Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Salutate tutti Q, il primo assistente vocale genderless

Salutate tutti Q, il primo assistente vocale genderless

Né uomo né donna. Le barriere di genere devono essere infrante e in questi tempi ancora di più. Da questa idea è nato Q, il primo assistente vocale asessuato che si identifica con la neutralità di genere. Creato per porre fine ai pregiudizi di genere e alla discriminazione nella tecnologia, Q è stato presentato a South by Southwest (SXSW), un festival tenutosi ad Austin, Texas, riguardante l'impatto della tecnologia sulla società.

Mentre diversi Paesi del mondo hanno iniziato a riconoscere un terzo genere che si rifletterà nei documenti di identità delle persone identificate come genere non binario, alcuni nella comunità tecnologica vogliono anche avvicinarsi a questa idea di integrazione e allontanarsi ulteriormente dai ruoli di genere tradizionali.

q genderless voice assistant 1
Alexa di Amazon è una donna. / © Genderless Voice

La voce di Q non è né femminile né maschile. "La prima voce senza genere", così chiamata dai suoi creatori, è stata sviluppata dall'agenzia VIRTUE, Copenhagen Pride e dall'organizzazione Equal AI, tra gli altri, per differenziarsi dagli attuali assistenti digitali e aprire una nuova possibilità sul mercato.

"Il nostro obiettivo è quello di attirare l'attenzione delle principali aziende tecnologiche che lavorano con l'IA per assicurarsi che siano consapevoli che la regolamentazione binaria di genere esclude molte persone e le ispira mostrando quanto sia facile riconoscere che ci sono più di due generi", afferma Thomas Rasmussen, responsabile della comunicazione al Copenhagen Pride.

q genderless voice assistant 2
In Google Assistant è possibile scegliere se si desidera una voce maschile o femminile. / © Genderless Voice

Alexa di Amazon, Siri di Apple, Google Assistant o Cortana di Windows, quest'ultimo praticamente estinto, dominano l'attuale mercato degli assistenti digitali. È vero che in alcuni si può scegliere il genere e anche decidere tra diversi tipi di voci ma la maggior parte di essi arrivano con preimpostata una voce femminile di default. E questo è qualcosa che a molti utenti non piace (questa è un'altra storia...) anche se le persone che hanno sviluppato questi assistenti indicano sempre la necessità di cercare una voce naturale in modo che gli utenti si sentano più a proprio agio. Q potrebbe anche colmare questa lacuna per le persone che non si identificano con nessuno dei due generi stipulati.

q genderless voice assistant 3
Anche Siri, l'assistente di Apple, ha il sesso / © Genderless Voice

Il terzo genere arriverà davvero anche nella tecnologia?

Al momento è solo un progetto e non c'è alcuna intelligenza artificiale dietro questa voce neutrale. È in grado di parlare ma non riesce a capire quello che gli viene detto. Vedremo se diventerà realtà e un giorno potremo scegliere che il nostro assistente sia asessuato.

Questo è il suono di un assistente vocale genderless: tra 145 e 175Hz, come indicato sul sito web di Q, dove si può ascoltare la voce risultante dal campionamento della voce di diverse persone che si identificano come genere non binario. Un grande team di linguisti e sound designer ha fatto il resto.

Cosa ne pensate di Q? Ritenete necessario abbattere le barriere di genere negli assistenti digitali?

AI

Articoli consigliati

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica