Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
4 min per leggere 4 Condivisioni Nessun commento

Sondaggio: quale versione Android è stata la più innovavita?

Nel sondaggio della scorsa settimana vi abbiamo chiesto di immaginare un mondo senza Whatsapp e l'alternativa più votata è stata Telegram. Questa settimana invece non parliamo di mondi immaginari, ma degli aggiornamenti di Android. Quale aggiornamento è stato secondo voi il più innovativo? E qual'è stata la vostra primissima versione di Android?

encuesta
© AndroidPIT
Qual'è stata la versione di Android più innovativa al momento del lancio?

Per aiutarvi a rispondere alla domanda vi racconterò la storia di Android.

Android 1.0 - Settembre 2008

L'inizio: arrivò l'integrazione con i Google services, l'Android Market, il multitasking, i messaggi istantanei, il WIFI su smartphone e il supporto per Bluetooth.

Android 1.5 Cupcake - Aprile 2009

Miglioramenti nella fotocamera e nel GPS, e la possibilità di caricare video su Picasa e YouTube.

Android 1.6 Donut - Settembre 2009

Con questo aggiornamento sono stati integrati l'indicatore della batteria, la ricerca rapida e la ricerca vocale, il supporto CDMA, e l'immissione di testo multilingue.

Android 2.0 Eclair - Ottobre 2009

La novità principale è stato il supporto di diversi account, incluso per sincronizzare le email di Microsoft. Altre novità minori riguardavano le funzioni di calendario, il supporto Bluetooth 2.1 e HTML 5.

Android 2.2 Froyo - Maggio 2010

Il punto di svolta. Qui abbiamo cominciato a vedere le novità che sfruttiamo tutt'oggi, parliamo ad esempio della velocità e della possibilità di condividere internet, o di condividere file tramite i dispositivi. Con questo aggiornamento è stata introdotta la possibilità di ingrandire le foto nella galleria, tramite gesto di zoom, il supporto per Adobe Flash, risoluzioni migliori, e la possibilità di spostare le applicazioni sulla scheda SD. Altre novità introdotte sono state le notifiche push e gli aggiornamenti automatici dell'Android Market. Infine abbiamo conosciuto il Nexus One di HTC.

Android 2.3 Gingerbread - Dicembre 2010

A questo punto comincia a migliorare l'esperienza utente con le nuove UI semplici da usare. Ci viene data la possibilità tagliare/copiare ed incollare, arriva la tecnologia NFC e le chiamate via internet (VoIP). Vediamo comparire sul mercato il Nexus S (questa volta di Samsung).

Questa versione è stata quella che ha portato con sè più sotto-versioni, sette per la precisione. In tutte queste versioni sono state migliorate delle funzioni, ma nel complesso con Gingerbread sono arrivati un nuovo gestore di download, codecs di audio e video, barometri, risoluzioni straordinarie, fotocamere multiple, Google Wallet, e molto altro.

Android 3.0 Honeycomb - Maggio 2011

Il 2011 è stato l'anno dei tablet, con Honeycomb arriva il supporto per i dispositivi più grandi, con più possibilità semplificate di multitasking, più widgets con versioni di diverse dimensioni, tethering Bluetooth (condivisione di connessione), e personalizzazione della schermata home. Ancora, il supporto per i processori multi-core, l'introduzione della connessione via USB di tastiere, la schermata delle ultime applicazioni, e così via. 

Android 4.0 Ice Cream Sandwich - Ottobre 2011

Oltre ad apportare miglioramenti a tutte le funzioni già esistenti, questo aggiornamento ha portato con sè i tasti tattili per gli smartphone, la differenziazione tra app e widget, e l'inclusione di cartelle. Con Ice Cream Sandwich Google ha modificato il design della galleria e ha creato un editor di foto nell'app della fotocamera, così come la possibilità di riprendere video a 1080p. Interessanti inoltre le funzioni come Android Beam, WIFI Direct, gli screenshot, ma soprattutto l'integrazione ai social per le foto dei contatti. Naturamente il famoso Galaxy Nexus.

Android 4.1 Jelly Bean - Luglio 2012

Avete mai sentito parlare del progetto Butter? Serviva a migliorare gli schermi touch grazie ad un aumento di velocità a 60 fotogrammi al secondo, la fluidità nelle interfacce utente era dunque già presa in considerazione. Il Nexus 7 ne è stata la prova. 

Vennero aggiunti inoltre widget espandibili, più organizzati e con la possibilità di essere impostati su diverse schermate. Sono stati introdotti Google Now e la dettatura vocale.

Android 4.2

Con la sotto-versione Android 4.2 (Nexus 4 e Nexus 10 furono i suoi pionieri), Google puntava a migliorare Jelly Bean e non a rilasciare una nuova versione. A questa versione risale la foto panoramica a 360º, diversi widget sulla schermata di blocco, Daydream, supporto Miracast, adattamento dell'interfaccia a dimensioni diverse, il supporto per account multipli in uno stesso tablet, informazioni nella notifica. Poco più avanti arrivarono anche i Quick Settings.

Android 4.3

A maggio del 2013 abbiamo conosciuto Android 4.3 Jelly Bean, che ha portato profili di restrizione nei giochi, ed il cambio rapido di utenti, il Bluetooth Smart, supporto a nuove lingue, l'inserimento di testo semplificato, il WIFI sempre attivo, un nuovo sistema di notifiche ed una nuova interfaccia della fotocamera. 

Android 4.4 KitKat - Ottobre 2013

Parliamo naturalmente dell'ultima versione di Android rilasciata da Google. KitKat porta ai dispositivi un nuovo design dell'interfaccia, con le icone bianche nella barra delle notifiche, ricerche rapide e con supporto per SMS, MMS ed Hangouts.

A questo punto conoscete abbastanza bene la storia di Android e potete rispondere al nostro primo sondaggia, ma abbiamo ancora una domanda per voi: quale versione Android possedeva il vostro primo smartphone?

Qual'è stata la versione Android del vostro primo smartphone?

 

Nessun commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK