Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
3 Condivisioni 1 Commento

Perché la console Ouya è proprio un'idea brillante (parte 1)

Pochi giorni fa avevamo riportato la notizia di una console basata su Android di nome Ouya, che tra l'altro è sviluppata da alcuni tra i massimi esperti della scena gaming. Soltanto 48 ore dopo la pubblicazione dell'articolo, il progetto ha già raccolto un altro milione e mezzo che sommati agli altri due e mezzo fanno la ragguardevole cifra di 4 milioni in meno di 72 ore. Strabiliante se si pensa che gli ideatori si proponevano di raccogliere un milione di dollari in un mese: adesso hanno già più di 20.000 ordini per la console Ouya nel portafoglio. Nonostante questo successo, alcuni siti specializzati come tra gli PC World, Phandroid e Gamasutra hanno sostenuto che Ouya sarebbe una cattiva invenzione, se non una pessima idea. Dopo aver letto quegli articoli, noi di AndroidPIT siamo giunti alla conclusione opposta. Non intediamo certamente che tutti i punti messi in luce in quegli articoli non siano validi, tuttavia riusciamo a vedere molti più aspetti positivi, che ci fanno ritenere che la console Ouya possa rivelarsi proprio un'idea brillante.

ouya

Secondo gli articoli sovracitati, i punti deboli della console sarebbero:

  • la capacità di gioco
  • la quantità di giochi/titoli ottimizzati per tablet
  • le specifiche hardware
  • gli sviluppatori (che non sono intenzionati a produrre giochi per Ouya)

Non sto dicendo che la console non dovrà superare delle sfide, come ogni altro prodotto che esce sul mercato. Tuttavia, i punti sopra menzionati mi sembrano argomenti piuttosto deboli, se si dà uno sguardo più da vicino al concetto di Ouya. Parliamo ancora una volta di questi temi, e dopo dei vantaggi offerti dalla console, che non vengono richiamati negli articoli.

Capacità di gioco

I contrari alla console ritengono che non ci sarebbero abbastanza giochi Android ottimizzati per i tablet, o espresso ancora meglio, che non ci sarebbero abbastanza giochi che si vedrebbero bene su un televisore. Se questo fosse un argomento, allora la Xbox 360 non sarebbe mai dovuta uscire sul mercato. Eppure soltanto questa console si è presentata sul mercato all'inizio avendo soltanto 14 giochi disponibili in America del Nord e 13 in Europa, ciò nonostante si è rivelata un successo. Lo stesso vale anche per la Playstation 3: all'inizio erano disponibili soltanto 14 titoli.

A coloro che pensano che un Tegra 3 e 1 GB di RAM non sarebbero sufficienti a tirare fuori il massimo della grafica e della struttura dei giochi, dico che si sbagliano. Il gioco Dead Trigger è un buon esempio a proposito, che anche Android è in grado di sostenere simili specifiche. Certo, non siamo ancora ai livelli di Resident Evil questo va detto con molta onestà, ma in ogni caso si tratta pur sempre di qualcosa già impressionante e perfetto anche per lo schermo di una TV ad alta definizione.

Chi ha un tablet, comunque, ha già adesso a disposizione ben più di 14 giochi, che si lasciano usare alla grande. Nova 3 è un esempio. Se il tablet è collegato al televisore via HDMI, la grafica sullo schermo risulta parecchio impressionante. Quindi Ouya arriverà in un primo momento sul mercato con ben più titoli di quanti ne avessero a disposizione Sony e Microsoft, e si tratta certo di titoli che si possono giocare molto bene con un gamepad.

Specifiche hardware

Tegra 3 e un 1 GB di RAM sono senz'altro non sufficienti per una PS4 o una XBOX720, tuttavia non è neanche intenzione e obiettivo di Ouya mettersi a confronto con queste console. Se gli sviluppatori avessero voluto farlo, avrebbero pensato ad un altro dispositivo lettore CD o avrebbero inserito un ben altro hardware. Quel che poi non bisogna neanche dimenticarsi è che la nuova console arriverà probabilmente soltanto all'inizio di marzo 2013, il che consentirà al gruppo di sviluppatori di riflettere ancora sulla CPU e la quantità di RAM. Senza dubbio questa console non sarà il killer dell'Xbox o della Playstation, e nessuno l'ha mai pensata in tal modo. La direzione presa da Ouya è ben altra.

Sviluppatori di giochi

Vi ricordate quei tempi antichi in cui Android non aveva ancora così tante belle applicazioni e giochi come l'Apple? Quei giorni sono passati. L'affermazione che gli sviluppatori non riconoscerebbero la console per quello che è, è sbagliata secondo me. Si tratta piuttosto di una buona occasione per tutti gli sviluppatori di giochi essere lì presenti fin dall'inizio.

Ci sono veramente solo pochi sviluppatori di giochi per Android che avrebbero il budget e le risorse per sviluppare titoli per Xbox o Playstation. E quanti sarebbero gli sviluppatori che vorrebbero vedere il loro gioco presente non soltanto sul Google Play, nell'Amazon Market o nell'App Center di AndroidPIT, ma anche su una console come Ouya, che potrebbe essere il mezzo per fare diventare realmente il loro gioco la futura nuova prossima moda. Sono sicuramente molti più di quanti potremmo immaginare. Soprattutto negli utlimi tempi, sono sempre di più gli sviluppatori che dotano i loro giochi del supporto per gamepad, in modo che i loro giochi siano sempre più vicini alle sensazioni da console.

Come per qualsiasi startup, naturalmente, c'è la possibilità che possa fallire. Tuttavia, non ci esistono argomenti reali per deciderlo in anticipo. Se vuoi saperne di più sulla console Ouya, resta su AndroidPIT per la seconda parte di questo articolo, in cui spiegheremo perché - secondo noi - la console Ouya in realtà è davvero una buona idea!


(Fonte dell'immagine: Kickstarter Ouya - editata da Eric McBride)

Questo articolo è una traduzione dell'originale pubblicato sulla pagina inglese di AndoidPIT.

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK