Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

7 min per leggere 2 Commenti

Sapete come la realtà virtuale rivoluzionerà la medicina?

Le grandi aziende e i media tendono a fuorviarci presentando la realtà virtuale da un solo punto di vista: quello del tempo libero e del divertimento. Tuttavia, questa è solo la punta dell'iceberg: la realtà virtuale è utilizzata in molte altre situazioni e la medicina è senza dubbio quella che merita maggiore attenzione.

Al suono delle parole "realtà virtuale" la maggior parte delle persone vede un concetto piuttosto astratto che associano, nella migliore delle ipotesi, ai videogiochi. Avete letto in altri nostri articoli che i campi di applicazione della realtà virtuale sono abbastanza numerosi, ma uno di essi merita davvero di essere sviluppato, sia per ragioni tecnologiche che umane: la VR in medicina e i benefici che porta a medici e pazienti. Avete letto correttamente: in campo medico, i pazienti non sono gli unici a beneficiare dei vantaggi della realtà virtuale.

Formazione e simulazione: professionisti in evoluzione

La medicina d'urgenza è una professione particolarmente difficile per un semplice motivo: bisogna essere pronti ad affrontare tutto ciò che entra dalla porta in qualsiasi condizione. Che si tratti di una persona con un virus, di un colpo d'arma da fuoco o di tutti gli abitanti di una casa dopo un crollo, è una situazione particolarmente stressante per i dipendenti che dovranno prendersi cura di loro, soprattutto i più giovani che hanno poca esperienza.

La realtà virtuale mira a prepararli meglio immergendoli in simulazioni di situazioni stressanti che, purtroppo, è probabile che si verifichino. Ciò consente ai medici interessati di essere meglio preparati e, soprattutto, più efficaci in situazioni difficili. Se siete interessati all'argomento, potete dare un'occhiata a Ludus, un simulatore che si rivolge non solo ai servizi medici e di emergenza, ma anche ai vigili del fuoco, alla polizia e all'esercito. Come esempio di spiegazione della professione medica, possiamo citare SimforHealth che mira a formare i professionisti. Il suo motto riassume il concetto: "Mai la prima volta con un paziente".

La combinazione di VR e training non si limita alla preparazione a situazioni difficili, la tecnologia permette anche di creare video medici a 360°, associati al 3D, soprattutto per scopi didattici: Gli studenti di medicina possono assistere alle operazioni e vedere i diversi elementi, un organo per esempio, da diverse angolazioni. Questo è particolarmente utile negli interventi chirurgici complessi (come ad esempio la chirurgia a cuore aperto o la neurochirurgia) per vedere esattamente cosa può accadere da tutte le angolazioni e in condizioni reali.

I chirurghi possono anche allenarsi ad operare nella realtà virtuale. Sia che il programma sia stato creato artificialmente per scopi educativi o sulla base dei dati ottenuti dalle analisi dei pazienti, ad esempio dalla risonanza magnetica, l'obiettivo è quello di consentire al chirurgo di preparare al meglio la procedura.

Sempre a proposito di chirurgia: la VR può essere utilizzata anche per eseguire l'operazione stessa, a condizione che sia supportata da un braccio robotizzato specializzato che, naturalmente, è ancora gestito da un chirurgo al momento. Questa tecnologia ha chiari vantaggi: meno rischi per il paziente, possibilità per il chirurgo di allenarsi... È interessante notare che queste procedure chirurgiche robotizzate possono combinare diverse tecnologie: RMV, Intelligenza Artificiale e Realtà Aumentata.

Va inoltre osservato che non tutte le applicazioni VR sul tema della medicina sono rivolte esclusivamente alla professione medica. Questo è il caso di YouRescue e BLS di Dual Good Health, che hanno lo scopo di fornire formazione al primo soccorso in realtà virtuale.

Il ruolo della VR in psicologia

Chi avrebbe potuto immaginare che la psicologia sarebbe stata associata a una nuova tecnologia quando ha cominciato a diventare una scienza in una fase avanzata solo nel XIX secolo? Diversi campi di applicazione della VR sono possibili, il più interessante in psicologia pura è senza dubbio il suo impatto nel trattamento delle fobie. Il programma vi immerge faccia a faccia con le vostre fobie in un mondo virtuale (un luogo chiuso se siete claustrofobici, la vista da un balcone se avete le vertigini, ecc...) e, dopo sessioni regolari, se il trattamento funziona la fobia scompare. Questo tipo di trattamento è già utilizzato negli ospedali, in particolare negli ospedali Pitié-Salpêtrière e Conception di Parigi. Naturalmente, tutto questo viene fatto sotto la supervisione di un professionista della salute, cioè uno psicologo o uno psicoterapeuta.

La VR permette anche di gestire le dipendenze. Anche in questo caso, si tratta di una simulazione che immerge l'utente in un ambiente ostile in cui deve superare il problema. Si noti che questo non è realmente un trattamento in sé, ma piuttosto un modo per ridurre il rischio di ricaduta. Questo programma è gestito da professionisti, naturalmente. Noah Robinson, ricercatore in psicologia, ha detto alla rivista The Fix che "se la terapia può essere resa accessibile come l'eroina, è possibile evitare l'uso della droga", un altro approccio che ricorda un po' la terapia di gruppo, ma nella realtà virtuale. Così, applicazioni come VRChat e Interventionville permettono ai pazienti di incontrare altri pazienti con le stesse dipendenze e sostenersi a vicenda.

Un tema non meno importante del nostro tempo: la lotta contro lo stress. La realtà virtuale è usata per rilassare i pazienti, impedire loro di pensare alle loro preoccupazioni distogliendo la loro attenzione grazie a tour virtuali o a alcuni giochi. Diverse applicazioni si concentrano anche sulla meditazione, come Healium, che offre un'esperienza di meditazione in realtà mista.

Strano ma vero: la VR a volte viene utilizzata per sostituire l'anestesia. Si, il paziente, focalizzato sui contenuti VR trasmessi, quasi non si accorge del dolore grazie ad una forma di ipnosi VR medica. Hypno VR è una di queste alternative all'anestesia convenzionale: l'azienda offre soluzioni software e hardware.

Una tecnologia che vuole affrontare le principali malattie

Molti operatori sanitari stanno cercando di sfruttare il potenziale della realtà virtuale per combattere le malattie, grandi e piccole. Tra questi, Alberto Rizzo, uno psicologo che dirige il dipartimento dedicato alla realtà virtuale medica della University of Southern California (USC). Questo ricercatore ha lavorato per più di 20 anni sul ruolo che la VR può giocare nella lotta all'autismo, l'Alzheimer, l'ictus e molte altre malattie.

Professionisti come Rizzo lavorano in diverse discipline, dalla psicologia al funzionamento motorio e cognitivo. Cominciamo con l'autismo: i disturbi appaiono nella prima infanzia e "si manifestano in alterazioni nella capacità di stabilire interazioni sociali e di comunicazione, così come in anomalie comportamentali, in particolare in una tendenza a ripetere comportamenti o discorsi", spiega l'Istituto Nazionale (francese) di Ricerca Sanitaria e Medica (INSERM). I risultati sono già visibili: i ricercatori di Shanghai hanno ottenuto risultati interessanti grazie alla realtà virtuale: La tecnologia è in grado di prendersi cura dei bambini e di mantenerli più concentrati, immergendoli in un ambiente sociale.

AndroidPIT htc vive hands on 3586
La realtà virtuale può far impazzire persone sane, ma può anche aiutare molti pazienti. / AndroidPIT

Il morbo di Alzheimer e, più in generale la demenza, sono molto diffusi nel mondo ma anche qui la ricerca ha fatto buoni progressi. Mentre è impossibile invertire la malattia, lo screening è semplificato grazie alla realtà virtuale, più precisamente grazie ad un labirinto VR che permette di trovare persone a rischio. La cosa straordinaria è che la tecnologia è in grado di rilevare i rischi anche su una materia relativamente giovane. Se il trattamento non permette di eliminare il morbo di Alzheimer, la terapia VR mostra alcuni risultati mettendo diversi ambienti rilassanti di fronte alla persona affetta dalla malattia. Idealmente, ricreare ambienti noti al paziente può teoricamente aiutare a stimolare la memoria, ma è ovviamente molto complicato.

Il morbo di Parkinson può essere meno conosciuto dei primi due sopra descritti, ma molte persone ne sono affette (ad esempio Michael J. Fox). È in fase di studio e, come l'Alzheimer, si sta sviluppando un sistema diagnostico basato sulla realtà virtuale. Cochrane, un'organizzazione no-profit focalizzata sulla ricerca medica, ha testato l'efficacia del trattamento del morbo di Parkinson e ne vede il potenziale, con alcuni vantaggi rispetto ai metodi tradizionali, ma non lo considera rivoluzionario.

Siamo solo agli albori di questa tecnologia. Con il tempo, il potenziale dovrebbe continuare ad aumentare. Speriamo che la realtà virtuale e l'intelligenza artificiale sradichino queste malattie.

Sapevate che la realtà virtuale gioca un ruolo nella medicina?

2 Commenti

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Una costante: l'uomo diventa schiavo di quello che lui stesso ha creato. Il destino dell'uomo "Sempre corsi, mai raggiunsi il fine" Se lo raggiungesse sarebbe la sua fine . Ergo, va bene così.


  • Non importa come si evolva la tecnologia: io preferirò comunque l’ anestesìa tradizionale.