Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
4 min per leggere 2 Condivisioni Nessun commento

Spotify o Google Play Music All Access?

L’evoluzione digitale ha comportato considerevoli cambiamenti nelle modalità di ascolto della musica. L’ultima frontiera è la possibilità di ascoltare direttamente su uno smartphone o su un tablet le canzoni preferite tramite servizi Streaming On-Demand. Spotify e Google Play Music All Access sono i due pesi massini in questo settore ed oggi si sfideranno sul ring per stabilire una volta per tutte chi è il campione dell’universo musicale Android.

musica uno
© ollyy / AndroidPIT

Round 1. Il catalogo musicale

Ma perché si dovrebbero usare questo genere di servizi? La vera ragione per la quale si sottoscrive un servizio di streaming musicale è unicamente per aver a disposizione un catalogo musicale molto vasto. Le dimensioni contano, più grande e più robusta la selezione delle canzoni, meglio è. Secondo le ultime stime, Spotify mette a disposizione degli utenti circa 20 milioni di brani. L’archivio dei colossi musicali mondiali Universal, Sony e Warner, è a portata di mano. Google Play Music, invece, cerca di tenere il passo presentando un’offerta di 18 milioni di canzoni. Se si tiene in considerazione solo il panorama musicale alternativo ed Indie, questi due servizi presentano ancora molte e troppe lacune.

spotifysfida
L'offerta musicale di Spotify / ©  Spotify / AndroidPIT

Se i vostri gusti non sono troppo sofisticati, avrete a disposizione sul vostro dispositivo Android, in entrambi i casi, un pozzo senza fondo ricco di canzoni! Ma Spotify supera Google Music grazie al suo archivio musicale di poco superiore.

Round 2. Qualità audio

La qualità audio è importante, soprattutto se si ascoltano il Pop moderno, l’Hip Hop e la musica Dance. Naturalmente per godere di un buon effetto sonoro bisogna utilizzare casse stereo e cuffie di qualità. Dopo questa ovvia precisazione, in entrambi i servizi disponiamo di fino a 320Kb / s. In Spotify è possibile modificare la qualità audio. Per fare questo, bisogna andare nelle Impostazioni e modificare alcuni parametri. Inoltre è possibile accedere direttamente da Spotify agli Effetti audio senza entrare nelle Impostazioni del dispositivo. Google Play Music All Access non offre, invece, un controllo diretto e sceglie un bitrate in base alla connessione ad Internet, comunque è possibile utilizzare la ricezione a 320Kb / s, indipendentemente dalla larghezza di banda disponibile. In sostanza entrambi i servizi offrono una buona qualità audio.

spotifyaudio
© Spotify / AndroidPIT

Round 3. L’Interfaccia Grafica

Anche l’occhio vuole la sua parte! L’app di Spotify possiede un look ed un'usabilità migliore rispetto alla sua versione per PC. Navigare al suo interno all’inizio non è semplice e serve prenderci un po’ la mano. L’interfaccia grafica di Google Play Music All Access è molto intuitiva grazie alla nuova gestione dei generi musicali, divisi in “box”. I colori chiari sono più piacevoli alla vista rispetto alle tonalità scure di Spotify. La vera perla offerta da Google è l’accattivante modalità di visualizzazione degli Album e dei relativi brani. Google Play Music vince a mani basse il terzo round. L’inizio di una rimonta?

AndroidPIT Play Music Playlists
© AndroidPIT/Google

Round 4. Il Prezzo

Google Play Music All Access ha fatto irruzione, nel panorama dell’offerta streaming on-demand, l’anno scorso. Dopo un periodo di prova gratuito di 30 giorni, tutta l’offerta è disponibile per 9.99 euro al mese. Spotify Premium, da poco più di quattro mesi a questa parte, è gratuito, ma per sbloccare l’intera offerta Premium (all’interno della quale è possibile scaricare la musica ed ascoltarla offline), bisogna pagare mensilmente la stessa cifra. In sostanza, i due servizi hanno lo stesso prezzo, ma Spotify ha un’offerta free più variegata rispetto al suo avversario. In questo caso Google Play Music perde l’ultimo round per un soffio!

Google Play Music Install on Google Play

And the Winner is…

Spotify rimane il campione imbattuto, un concorrente maturo che conosce il ring alla perfezione ed è in grado di incassare con tranquillità tutti i colpi. La sua offerta free è allettante ed il suo catalogo musicale è molto ricco. Google Play Music All Access potrà risfidare il suo avversario in futuro date le sue buone caratteristiche ed il suo margine di crescita. Oggi però è dura per chiunque reggere il confronto con Spotify, il peso massimo della musica Streaming on-demand.

Spotify o Google Play Music All Access? Quale dei due utilizzate?

2 Condivisioni

Nessun commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK