Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
3 min per leggere 1 Condivisione 1 Commento

Polaroid Android, grande nome ma poca sostanza

Dopo che già da più parti era stata annunciato l'arrivo della Polaroid iM1836, ho voluto farmi un'idea sul dispositivo al recente CES 2013. Unire le funzionalità di una fotocamera ai sistemi Android è sempre un inizio molto promettente, ma alla resa dei conti stavolta non c'è stato materiale sufficiente per un hands on e mi sono dovuto accontentare di semplici anticipazioni sul modello di camera che porta un nome tanto prestigioso.

Cosa più importante da sottolineare, allo stand Polaroid gli addetti stampa non hanno presentato alcun modello funzionante di Polaroid iM1836. Delle due fotocamere esibite, una era lì solo per bellezza, mentre la seconda era accesa e poteva per lo meno mostrare qualcosa della sua interfaccia Android. Secondo le spiegazioni ufficiali però, una delle camere aveva la batteria scarica e l'altra “non poteva fare foto”, anche se questa spiegazione non è stata motivata in alcun modo.

Delle specifiche della camera ci siamo già occupati in precedenza, sarebbe stato interessante però poterla provare e compararla ad un'altra camera Android come la Galaxy Camera.
Sicuramente molti utenti si sono entusiasmati per la possibilità di usare una Polaroid Android con un rivestimento in metallo. L'impressione che si ha di questa camera se si svita e riavvita l'obiettivo è però leggermente diversa. L'obiettivo fatica a rientrare nella posizione di partenza e non dà il feeling che ci si aspetterebbe da un obiettivo removibile.

Nella Polaroid iM1836 il sensore è all'interno dell'obiettivo

In questo modello di camera Android, il sensore è incorporato nell'obiettivo e non nel corpo della macchina. Pertanto per utilizzare altri obiettivi si necessiterà di un adattatore al momento attuale ancora non disponibile. Al momento del lancio della Polaroid iM1836 si potrà usare solo l'obiettivo standard, ma altri saranno probabilmente commercializzati in un momento successivo.

Anche sulla risoluzione del display Android non hanno saputo darmi informazioni precise allo stand della camera. A giudicare dalla qualità delle immagini questa non deve essere comunque molto elevata. Processore e RAM rimangono un mistero al momento attuale. Dati tutti questi limiti, non sorprende che il suo prezzo sarà presumibilmente “limitato” a 350$ (negli USA, contro i circa 600 Euro della Galaxy Camera).

La qualità del display della Polaroid iM1836 non sembra poter competere con quello della Galaxy Camera

Certo l'aspetto più interessante sarebbe stato poter testare la camera Android, e l'indisponibilità di un device funzionante ad un evento importante come il CES 2013 mi ha lasciato sorpreso. Apparentemente Polaroid era là solo per pubblicizzare la camera, e quando sono stato reindirizzato verso lo stand Vivitar, anche lì non sono stati in grado di mostrarmi una Polaroid Android funzionante.

Almeno ho potuto parlare con alcuni colaboratori dello stand e avere un paio di chiarimenti: il processore della camera non è ancora pronto a causa di un ritardo nella produzione. Il sensore ottico della camera dovrebbe misurare 1'', ed il lancio ufficiale in Europa è previsto per Luglio.

Polaroid, un nome una garanzia. O no?

Questo ritardo nella produzione del chip non significa per forza che il lancio sarà spostato a una data succesiva, ma certo sono rimasto perplesso dalla scelta fatta da Polaroid di presentarsi ad una conferenza stampa senza avere di fatto nulla da mostrare. Peccato anche per il prestigioso marchio Polaroid, capace ancora di affascinare molti utenti ma allo stato attuale ancora lontano dal poter offrire un prodotto di qualità nel campo delle fotocamere Android.

(Immagini: AndroidPIT/kwe)

1 Condivisione

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK