Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Spike è WhatsApp ma per le email: come semplificare la posta

Spike è WhatsApp ma per le email: come semplificare la posta

L'e-mail è morta! Almeno questo è quello che avete sentito dire per quasi 20 anni (dannazione, sono in affari da molto tempo). Le e-mail sono troppo asincrone, troppo rigide e non sono adatte alla comunicazione di gruppo. Tutto questo sembra giusto, eppure l'e-mail rimane la forma di comunicazione più popolare almeno nel mondo degli affari. Secondo i creatori dell'app Spike, rimarrà così ancora per molto e noi abbiamo cercato di capire se hanno ragione.

In tutto il mondo vengono inviate più di 280 miliardi di e-mail. Al giorno! Ma, cari appassionati di e-mail, siate onesti: la semplicità delle funzioni di chat di gruppo e la capacità di recuperare rapidamente messaggi importanti e visualizzarli nel giusto contesto sono molto più pratici, per esempio strumenti come Slack, WhatsApp, ecc... Quindi perché non combinare il bene di entrambi i mondi e creare qualcosa di completamente nuovo? I creatori dell'App Spike volevano proprio questo e hanno fatto qualcosa di grande. Non solo per smartphone e tablet (Android, iOS), ma anche per PC e Mac.

Spike 06
Spike offre un modo completamente nuovo di lavorare con la posta elettronica. / © AndroidPIT

Cosa può fare Spike e quali sono i vantaggi?

In realtà, le domande nei titoli non sono propriamente le più interessanti. Ma vi incuriosiscono e dovreste esserlo, se utilizzate molto delle e-mail (il funzionamento viene spiegato nel paragrafo "Come funziona Spike?"). Spike è progettato per le persone che lavorano davvero molto con e-mail e hanno molte diverse conversazioni. Gli stessi produttori descrivono la loro applicazione come il primo strumento al mondo per "l'emailing comunicativo". Naturalmente viene utilizzato anche l'aggettivo "rivoluzionario", ma l'ho omesso perché la struttura funzionale di Spikes non è davvero nuova, la conosciamo già da WhatsApp, Slack, Skype, ecc...

Fondamentalmente l'applicazione non è niente di più: un'app per la messaggistica come altre, la differenza è che si basa sulle e-mail. Ma questo rende molte cose molto pratiche. Invece di mostrare brutte e spesso inespressive intestazioni di posta elettronica, Spike combina la posta da e verso gli stessi destinatari in un'unica conversazione e invece di dover cliccare ripetutamente su "Rispondi", c'è una pratica linea sotto ogni thread per riprendere da dove eravate rimasti.

Spike 02
I contatti importanti vengono portati in alto automaticamente. / © AndroidPIT

Naturalmente, il destinatario di un tale messaggio non deve per forza utilizzare l'app Spike. Al contrario, riceve una normale e-mail, proprio come se fosse stata inviata da un programma di posta elettronica standard.

I gruppi di destinatari vengono creati automaticamente durante l'invio e la ricezione delle e-mail. Anche il successivo riconoscimento dei gruppi esistenti avviene automaticamente. Quello che personalmente trovo molto pratico è che, come con Slack, si possono creare gruppi in base a progetti, mailing list con familiari o simili. Fondamentalmente Spike è esattamente come un buon, vecchio client di posta elettronica, che non solo si sente molto più cool, ma è anche molto più pratico da usare.

Spike dà priorità alla posta più utile per voi. I destinatari che usate frequentemente scivoleranno automaticamente verso l'alto in modo da poter accedere alla chat più velocemente in caso di necessità. Sembra pratico ma per quanto mi riguarda non ha un reale valore aggiunto.

Cos'altro può fare Spike? E a chi è davvero adatto il programma?

Come ho detto prima, Spike rende la vita molto più facile e veloce. Se si invia una mail qua e là, l'applicazione probabilmente non può fare una differenza decisiva per voi.

Tuttavia le persone e le aziende che vogliono semplificare la loro comunicazione quotidiana e renderla più produttiva dovrebbero dare un'occhiata più da vicino a Spike. Il servizio vuole colmare una lacuna che altrimenti anche strumenti come Slack provano a colmare: comunicazione interna (di squadra) per aumentare la produttività senza dover ricorrere a costosi silos.

Spike 03
Spike ha più funzioni dei client di posta standard. / © AndroidPIT

"Silos? Che cosa intende Fabi?", vi starete chiedendo. Molte offerte, in particolare Slack, aiutano in larga misura le organizzazioni a rendere la loro comunicazione più efficace ed efficiente. Tuttavia, richiedono che tutti i partecipanti utilizzino lo stesso strumento. Non è possibile fare a meno del servizio. Le e-mail invece sono aperte, chiunque abbia un provider e una connessione Internet può riceverle. Soprattutto le piccole aziende e i team che vogliono rimanere aperti e lavorare in modo economicamente efficiente secondo la logica sopra descritta potrebbero essere il gruppo target ideale per Spike.

Parlando di caratteristiche e funzionalità, Spike non è solo un client di posta elettronica migliore, ma fa qualche passo avanti. Ad esempio, le e-mail possono essere tradotte con pochi clic. L'applicazione permette anche di effettuare chiamate vocali e videochiamate. Quindi c'è una vera e propria valanga di funzioni. Ma anche se tutto funziona perfettamente, devo dire che mi scoraggia. Non solo Spike, ma anche Slack. L'idea di un'applicazione magica che risolve tutto mi fa sentire come avessi perso il controllo.

Come funziona esattamente Spike?

L'idea alla base di Spike è, dal mio punto di vista, tanto geniale quanto semplice: prendere un account e-mail esistente, collegarlo all'applicazione (come già menzionato disponibile per Android, iOS, Mac e PC) con il login e la password dell'account stesso e si è pronti a partire.

Spike funziona proprio come il popolare client di posta elettronica Spark, richiede i dati di login degli account di posta elettronica. I creatori di Spike rispondono alla domanda affermando che tutti i dati di login sono criptati con l'algoritmo AES-256, la privacy e la protezione dei dati hanno la massima priorità. Personalmente, penso che il rischio sia gestibile. Ma dovete sapere che sia i dati di login che tutte le e-mail sono criptate su un altro server.

Spike 05
Spike è gratuito, ma c'è una versione premium che costa fino a 8 dollari al mese. / © AndroidPIT

Quanto costa Spike?

I lettori più attenti di APIT si staranno già chiedendo: "Se Spike non può fare soldi con i nostri dati, come guadagna?"

Spike stesso è gratuito per ora. Tuttavia esiste anche una versione premium, destinata principalmente agli utenti professionali. Il costo è compreso tra 6 e 8 dollari al mese, a seconda che si scelgano rate mensili o un pagamento annuale una tantum.

Conclusione

Spike è un pacchetto di successo che semplifica l'invio di mail anche nella versione gratuita, il che può essere particolarmente vantaggioso per tutti coloro che risolvono la loro comunicazione principalmente con la posta elettronica. La funzione di ricerca e ordinamento rende inoltre molto più facile trovare i messaggi nel disordine quotidiano. Il design elegante e minimalista è intuitivo da usare e rende la vita dell'utente veramente facile.

Come utente, tuttavia, si dovrebbe essere consapevoli del fatto che i dati di accesso e tutti i messaggi e-mail sono memorizzati anche su un server diverso. Secondo i creatori, tutte le informazioni sono criptate in modo complesso e sono al sicuro. Naturalmente, ognuno di voi deciderà se questo può essere un problema.

Posso raccomandare Spike dopo il mio test? Mettiamola così: per ora uso Spike per gestire la maggior parte delle mie comunicazioni e-mail quotidiane. Questo parla da sé.

Articoli consigliati

1 Commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
[Error]