Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione.

5 min per leggere Nessun commento

Nokia ha una lunga storia che non ha nulla a che fare con i telefoni

Nokia è tornata! Dopo la disastrosa relazione con Microsoft, l'azienda finlandese è pronta ora a rientrare nel mercato degli smartphone. Questa resurrezione nel mondo della telefonia mobile è solo l'ultima di una lunga serie di cambiamenti di direzione della compagnia. Ricostruiamone velocemente insieme la storia. 

Torniamo indietro fino agli anni '80

Nel 1988 Nokia Corporation decise di focalizzare la propria attenzione sulla telefonia mobile; nel giro di dieci anni, diventò la numero uno del mercato, avendo deciso di raddoppiare i propri investimenti nel settore comunicazioni.
Ma prima di questo molto altro era già successo: la Nokia Corporation iniziò come un amalgama di tre compagnie.

Nel 1865, anno in cui una delle parti della futura Nokia Corporation fu fondata sulle cascate Tammerkoski, il business della società era basato su un mulino di pasta di legno. L'ingegnere minerario Fredrik Idestam, fondatore dell'azienda, si rese velocemente conto dell'alta domanda ed aprì subito un secondo mulino sulle sponde del fiume Nokianvirta in Finlandia. Il nome Nokia, che tutti associamo ai telefoni, deriva proprio da questo fiume, e dal paese chiamato Nokia, appunto, da cui viene attraversato.

Nokia wood mill
Il secondo mulino di pasta di legno sulla sponda del fiume Nokianvirta. / © NOKIA

Questo significa che le radici di questa compagnia erano profonde ben prima che fosse scritto il 'Nokia ringtone'. In realtà questo è un assolo di chitarra chiamato Grand Vals e scritto da Francisco Tarrenga nel 1902. Il ché significa che la compagnia non ebbe nulla a che vedere con la sua creazione, ovviamente.

Un altro pilastro fondamentale nella fondazione di questa compagnia fu la produzione di prodotti di gomma, quali stivali e pneumatici.

È ancora possibile acquistare la marca di stivali che ne venne fuori, la 'Nokian Footwear', una compagnia che fu formalmente fondata nel 1990 (e venduta poi alla Berger), ma che ha le sue radici nel 1898 quando fu creata la Finnish Rubber Works da Leo Mechelin. Dopo gli stivali di gomma ed i pneumatici, la compagnia ha allargato ancora la sua produzione con altri prodotti in gomma come tubi flessibili e cinte per macchinari.

Nokia boots factory
Ammettetelo. Volete un paio di stivali Nokia adesso, eh? / © NOKIA

La storia della Nokia si intreccia quando, nel 1871, si istituisce la Nokia Company (Nokia Aktiebolag) come società cuscinetto tra la Idestam e la Mechelin.

Non molto tempo dopo, nel 1912, fu fondata la Finnish Cable Works, per iniziare la produzione nazionale di cavi per telegrafi, elettrici e linee telefoniche. Nel 1922, la Finnish Rubber Works, la Nokia Company e la Finnish Cable Works unirono le forze, ma fu solo nel 1967 che la Nokia Corporation fu ufficialmente istituita.

Nel 1960, avendo cambiato le premesse, la Finnish Cable Works istituì la sua prima divisione elettronica, che alla fine l'ha portata verso l'industria della telefonia mobile,sotto la guida dell'ex (e primo) presidente e CEO della Nokia Corporation, Björn Westerlund.

Inoltre negli anni '60 la Nokia Corporation iniziò a produrre vari oggetti per le forze della Difesa Finlandese, tra cui la maschera anti-gas M61 che ha continuato a produrre fino agli anni '80. Sviluppò anche un sistema wireless di messaggi per le forze armate da usare sul campo, che fu finalmente messo in funzione nel 1983 dopo anni di ricerca e sviluppo.

Sanomalaitteet ja LV 217 radio
Il primo sistema di messaggi wireless della Nokia fu sviluppato per i militari. / © MKFI/Wikipedia

Durante tutti gli anni '70 Nokia ha continuato ad accrescere il suo network e la divisione infrastrutture e questa è rimasta una delle parti più redditizie dell'azienda che ha conservato dopo la vendita dei beni relativi alla telefonia mobile a Microsoft nell'aprile 2014.

Westerlund, stando a quanto riferisce The Decline and Fall of Nokia (Il declino e la caduta di Nokia) di David Cord, cercava di spingere i suoi impiegati a lavorare su propri progetti di ricerca, cosa non molto diversa dalla regola del 20% che, poco dopo, Google fece propria (per poi abbandonare, ma questa è un'altra storia).

Il post-Westerlund

Nel 1977, a Westerlund successe Kari Kairamo, e questo fu il vero inizio del focus di Nokia sull'elettronica e il primo passo verso la divisione delle tre compagnie nel 1990.

Nokia tv
Non si vedono molte TV Nokia in questo periodo. / © Ken Banks/Flickr

Da quel momento in poi la Nokia Corporation si è ingrandita e ha iniziato a produrre altri tipi di apparecchi, tra cui televisori e computer. Nel 1981, c'è stato il MikroMikko M1, il primo computer dalla Nokia Data, uno dei settori della compagnia. Aveva solo 64KB di memoria, due unità disco 640KB di 5,25 pollici e una corpulenta tastiera di due kili.

Nel 1982 fece il primo telefono da auto, e nel 1984, lanciò il primo vero e proprio mobile phone. 'Mobile', in questo caso è una tecnicità degli standard di oggi... pesava 5 chili! Non sorprende che anche questo fosse pensato per un uso in auto. Solo nel 1987 ci fu il lancio del Mobira Cityman, un telefonino portatile.

Nokia Mobira 2
Il Nokia Mobira Talkman fu uno dei primi telefonini portatili al mondo.  / © NOKIA

Sotto la sua direzione la compagnia condusse diverse incursioni in nuovi mercati, ma alla fine degli anni '80, a causa degli scarsi risultati nei settori dei televisori e dei computer, Kairamo si suicidò, nel dicembre del 1988. Gli successe Simo Vuorilehto come CEO ad interim e poi Jorma Ollila prese il posto d'onore dal 1992 al 2006.

Negli gli anni '90, durante il mandato di Ollila, la Nokia vendette tutti i settori che non facessero parte del business delle telecomunicazioni, avendo già separato tra il 1988 e il 1990 la Nokia Tyres, la Nokian Footwear e il settore della carta originario (oggi Nokian Paperi).

Oggi la Nokia sta rientrando nel mercato degli smartphone e spera di riconquistare almeno una parte della sua gloria da leader del mercato, dopo anni di inattività con l'OS di Microsoft. Ma se non dovesse riuscirci ha costruito comunque una grande storia! 

11 Condivisioni

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più