Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
12 Condivisioni 16 Commenti

Samsung dice addio alla linea Note?

Il ritiro dei Note 7 dal mercato potrebbe non essere l'ultima triste notizie che chiude questa lunga e scottante vicenda. Secondo quanto dichiarato da una fonte anonima del dipartimento russo del brand, la linea Note è morta. 

samsung galaxy note 5 front cam
Il Note 5, un altro dispositivo su cui noi europei non abbiamo potuto mettere le mani! / © AndroidPIT

A riportare la notizia, in russo, è il megazine hi-tech@mail.ru. Una fonte anonima legata a Samsung Russia avrebbe dichiarato che gli incidenti riportati sul Note 7, il primo richiamo e la decisione finale di ritirare il dispositivo da tutti i mercati, avrebbe distrutto la reputazione della tanto amata linea Note. Da qui la decisione del brand sudcoreano di non utilizzare più il nome Note per i suoi futuri dispositivi.

Secondo quanto riportato dalla fonte, un sondaggio avrebbe rivelato che più del 50% dei consumatori hanno perso fiducia nel brand. Un sentimento comprensibile, quantomeno a pochi giorni dagli ultimi incidenti. 

"Per Samsung è consigliabile abbandonare il marchio Note perché i consumatori potrebbero considerarlo pericoloso anche all'uscita del futuro Note 8". Così afferma anche Kim Duk-jin, vicepresidente del Korea-Insight Institute durante un'intervista al Korea Herald.

Da un punto di vista del marketing, sostituire il nome Note con uno differente, ha sicuramente senso. L'importante è che Samsung non rinunci a lavorare su dei dispositi performanti come quelli che hanno caratterizzato fino ad ora l'intera famiglia Note. Sicuramente sono stati commessi degli errori che il brand sta già pagando profumatamente. Ma errare è umano e un incidente simile, seppur non trascurabile, non può mandare all'aria completamente la reputazione che un colosso come Samsung, che da anni rilascia dispositivi di ottima qualità per tutte le tasche e le esigenze, si è costruito nel tempo.

JM
Jessica Murgia
Da un punto di vista del marketing sostituire il nome Note con uno differente ha sicuramente senso
Cosa ne pensi?
70 votanti
50
50

Nel frattempo, secondo quanto dichiarato da Reuters, il brand cerca di tenersi buoni gli utenti sudcoreani. Chi restituirà il Note 7 riceverà un buono di 30 dollari al quale se ne aggiungerà uno di 61,25 dollari nel caso in cui il phablet verrà sostituito con un altro top di gamma firmato Samsung. Un modo per evitare che gli aficionados inizino a guardare altrove, puntando ad esempio al nuovo iPhone 7 Plus.

Mentre rimaniamo in attesa di una conferma del brand circa la decisione di dire addio alla linea Note, vogliamo sapere la vostra!

16 Commenti

Commenta la notizia:
  • Io non sono d'accordo anche la TESLA alcune macchine hanno preso fuoco ma per questo non hanno cambiato il nome e continuano ad investire nel futuro. il NOTE è futuro e deve rimanere una linea unica perchè per ora nessun concorrente ha fatto uno smartphone con pennino molto performante e utile nel lavoro , io ho usato Note 2 e uso Note 4 e mi trovo benissimo, e spero che la SAMSUNG abbia imparato la lezione e prima di mettere sul mercato un prodotto collaudi in sicurezza, anche se arriva dopo i concorrenti, per proteggere i consumatori e non guardare Apple o altri perchè, se anche usciva dopo IPHONE 7 avrebbe comunque venduto di più perchè unico nel suo genere e poi tutte le ciambelle non escono col buco. Le recensioni dei modelli venduti erano fantastiche e nessuno parlava di riscaldamento eccessivo o fumo vedi HD BLOG, Andrea Galeazzi, e altri recensori, speriamo solamente che Samsung consideri i clienti possessori di GALAXI NOTE 2 - 3 - 4 clienti importanti ed eventualmente se possibile regalargli vista la delusione per l'attesa , alcune feature di software del eliminato Note 7: nuovo Air comand traduttore lingue e Gif e altro non solo ai Galaxi S7 ma anche ai Note 4 e per chi lo pssiede il Note 5.
    Ovviamente questo è il mio pensiero. SUPER NOTE.........
    Saluti a tutti e grazie Androidpit per il suo lavoro.
    Stefano

  • Cambiare nome potrebbe non essere utile, l'importante è fare in modo che non dia i problemi che da adesso

  • Per il marketing potrebbe avere senso ma sarebbe un'illusione, la vera innovazione sarebbe cambiare ciò che ha prodotto questa pessima figura per il Note 7 e cercare di rimediare con un nuovo dispositivo, non penso che un dispositivo nuovo con un nome diverso ma con gli stessi problemi potrebbe salvare la Samsung da un crollo in borsa

  • Cambiare il nome per il mercato è una cosa buona ma non per la sostanza. La gamma Note è stata sempre all'altezza, questa versione ha creato troppi problemi e danni d'immagine. Forse andrebbe bene per adesso fare un cambio ma temporaneo. Il problema è che chi ha progettato, testato e rilasciato questo dispositivo lo ha fatto in modo un po' sconsiderato tenendo conto di tutto quello che è successo. Le scelte a questo punto sarebbero 2, la prima riunire tutti gli ingegneri e fare alla svelta e bene un altro smartphone offrendo a tutti, e dico a tutti la sostituzione dello smartphone gratuita accettando i costi ma anche la pubblicità che comporterebbe questa cosa, oppure, seconda scelta, ritirare tutto e stare lontano dal prodotto almeno per un po'. Vedo un palliativo troppo blando la faccenda dei 2 buoni acquisto, per il futuro, se Dio vorrà vedremo :)

  • Mah...io come spesso ho detto, non sono affatto un esperto di marketing, ma direi che far morire la linea Note, alla luce di quello che è successo, mi pare una misura decisamente drastica. Samsung ha fatto un passo falso e siamo tutti d'accordo, ma mi sembra abbia rimediato nella maniera giusta, ritirando il prodotto e rimborsando gli acquirenti.
    Per quel che mi riguarda, quando il mio Note 4 tirerà le cuoia, se trovassi sul mercato ancora la linea Note, l'acquisterei senza il minimo problema. Finanze del momento permettendo, ovviamente.

  • l'avevo scritto l'altro giorno come suggerimento sull'articolo precedente :)

  • Credo che abbandonare il nome Note almeno per il momento sia una saggia decisione.
    D'altra parte, Jessica, mi piacerebbe sapere come e dove è stata fatta l'analisi di mercato da cui risulta che il 50% dei consumatori avrebbe perso fiducia nel Brand. Secondo me, se consideriamo i Consumatori tutti quelli che usano uno smartphone, la percentuale è estremamente più bassa; se tu chiedi in giro tra le persone normali non addette ai lavori o appassionati come me, beh...pochissimi sanno di quanto accaduto ed ancor meno coloro che, avendo sentito qualcosa, ricordandosi facciano riferimento a Samsung e, tantomeno al nome Note che pochissimi conoscono. Se, invece, la ricerca avesse avuto per panel i "possibili probabili" acquirenti di un Note, allora la % si alzerebbe certo, ma va anche detto che, essendo costoro delle persone ben informate, non si farebbero certo abbindolare da un banale cambio di nome.
    Inoltre, c'è da considerare il valore dell'immagine di un Brand: se ho un Note3/4/5 potrei essere interessato a spendere 800€ per un nuovo Note (per soli motivi di affetto/immagine/ecc.) mentre lo sarei molto meno per un Samsung 7/8; così come se da anni ho un Land Rover è più facile che acquisti quello nuovo piuttosto che passare ad un Toyota.
    Infine, tu non credi che il mio Note3 acquisti valore? Io sì😊

  • Una rondine non fa primavera... Al di là del nome che credo sia solo un problema relativo a quella fascia di utenza che ancora non ha capito che differenza c'è tra uno smartphone ed un asciugacapelli, credo che Samsung in testa così come tanti produttori al seguito debbano preoccuparsi più del prodotto in se che del marketing che ne deriva, ormai i tempi in cui apple per seempio vendeva perchè faceva una bella pubblicità con musichette al limite del subliminale e con slogan puerili sono finiti, ogni "oggetto" ha una sua fascia di mercato e un pubblico sempre più "istruito"...

  • Sono perfettamente d'accordo: quanto accaduto con il Note 7 è molto grave e si ripercuoterà sicuramente sul marchio, ma è altrettanto vero che Samsung ha prodotto sempre degli ottimi dispositivi e quindi questo episodio si dimenticherà. Sono altrettanto convinto che sia giusto cambiare il nome della linea in maniera da chiudere definitivamente un percorso molto produttivo ed aprirne uno del tutto nuovo. E poi pochi utenti che spendono soldi per gli smartphone "importanti" stanno dietro a quanto succede nel settore. Molto spesso comprano e basta.

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK