Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Opinion 3 min per leggere 1 Commento

Perché configurare uno smartphone deve essere così complicato!?

Qualche giorno fa è arrivato di nuovo il momento: resettare lo smartphone e configurarne uno nuovo. Ciò significa nuovo account, nuovi dati. Francamente, è stato un calvario. La configurazione degli smartphone deve essere più semplice, non può andare avanti così!

Ora vi racconto meglio cosa è successo. Volevo configurare il mio vecchio Samsung Galaxy S7 per un ulteriore utilizzo all'interno della famiglia. Funziona ancora. Prima cosa da fare, inserire l'account Google e la rispettiva password. Mi sono rallegrato quando quando ho visto il tasto WPS su WLAN: nessuna password WIFI doveva essere inserita. Ma dopo...

Sono spuntate fuori tutte le voci legate alla privacy che non ho certo potuto trascurare. Accettare termini e condizioni accettano, Ila condivisione della posizione e poi è arrivato il momento di ripristinare le funzioni di ripristino e backup. E poi arriva l'account Samsung. E tutto di nuovo dall'inizio. No, non è stato divertente.

AndroidPIT Samsung galaxy s7 3
Galaxy S7: configurarlo è stata un'agonia. / © ANDROIDPIT

È questo è solo l'inizio. Mi sono poi scontrato con l'aggiornamento di quasi tutte le app (!) preinstallate, più di 20! Il Play Store nel mentre scarica le applicazioni a passo di lumaca e le integra nel sistema; dopotutto la funzione di ripristino installa una serie di app che sono già in uso sullo smartphone.

Tutto ciò è finito. Sono solito installare diverse app sui miei dispositivi ma ho il terrore vi sia un numero incredibile di app installate che non useremo mai sul nostro smartphone. Solo un esempio: sebbene io sia un grande fan delle applicazioni VR, in futuro, S7 non dovrà più preoccuparsi degli occhiali Gear VR. Non sarebbe meglio disinstallare l'app? Forse no ma almeno disabilitarla in modo che scompaia dal cassetto delle applicazioni e non venga accidentalmente eseguita in background. No, per ora non si può. Lo stesso vale per e-mail, Instagram, Facebook e una serie di altri bloatware che occupano spazio e consumano energia. Come può essere che da acquirente e possessore di smartphone non abbia alcun controllo sulle app installate?

Troppe funzioni: gli smartphone diventano ingombranti

Anche dopo avere speso un po' di tempo nelle impostazioni non sento di aver portato l'S7 ad una condizione decente per la sua seconda vita. Al contrario: noto ovunque feature superflue o confuse. Sono felice di pensare agli smartphone che, dopo la configurazione, installano solo le app veramente necessarie.

Persino Android One non è una panacea: anche in questo caso nell'installazione guidata vi sono molte opzioni che attaccano gli utenti. A proposito, uno studio di Bitkom conclude che due terzi dei consumatori riscontrano problemi nella configurazione di nuovi gadget tecnologici, e non si parla solo di smartphone.

Con permesso: non può essere così. La tecnologia offre così tante funzioni oggi che alcune modifiche sono necessarie. Questo non è un problema. Ma c'è un limite. 

Avete mai avuto problemi nella configurazione di un nuovo dispositivo elettronico?

1 Commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Son perfettamente d'accordo.
    E voglio sottolineare che più il telefono costa, più feature ha, più complicato è configurarlo. Tant'è che penso che il mio prossimo acquisto sarà un telefono al di sotto dei 200€ con Android One.

Articoli consigliati