a terzi, soprattutto di notte, quando Fowler dormiva pacificamente. "Cosa succede sul tuo iPhone, non necessariamente rimanere sul tuo iPhone" sarebbe uno slogan più appropriato...

Quali sono i vostri vincitori e perdenti della settimana?

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica