Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione.

2 min per leggere Nessun commento

OnePlus One: una tempesta di inviti!

Se come me vi site registrati al sito di OnePlus per ricevere un invito per Il OnePlus One, allora sicuramente avrete letto l'email che nelle ultime ore è giunta alle vostre caselle di posta. Solo una settimana fa, questa casa produttrice si è scusata per il ritardo nell'arrivo di questi inviti, dovuto a problemi con il software di Cyanogen, ma finalmente torna qualche speranza.

oneplus storm
© OnePlus

Come al solito OnePlus ama i messaggi forti, e questa volta parla di una tempesta di inviti. In realtà se consideriamo la notevole quantità di utenti interessati a questo dispositivo, 2,500 inviti non sembrano poi così tanti, ma dovremo accontentarci. 

Come al solito per ricevere un invito, dovremo entrare in tutti i nostri social network e mettere un like alla pagina di OnePlus, nonchè condividere la buona novella su Twitter e seguire questa brand su instagram. 

Come faccio a ricevere questo OnePlus One?

Come prima cosa abbiamo bisogno di ricevere uno di questi inviti, cosa che possiamo fare aderendo ad uno dei numerosi contest condivisi sul sito ufficiale di OnePLus. Considerando che attualmente gli inviti disponibili sono solo 2,500, si tratta di un'ardua impresa, ma se dovessimo essere tra i pochi fortunati, allora dovremo seguire il link che ci viene inviato per email e registrarci o fare il log in. Qui possiamo ricevere il nostro invito e procedere per l'acquisto del dispositivo, che al momento costa 299$. Una volta scelti gli accessori preferiti e compilati i dati di spedizione, potremo inserire il nostro account di PayPal. 

Il problema rimane lo stesso, non possiamo sapere con certezza quando questo dispositivo sarà disponibile e sembrerebbe che questa tempesta di inviti sia l'ennesima trovata di OnePlus per calmare gli animi degli utenti arrabbiati. 

Qualcuno di voi ha già ordinato un OnePlus One?

 

Fonte: OnePlus

Nessun commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più