Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Spotify raggiunge 100 milioni di utenti Premium ma ancora non guadagna

Spotify raggiunge 100 milioni di utenti Premium ma ancora non guadagna

Spotify ha annunciato che oltre 100 milioni di utenti sono abbonati al livello premium del servizio di streaming musicale. La notizia arriva assieme alla relazione trimestrale sugli utili dell'azienda, che conferma come l'azienda stia ancora lottando per realizzare un profitto, nonostante stia espandendo la sua base di utenti.

Soptify ha un numero totale di 217 milioni di utenti attivi mensili in tutto il mondo, 100 milioni dei quali stanno pagando per un piano premium. Si tratta di una buona fetta di clienti paganti che posizionano Spotify ben al di sopra di Apple Music, che secondo quanto riferito aveva 50 milioni di utenti paganti in tutto il mondo all'inizio di aprile. Negli Stati Uniti, tuttavia, Apple è ancora in testa con 28 milioni di abbonati rispetto ai 26 milioni del concorrente. Spotify, invece, continua a crescere in tutto il mondo: il servizio ha recentemente guadagnato due milioni di utenti indiani dopo il lancio nel Paese a febbraio.

Entro la fine di questo trimestre, Spotify si aspetta di accumulare fino a 222-228 milioni di utenti e ottenere che gli abbonati pagati arrivino fino a 110 milioni. Nonostante la crescita degli abbonati, la società ha registrato una perdita finanziaria di 142 milioni di euro (158,3 milioni di dollari) nel il primo trimestre del 2019, rispetto a una perdita di 169 milioni di euro per lo stesso periodo dell'anno precedente. Questi sono numeri importanti ma anche normali per questo tipo di servizi. Ricordate, Amazon è stata in perdita per anni, così come Twitter. Ad ogni modo, se i vostri investitori hanno tasche abbastanza piene di denaro, potete comunque conquistare il mercato perdendo denaro.

Il futuro di Spotify: smart speaker e podcast

Il rapporto di Spotify identifica gli speaker come area critica per la crescita e, se ne avete uno, è facile capire perché. Spotify vuole essere il fornitore di musica per gli altoparlanti intelligenti e ha permesso l'accesso gratuitamente negli Stati Uniti l'anno scorso ai possessori di Google Home Mini e un account famiglia mentre ha fatto lo stesso nel Regno Unito e in Francia questo marzo.

androidpit podcast addict 1
I podcast sono una parte importante dei piani futuri di Spotify. / © AndroidPIT

Come abbiamo riportato in precedenza, l'ambizione di Spotify è quella di essere il servizio principale per i contenuti audio e questo significa andare oltre la semplice musica (e verso aree più facili da dominare rispetto all'industria musicale radicata). I podcast sono il prossimo obiettivo. Dopo aver acquisito le società di podcast Gimlet Media, Anchor e Parcast, Spotify intende sviluppare un modello pubblicitario migliore per i podcast, con migliori capacità di "targeting, misurazione e reportistica": gli annunci nei podcast potrebbero quindi essere mirati a qualsiasi dato Spotify abbia su di voi.

Spotify chiaramente non si aspetta di diventare redditizia molto presto ma si sta espandendo in aree in cui può riuscire a tagliare fuori la concorrenza. I podcast sono economici da realizzare, hanno un pubblico dedicato e, cosa più importante, non sono soggetti alle decisioni delle case discografiche. Con le offerte speciali legate ai prodotti di Google, Samsung e Hulu, l'utente medio vedrà sempre più pressione per l'iscrizione a Spotify in modo da integrarlo con un prodotto o servizio già in uso. Questo sistema è simile a quello utilizzato da Facebook.

Usate Spotify? Cosa ne pensate della strategia dell'azienda?

Fonte: Spotify

Articoli consigliati

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica