Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

2 min per leggere Nessun commento

Soggiorni linguistici? Ci pensa Babbel! E così festeggia un milione di abbonamenti in USA

L'applicazione per l'apprendimento online delle lingue con sede a Berlino, ben nota agli studenti europei, ha annunciato oggi di aver venduto più di un milione di abbonamenti negli Stati Uniti nel 2018. Babbel ha dunque deciso di entrare nel mondo dei soggiorni linguistici.

I soggiorni linguistici sono molto popolari tra gli europei, ovvero viaggiare in altri paesi specificamente per imparare un'altra lingua. Ma per gli americani è ancora un concetto particolare. Babbel crede di poter vendere l'idea negli Stati Uniti, e se così fosse, i profitti saranno enormi. Nel 2017, i ricavi del solo mercato dei soggiorni linguistici in Germania sono stati pari a 220 milioni di euro (circa 250 milioni di dollari), con oltre 150000 prenotazioni effettuate attraverso diverse agenzie di viaggi.

Ora, Babbel vuole di più: sul palco della conferenza TechCrunch Disrupt Conference a Berlino, il CEO Markus Witte ha annunciato il provvedimento. Non è stato detto come si chiamerà il servizio, ma sicuramente prenderà il nome di Babbel Travel.

babbel ingles
Babbel è una delle applicazioni più popolari per l'apprendimento delle lingue. / © AndroidPIT

Florian Oberleithner, direttore della strategia aziendale di Babbel, ha dichiarato: "Il mercato dei soggiorni linguistici è molto simile a quello dei viaggi dei primi anni 2000, dove questi venivano prenotati tramite un'agenzia di viaggi o direttamente con un hotel. È ancora molto frammentato".

Julie Hansen, CEO di Babbel negli Stati Uniti, ha commentato sul mercato dei soggiorni linguistici del suo paese: "Non è pari a zero, ma credo che a tempo debito scopriremo se c'è posto per noi. In un certo senso, si può servire meglio un mercato così frammentato e mal definito".

Il servizio di soggiorni linguistici di Babbel lavorerà in sinergia con altri professionisti del settore, sia attraverso partnership che acquisizioni. L'azienda ha già acquistato Lingo Ventura, un'altra startup berlinese che collabora con scuole di lingue internazionali, per offrire una piattaforma di prenotazione di soggiorni linguistici. Martin Kütter, Chief Operating Officer di Babbel, ha commentato l'acquisizione: "Nell'entrare in questo nuovo mercato, è importante mantenere la nostra filosofia di rafforzare l'apprendimento linguistico, piuttosto che cercare di interromperlo".

Fondata nel 2007, Babbel è l'applicazione per l'apprendimento delle lingue più popolare al mondo e impiega più di 700 persone provenienti da più di 50 paesi.

Siete mai stati all'estero per imparare un'altra lingua? Fateci sapere la vostra esperienza.

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica