Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione.

3 min per leggere 3 Condivisioni 1 Commento

Skype non è più così 'inintercettabile' come una volta

Ci sono anche delle intercettazioni telefoniche tra alcuni mafiosi che dicevano: "Di queste cose ne parliamo poi su Skype". Chiunque aveva bisogno di un mezzo per comunicare che fosse relativamente più sicuro di non essere intercettato come il telefono si era affidato negli ultimi anni a Skype. Ma sembra che non sarà proprio più il caso.

Prima il servizio Skype funzionava collegando le varie chiamate attraverso una rete peer-to-peer, il che implicava che il tuo messaggio o i dati voce non passavano mai attraverso un server centrale prima di giungere al destinatorio e rendendo così di fatto quasi impossibile ogni tentativo di intercettazione. Ma le cose sono cominciate a cambiare, già da un po'. Microsoft, che a maggio 2011 ha acquisito il controllo di Skype per la 'modica' cifra di 8,5 miliardi di dollari, pianifica di rendere accessibili i dati degli utenti agli intenti governativi di intercettazione.

Ovviamente nessuno, specialmente a Microsoft, l'ha detto esplicitamente, ma Tim Verry del sito ExtremeTech ha notato di recente come negli ultimi tempi Skype potrebbe essere più vulnerabile ai tentativi d'intercetazione da parte governativa. Da quando la società è stata acquistata da Microsoft, infatti le chiamate vengono instradate direttamente ad alcuni supernodi (in precedenza qualunque utente collegato a Skype era un nodo della rete) che instradano poi i dati voce verso il destinatario. Se prima i nodi erano computer terzi rispetto a Skype, rendendola di fatto una rete sparsa e diffusa, impossibile da intercettare, ora i supernodi sono computer di Microsoft stessa che non ha nessun problema a inviare i propri registri alle autorità.

Non so se questo sviluppo danneggierà lo sviluppo di Skype. Molti esperti del settore sostengono che Skype perderà nel breve termine molti clienti che cercheranno alternative più sicure, anche se non mi sembra che la fama di Skype derivi dal suo non essere intercettabile. La maggior parte delle persone, incluso me stesso, utilizza Skype per poter fare telefonate internazionali gratuite o a basso prezzo con amici, parenti e chi più ne ha più ne metta.

In ogni caso, gli attivisti per la privacy sono scesi sul campo di battaglia e molti commenti su internet già lamentano la comparsa di un "grande fratello". Negli Stati Uniti l'FBI precisa che può mettere sotto controllo le conversazioni solo dopo "una precisa autorizzazione concessa da un tribunale. E sarà usata soltanto in questioni di sicurezza nazionale e per contrastare i crimini più gravi".

Il che tradotto dovrebbe voler dire: questo nuovo sviluppo potrebbe essere negativo solo se pianifichi qualcosa contro le autorità, mentre difficilmente il governo è interessato alle conversazioni con la tua ragazza!

 

(Immagine: tuulik.org)

3 Condivisioni

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più