Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Gli Originals diventeranno gratuiti, YouTube promette di essere responsabile

Gli Originals diventeranno gratuiti, YouTube promette di essere responsabile

YouTube renderà i suoi Originals gratuiti per tutti, ha confermato il Chief Business Officer Robert Kyncl. Precedentemente bloccati dietro un paywall, gli spettacoli creati apposta per YouTube saranno disponibili gratuitamente ma supportati da annunci pubblicitari.

YouTube Originals include spettacoli come lo spin-off di Karate Kid Cobra Kai, appena rinnovato per una terza stagione. Parlando con gli inserzionisti ad un evento chiamato Brandcast a New York, Robert Kyncl ha detto che tutta la programmazione originale d'ora in avanti sarà libera ma supportata da annunci.

YouTube dovrebbe mantenere degli abbonamenti a pagamento per l'accesso illimitato a questi contenuti, con le suddette "finestre" di visualizzazione supportate da annunci. Ad esempio, la prima stagione di Cobra Kai sarà disponibile gratuitamente dal 29 agosto all'11 settembre, in seguito la seconda stagione sarà disponibile.

"Mentre ogni altra azienda mediatica sta correndo per mettere i propri contenuti dietro il paywall, noi ci stiamo dirigendo nella direzione opposta, rendendo disponibili gratuitamente i nostri contenuti originali", ha detto Kyncl. Questo tipo di contenuti originali includerà la commedia a tema fitness di Kevin Hart chiamata What the Fit, e le collaborazioni con celebrità come Justin Bieber e Paris Hilton.

Oltre all'annuncio relativo ai contenuti originali, YouTube ha recentemente attraversato la pietra miliare di 2 miliardi di utenti connessi ogni mese, come confermato dal CEO Susan Wojcicki durante lo stesso evento. Secondo Wojcicki , gli spettatori trascorrono 250 milioni di ore a guardare YouTube sui loro schermi televisivi ogni giorno, contro i 180 milioni di ore della metà dello scorso anno.

Ma con una portata sempre più ampia arriva una maggiore responsabilità verso il pubblico, cosa che YouTube ha generalmente evitato di discutere, citando l'impegno per la libertà di parola come motivo per non interferire nell'upload dei creatori di YouTube (come i creatori vi diranno, YouTube può essere molto hands-off o arbitrariamente draconiano quando fa loro comodo). Andando avanti, tuttavia, il sito di condivisione video di proprietà di Google si unisce ad altre grandi aziende tecnologiche nel sostenere, almeno, di lavorare sodo per rimuovere dal sito contenuti dannosi.

Cosa ne pensate dello stato attuale di YouTube? Guarderete gratuitamente i suoi contenuti originali?

Articoli consigliati

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica