Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

6 min per leggere Nessun commento

Dal One al 5: ecco come OnePlus si è reinventata

Il OnePlus 5 è stato ufficializzato un mese fa. Abbiamo rivolto lo sguardo al passato, al lontano 2014 quando il OnePlus One ha fatto il suo debutto, per raccontarvi la storia di questa prodigiosa startup.

Tutto ha inizio nel dicembre 2015. Pete Lau e Carl Pei fondavano la startup OnePlus. Entrambi lavoravano per Oppo, Pete Lau era vicepresidente e allora era impegnato ad equipaggiare l'Oppo N1 con CyanogenMod. Oppo era coinvolto dall'inizio come investitore. OnePlus si era posta l'obiettivo di produrre degli smartphone caratterizzati da un ottimo rapporto qualità/prezzo.

La stella nascente: il OnePlus One

Già con il primo smartphone erano riusciti nell'intento: il OnePlus One dava filo da torcere ai flagship, offriva alte prestazioni ma costava la metà dei top di gamma di Samsung o HTC. Il prezzo di partenza del modello dotato di 16GB di memoria era di 269 euro, il OnePlus One con 64GB di memoria costava invece 299 euro. Il sistema operativo utilizzato era Cyanogen OS, apprezzato dagli appassionati.

La promessa di OnePlus di offrire alte prestazioni ad un prezzo contenuto era stata mantenuta. Il OnePlus One era però un diamante grezzo per certi versi: non tutto era perfetto, tra le altre cose non offriva l'importante supporto per LTE in banda da 800 MHz.

Perfetta è stata senza dubbio la campagna di marketing: bisognava ricevere un invito per acquistare il OnePlus One. Per la startup si trattava di una strategia essenziale per controllare la produzione e la vendita dei dispositivi. Con il sistema ad inviti il OnePlus One era per pochi, cosa che non ha fatto altro che aumentare la curiosità di molti utenti. Ad ogni modo OnePlus è improvvisamente diventata la star della telefonia.

AndroidPIT oneplus history 0061
Sei volte OnePlus. / © AndroidPIT

È stato alla fine del 2014 che OnePlus ha dato la prima delusione agli utenti: il brand litiga con Cyanogen Inc. e si assume il compito di sviluppare il software da solo. Un compito arduo, come abbiamo potuto vedere.

OnePlus 2: l'esperienza insegna

Per comprendere OnePlus bisogna conoscere il dramma attorno al OnePlus 2. E' stato pensato come successore del prodigioso fratello nato nel 2014. Doveva essere indicato per il pubblico mainstream e doveva portare avanti la fama del brand, quindi alte prestazioni a prezzo ridotto. Inoltre la presentazione ha avuto luogo con l'aiuto della VR, facendo di OnePlus un'avanguardista.

Naturalmente doveva esserci il miglior chip Qualcomm, il famigerato Snapdragon 810. Il fatto che si sia subito rivelato un flop ed il tentativo di OnePlus di vendere il chip utilizzato come la seconda generazione 810 migliorata non hanno aiutato molto. Ancora peggio si è rivelata la rinuncia all'NFC che i fan non hanno proprio digerito. Il noioso sistema ad inviti ha fatto il resto. Anche sul fronte assistenza clienti OnePlus ha incassato non poche critiche.

androidpit OnePlus 2 hero 9
OnePlus 2. / © ANDROIDPIT

Un anno e mezzo dopo il co-fondatore Carl Pei ha affermato in un'intervista che il OnePlus 2 è stato una fregatura. Ad ogni modo OnePlus ha imparato molto dagli errori. Col senno di poi ha ammesso che l'azienda ha tratto le conclusioni sbagliate dal successo del OnePlus One. Perciò il successo è da ricondurre alla fortuna e al momento giusto. Per la startup i problemi sorti dal OnePlus 2 sono stati di grande esperienza.

OnePlus X : l'esperimento

Nell'autunno 2015 OnePlus si cimenta in un interessante esperimento: come sarebbe uno smartphone con un prezzo da fascia media (200 - 300 euro) ma con un hardware all'avanguardia? La risposta è il OnePlus X.

Androidpit Oneplus x vs oneplus 2 2
Gli smartphone OnePlus del 2015 2 e X. / © ANDROIDPIT

In termini di design si discostava dai suoi predecessori: la scocca era di vetro o ceramica, il design gli dava un tocco pregiato. Il OnePlus X è stato vittima del suo destino beffardo: ha ricevuto un aggiornamento a Marshmallow ma non ha potuto ottenere l'aggiornamento a Nougat. Infatti per Android Nougat Google richiedeva il supporto dell'interfaccia grafica Vulkan che però era incompatibile col chip grafico dello Snapdragon 801.

OnePlus 3: il brand spicca il volo

La fama di OnePlus era in fase calante, anche per via di dubbie campagne di marketing: "Smash the Past" per esempio che doveva festeggiare il lancio del OnePlus One. Gli utenti venivano quindi incoraggiati a distruggere i loro smartphone per passare ad un nuovo OnePlus One. Subito è stato chiaro: la community era andata troppo oltre. OnePlus fa marcia indietro affermando che consigliava agli utenti di rottamare il proprio smartphone.

In tal senso il 2016 può essere considerato l'anno della costruzione delle fondamenta. Il OnePlus 3 è riuscito a convincere su tutti i fronti. Alte prestazioni, corpo in metallo di alta qualità e buon rapporto qualità/prezzo a cui ci eravamo abituati caratterizzano il OnePlus 3.

AndroidPIT oneplus 3 6704

Il OnePlus 3 ha riportato il produttore sulla strada del successo. / © AndroidPIT

Quasi un successore: il OnePlus 3T

Qualcosa di incredibile succede in autunno: il OnePlus 3T. Era una ripresa del OnePlus 3 con uno Snapdragon 821 più veloce ed una fotocamera per i selfie migliorata. Non si trattava proprio di un upgrade per i possessori del OnePlus 3 ma piuttosto di un'offerta aggiornata con lo scopo di partecipare alla lotta tra i competitor dell'autunno.

AndroidPIT OnePlus3 soft gold vs gray silver 6643
Quasi nessuna differenza tra il OnePlus 3 e 3T. / © AndroidPIT

L'ultimo arrivato: il OnePlus 5

È il momento di incoronare OnePlus? Il OnePlus 5 ha voluto esplorare nuovi territori. Assieme a DxOMark OnePlus ottimizza la fotocamera, lo Snapdragon 835 si occupa delle prestazioni e già al primo sguardo al design ci si accorge che OnePlus ha fatto fare una bella dieta allo smartphone. Per prima cosa OnePlus utilizza un setup a doppia fotocamera che garantisce dei buoni risultati.

Never Settle è il motto ufficiale di OnePlus. Ciò significa non fermarsi mai e provare sempre qualcosa di nuovo. Per il OnePlus 5 si aggiunge lo slogan Focus on what matters. Questo motto si riferisce alle abilità della fotocamera del OnePlus 5 ma, in senso più ampio, anche agli esperimenti come OnePlus X che oramai appartengono al passato e invita a concentrarsi sull'essenziale. 

AndroidPIT oneplus 5 0243
Il OnePlus 5 ha migliorato la fotocamera. / © AndroidPIT

Sul OnePlus 5 il brand ha fatto un ottimo lavoro: bello nel design, veloce nelle prestazioni, buona l'esperienza con la fotocamera. I piccoli problemi riscontrati inizialmente con Bluetooth e WIFI si stanno risolvendo con il rilascio di aggiornamenti software ed il prezzo... beh, continua ad essere uno dei più competitivi sul mercato.

Quali sono le vostre esperienze con uno smartphone OnePlus? Fatecelo sapere nei commenti!

5 Condivisioni

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica