Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Il problema con i prodotti tech finanziati dal crowdfunding

Il problema con i prodotti tech finanziati dal crowdfunding

In passato se si aveva un'invenzione tra le mani o un'idea per un prodotto tecnologico si costruiva un prototipo e si cerca di attrarre investimenti per il prodotto finale. Una volta realizzato lo si vendeva ai consumatori. Oggi, grazie alle popolari piattaforme di crowdfunding, le startup tech e persino le aziende affermate possono vendere i loro prodotti prima ancora di averli sviluppati.

È da un po' che pensavo di scrivere un pezzo sul crowdfunding e ogni volta che lo iniziavo la mia opinione in merito cambiava. Piattaforme come Kickstarter e Indiegogo sono incredibili nel dare vita a cose che non sarebbero mai esistite prima. Ho acquistato un articolo da Indiegogo. Un libro, un'autobiografia scritta da un artista che mi interessava. Un anno dopo ho ricevuto il libro e sono rimasto soddisfatto della mia esperienza di crowdfunding. Mi è aspettavo un libro di una lunghezza non specificata e questo è ciò che ho ottenuto. Ma non sempre funziona.

Quel libro è un esempio di articolo per cui il crowdfunding funziona. Certo, l'autore avrebbe potuto contattare un editore e chiedere un anticipo ma la mia ipotesi è che se avesse potuto, l'avrebbe fatto. Quel libro non sarebbe mai stato scritto se non ci fosse stata una piattaforma di crowdfunding che permettesse al pubblico di pagare in anticipo il prodotto prima ancora che esistesse. Perché questo è quello che si fa quando si spendono dei soldi su Kickstarter e Indiegogo: comprare una promessa o un'idea senza alcuna garanzia che si realizzerà mai. E questo è un grosso problema quando si tratta di tecnologia.

Sforzo in buona fede e promesse non mantenute

Le campagne di crowdfunding sono disponibili in tutte le forme e dimensioni, ma nel mondo della tecnologia ci vengono spesso presentati video appariscenti e audaci dichiarazioni su innovazioni future. Questo è solo una parte del processo.

Startup e inventori vogliono attirare più investimenti possibili quindi hanno bisogno di vendere una grande visione. Il problema per i consumatori è che la maggior parte delle piattaforme richiede a queste aziende di fare uno sforzo in buona fede per consegnare ciò che dicono di poter consegnare. Quando pagete vi state fidando. Il fatto che il progetto non vada a buon fine o non veda la luce del giorno è irrilevante a condizione che qualcuno abbia cercato, in buona fede, di mantenere le promesse fatte.

Kickstarter e Indiegogo sono inondate da fallimentari prodotti tech. Ricordate l'iBackPack? Questo interessante zaino capace di caricare l'iPhone e di trasformarsi in un hotspot internet ha raccolto più di $720.000 nel 2015 ma non è mai stato rilasciato e il team dietro il progetto è scomparso.

Potrei raccontarvi tantissime altre storie come questa. Alcune di successo. Oculus VR è stato originariamente finanziato attraverso Kickstarter prima di essere acquistato da Facebook nel marzo del 2014 per 2,3 miliardi di dollari.

AndroidPIT oculus quest headset controller
Oculus VR ha iniziato su Kickstarter prima di essere comprato da Facebook. / © AndroidPIT

Anche se il prodotto su cui avete investito viene rilasciato rimane l'incognita del quando lo riceverete. I ritardi nella tabella di marcia sono comuni nello sviluppo di nuove tecnologie e ancor più nel mondo del crowdfunding. Queste campagne vanno avanti per anni, non vi è alcun controllo sul denaro e lo sviluppo non è mai un viaggio semplice. La mancanza di obiettivi di finanziamento potrebbe portare ad una mancanza di denaro per realizzare il prodotto, mentre il successo inaspettato comporta un surplus di liquidità. Il problema è che le startup spesso hanno problemi nel gestire un gran numero di ordini e le richieste di produzione.

La verità è che c'è il rischio che chiunque supporti un prodotto su Kickstarter o Indiegogo. C'è sempre il rischio quando si sviluppano nuove tecnologie la differenza è che oggi questo rischio è assunto dal consumatore, non dall'azienda che ci guadagnerà se tutto andrà bene. Questo è ciò che non mi sta bene, specialmente quando vedo marchi affermati utilizzare il crowdfunding per aggirare un rischio.

Il Light Phone 2 come caso di studio

Un caso di studio interessante è il Light Phone ed il successivo Light Phone 2. Lo smartphone E-ink è stato progettato per aiutare le persone a utilizzare meno il telefono. È un dispositivo minimalista per chi desidera sfuggire alladipendenza da smartphone.

Pubblicato per la prima volta nel 2017, l'originale Light Phone ha ottenuto un moderato successo. I fondatori Joe Hollier e Kai Tang avevano raddoppiato il loro obiettivo di finanziamento di crowdfunding di 200.000 dollari e alla fine hanno spedito 15.000 Light Phone.

Il problema di costruire uno smartphone da usare il meno possibile è stato che le persone hanno finito per non usarlo affatto. Non permetteva neppure di scrivere e costava 150 dollari. Il Light Phone, si è scoperto, era troppo scarno e leggero. E così, nel gennaio 2018, è nato Light Phone 2.

L'idea era di rendere il Light Phone 2 un po' più pesante della prima versione, ma comunque più leggero di uno smartphone. Presente la possibilità di salvare i numeri (cosa che non si poteva fare sul Light Phone originale), un sensore di prossimità, un jack per le cuffie e dei pulsanti fisici. L'idea era di integrare anche un lettore musicale, Maps e semplici versioni di applicazioni per lo sharing. Su Indiegogo ha raccolto più di 3,5 milioni di dollari.

Il rilascio del Light Phone 2 è stato rimandato al mese di gennaio 2019 e a luglio non era ancora pronto. Al momento è disponibile solo per il pre-ordine con spedizione prevista a partire dal 15 marzo 2020. Con questo dispositivo è possibile chiamare, inviare messaggi e impostare la sveglia. Niente di più! E costa 350 dollari.

light phone
È possibile inviare messaggi di testo sul Light Phone 2. / © Light Phone 2 / © Light

"Il crowdfunding ti fa lanciare un sogno", ha dichiarato Hollier a The Verge all'inizio di quest'anno, "E poi, quando inizi a costruirlo, stai fondamentalmente andando indietro di una serie di passi per renderlo reale".

E questo è il grande problema che ho con questo modello di business. Coloro che hanno sostenuto il Light Phone 2 hanno aspettato più di un anno e anche quando riceveranno il loro dispositivo da 350 dollari dovranno aspettare ancora per le feature e le app promesse nel gennaio 2018. Sempre che arrivino.

Da consumatori non ha senso assumerci questo livello di rischio per portare i prodotti sul mercato. Il sistema funziona per me al contrario di come dovrebbe. Le grandi imprese si assumono il rischio e, se ha successo, raccoglie i frutti dnel momento in cui noi consumatori acquistiamo i prodotti. Pagare le promesse nell'industria tecnologica non ha senso.

"Il crowdfunding ti fa lanciare il sogno"

Le piattaforme di crowdfunding possono essere positive per progetti mossi dalla passione e per le comunità di fan che vogliono fornire i fondi per aiutare artisti e inventori nel realizzare dei prodotti che altrimenti non esisterebbero. Sono però stanco di vedere queste startup ben finanziate che usano Kickstarter e Indiegogo per venderci fagioli magici.

Avete mai sostenuto un prodotto su una piattaforma di crowdfunding? Hai ottenuto ciò per cui hai pagato?

Articoli consigliati

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica