Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
1 Condivisione 1 Commento

Sony Xperia Z, la recensione completa

Come promesso, archiviato il MWC di Barcellona è il momento di dare un'occhiata più da vicino al nuovo top di gamma di Sony. Con la nostra recensione dell'Xperia Z cerchiamo di capire se l'ultimo flagship giapponese può far paura alla concorrenza.

Valutazione

Pro

  • Design elegante
  • Resistente ad acqua e polveri
  • Ottima fotocamera

Contro

  • Colori display poco brillanti
  • Ergonomia - difficile da impugnare
  • Batteria non rimovibile

Sony Xperia Z – Design e assemblaggio

Come già accennato le forme del Sony Xperia Z sono decisamente particolari. È vero che la tendenza per il 2013 va verso smartphone dalle linee meno morbide, ma il top di gamma di Sony appare fin troppo squadrato e dà la stessa sensazione anche quando lo si prende in mano.

Anche le grandi dimensioni (139x71x7,9 mm) non sono il massimo dal punto di vista dell'ergonomia e soprattutto chi ha mani minute potrebbe trovare disagevole impugnare lo smartphone. Anche qui, le forme squadrate non aiutano.

Il retro in vetro è elegante ma forse non troppo pratico /  AndroidPIT

Come il Nexus 4 anche l'Xperia Z ha un elegante retro in vetro, che durante la nostra prova non è sembrato essere particolarmente delicato o incline a subire graffi, ma che ovviamente richiede maggior attenzione di una cover posteriore in alluminio o policarbonato.

L'alloggiamento della micro SIM...  /  AndroidPIT

... e quello della micro SD. Accanto i connettori per la dock  /  AndroidPIT

Sarà anche perché Sony lo ha voluto resistente ad acqua (IPX5/7) e polveri (IP5X) che il case è un unibody, ovvero con batteria non rimovibile. L'alloggiamento per la scheda micro-SD e la scheda microSIM si trovano sui lati dello smartphone, chiusi da protezioni in plastica che abbiamo visto spesso usare da Sony.

Lo stesso discorso vale per la porta micro-USB, la cui protezione deve essere aperta ogni volta che si vuole caricare la batteria, mentre i connettori per la docking station sono a vista.

Il bottone di accesione: De gustibus non disputandum est  /  AndroidPIT

Molto originale il tasto di accensione posto sul lato destro dello smartphone. Si tratta di una di quelle particolarità che può piacere molto oppure per niente. Personalmente propendo per la seconda ipotesi, visto anche il bottone si trova quasi a metà altezza del case: non la posizione ideale.

Sony Xperia Z – Display

Nonostante i 5 pollici di diagonale il display Full HD (1920x1080p) del Sony Xperia Z non sembra poi così enorme anche grazie (a causa?) della forma piuttosto allungata del terminale. Discorso diverso quando si deve raggiungere il lato opposto dello schermo con il pollice: in questo caso il display torna ad essere (troppo) grande.

Il colori potrebbero essere più saturi, ma almeno sono naturali   /  AndroidPIT

Sempre quello del display è stato uno degli aspetti più criticati nei primi hands on realizzati sul dispositivo. Iniziamo col dire che con una densità di pixel di 443 PPI, sia le immagini che i testi anche di piccole dimensioni risultano nitidi e definiti. I colori – ecco la fonte delle discussioni – non sono particolarmente saturi e a seconda dei gusti potrebbero essere giudicati troppo "tiepidi".

Sony Xperia Z – Software

L'interfaccia dell'Xperia Z non si discosta di molto da quella che Sony usa sugli altri smartphone della serie, ma qui il costruttore giapponese ha provveduto all'installazione di alcune utili applicazioni.

Sony Car a sinistra. L'equilizzatore della app Walkman a destra / AndroidPIT

Sony Auto è la modalità per la guida sicura offerta dall'Xperia Z e consente l'accesso veloce tramite grandi bottoni alle applicazioni più usate. Tra queste figurano di default il navigatore, il telefono, le impostazioni e il player multimediale, ma altre possono essere aggiunte. A proposito di media player, sull'Xperia Z è presente la app Walkman che offre una discreta quantità di opzioni per personalizzare l'audio.

Sony Xperia Z – Prestazioni

Spinto da un processore Qualcomm Snapdragon S4, il Sony Xperia Z non può certo deludere in quanto a prestazioni. La navigazione tra schermate e gallery è assolutamente fluida e come ci si potrebbe aspettare non ci sono rallentamenti. Lo stesso, se prendiamo come termine di paragone il Nexus 4, questo dà l'impressione di essere ancora più veloce. Potrebbe dipendere da una migliore ottimizzazione dell'interfaccia o anche dalla versione di Android ferma (per poco) a Jelly Bean 4.1.

I risultati del test Quadrant: l'HTC One X è quasi doppiato / AndroidPIT

In ogni caso si tratta appunto di “sensazioni” e l'esperienza d'uso non ne viene affatto limitata. Anche nella navigazione web e e nell'uso di app pesanti la velocità è da primo della classe come dimostra anche il test di benchmark Quadrant.

Sony Xperia Z – Fotocamera

Come altri flagship del 2013 anche l'Xperia Z monta una fotocamera posteriore da 13 MP mentre quella anteriore è da 2 MP. In entrambi i casi il sensore è un Exmor (RS per la principale, R per la frontale) capace di registrare video in Full HD.

Esterno senza flash  /  AndroidPIT

Esterno senza flash  /  AndroidPIT

Interno senza flash  /  AndroidPIT

Le foto scattate dalla fotocamera posteriore risultano essere di ottima qualità nelle diverse situazioni. Sia all'esterno che all'interno il rumore di fondo è minimo e l'uso del flash LED può essere evitato a meno di trovarsi in condizioni di luce davvero scarsa.

Un po' come per il display, anche i colori delle foto non sono eccessivamente saturi e anche qui c'è chi potrebbe trovarli troppo tenui e chi potrebbe invece apprezzare il fatto che siano “naturali”. L'eccezione è rappresentata dall'arancione decisamente più carico rispetto agli altri colori: si spera che in un successivo aggiornamento il problema possa essere risolto.

Il software della fotocamera è completo e per l'uso normale non si sente il bisogno di scaricare altre applicazioni, l'unico neo è dato dal tempo di lancio che a volte appare di un instante troppo lungo.

Sony Xperia Z – Batteria

Con notifiche e sincronizzazione degli account sempre attive l'Xperia Z arriva tranquillamente a una trentina di ore di utilizzo durante le quali possiamo chiamare (20-30 minuti) e navigare su Internet (40-60 minuti).

Lo Stamina Mode aumenta l'autonomia, ma limita le funzioni  / AndroidPIT

Se però abbiamo la necessità di risparmiare un po' di batteria, Sony ha previsto la modalità Stamina e altre impostazioni che permettono il risparmio di energia, naturalmente rinunciando ad alcune funzioni quando il telefono è in stand-by.

Sony Xperia Z – Specifiche tecniche

 

 

    • Tipo:
    • Smartphone
    • Modello:
    • C6603
    • Produttore:
    • Sony
    • Dimensioni:
    • 139 x 71 x 7 mm
    • Peso:
    • 146 g
    • Capacità della batteria:
    • 2330 mAh
    • Dimensioni del display:
    • 5 pollici
    • Tecnologia display:
    • LCD
    • Schermo:
    • 1920 x 1080 pixel (543 ppi)
    • Fotocamera frontale:
    • 2 megapixel
    • Fotocamera posteriore:
    • 13 megapixel
    • Flash:
    • LED
    • Versione Android:
    • 4.2 - Jelly Bean
    • Interfaccia utente:
    • Xperia UI
    • RAM:
    • 2 GB
    • Memoria interna:
    • 16 GB
    • Memoria removibile:
    • microSD
    • Chipset:
    • Qualcomm Snapdragon S4 Pro
    • Numero di core:
    • 4
    • Velocità di clock:
    • 1,5 GHz
    • Connettività:
    • HSPA, LTE, NFC, Bluetooth 4.0

Giudizio complessivo

Non si dovrebbe mai dire in una recensione, ma questo è il classico dispositivo che deve essere visto – e toccato - dal vero prima di deciderne l'eventuale acquisto. Il Sony Xperia Z è uno smartphone decisamente diverso dagli altri e sebbenel'originalità sia un punto a favore non tutti gli utenti potrebbero apprezzarne le particolarità.

L'ergonomia è sacrificata dal design elegante e in parte dai materiali di qualità (vedi il vetro sul retro), mentre i colori del display sono lontani da quelli brillanti -quanto artificiali- di alcuni dispositivi. La fotocamera promette di essere una delle migliori del 2013, ma non è esente da difetti che su uno smartphone da € 649 è difficile poter ignorare.

Una nota per la resistenza ad acqua e polveri: si potrebbe pensare di non avere mai bisogno di caratteristiche del genere, ma sapere che possiamo mettere lo smartphone sotto l'acqua corrente in ogni momento o che possiamo portarlo in spiaggia senza preoccupazioni, può effettivamente fare la differenza.

 

1 Commento

Commenta la notizia:
1 Condivisione

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK