Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.
#TBT - Quella volta che il rigido inverno ha colpito l'intelligenza artificiale
AI #TBT 5 min per leggere Nessun commento

#TBT - Quella volta che il rigido inverno ha colpito l'intelligenza artificiale

L'intelligenza artificiale è ormai considerata l'arma universale per molti problemi ma non è sempre stato così. Ci sono già stati due "inverni AI" e un altro potrebbe presto arrivare minaccioso. Ma perché l'intelligenza artificiale si è davvero spaventata?

Scorciatoie:

Che cos'è l'inverno AI?

In inverno il tempo si raffredda, diventa gelido e poco piacevole, almeno generalmente. Questo non è stato diverso nei periodi conosciuti come inverni AI. Tuttavia, questo raffreddamento non è legato alle condizioni climatiche ma all'interesse, alla ricerca e agli investimenti nel campo dell'intelligenza artificiale. Per varie ragioni, tutti questi fattori sono diminuiti in maniera considerevole durante gli inverni AI.

Primo inverno AI (1974-1980)

Con i primi sistemi di traduzione automatica, emersi negli anni '60 e quindi nel pieno della Guerra Fredda, iniziò il primo hype della tecnologia, che avrebbe poi fatto immaginare ad una specie di intelligenza artificiale. Gli Stati Uniti, in particolare, hanno colto l'opportunità di tradurre le notizie dalla Russia e dalla Cina nel modo più rapido e automatico possibile in modo da rimanere un passo avanti rispetto al nemico. In breve tempo si è purtroppo scoperto che questo non era facile come ci si aspettava, questo ha posto le basi per il boom dell'intelligenza artificiale.

L'American Defense Advanced Research Projects Agency, abbreviato in DARPA, ha investito ingenti somme nello sviluppo dell'AI e ha spinto la tecnologia avanti, quasi senza controllo o condizioni rigorose per i ricercatori. Il motto era: qui ci sono i soldi, fai qualcosa e in fretta!

Le aspettative riguardo l'intelligenza artificiale sono troppo alte

L'emendamento Mansfield ha costretto il DARPA a fare un passo indietro e a sostenere i progetti di AI in modo più mirato e controllato. I ricercatori sono stati ora visti in modo più critico e non solo negli Stati Uniti: in Gran Bretagna il professor Sir James Lighthill ha pubblicato il cosiddetto Lighthill Report on Artificial Intelligence. Egli giunse alla conclusione che l'AI era un completo fallimento e non poteva ottenere nulla che non potesse essere ottenuto anche con altre discipline scientifiche. Molti degli acclamatissimi algoritmi AI fallirebbero immediatamente a causa di problemi nel mondo reale e non sarebbero altro che un giocattolo.

Ormai era finita. Anche altri ricercatori nel campo dell'intelligenza artificiale come Hans Moravec hanno criticato i loro colleghi, che avevano suscitato aspettative troppo elevate al DARPA e hanno osato fare previsioni sempre più audaci sulle meraviglie dell'intelligenza artificiale. Questo è stato controproducente: DARPA, uno dei più importanti sponsor dell'AI, ha perso interesse. Il progetto SUR della Carnegie Mellon University per la comprensione della lingua parlata è stato un fiasco e, di conseguenza, sempre più fondi sono stati tagliati in tutto il mondo. Era giunto il primo inverno AI.

Secondo inverno AI (1987-1993)

Nel corso degli anni '80, un nuovo sistema di intelligenza artificiale si è trasformato in un enorme successo. Anche il primo sistema AI commerciale, XCON, è stato sviluppato alla Carnegie Mellon University e ha promesso milioni di dollari di risparmio per le aziende che lo hanno utilizzato. Il linguaggio di programmazione LISP è stato sviluppato ed è diventato il comune denominatore degli sviluppatori AI. Nel 1985 è emersa un'industria dell'AI completamente nuova che ha investito oltre un miliardo di dollari nello sviluppo. Ciò richiedeva anche hardware LISP specializzato in grado di comprendere e implementare il nuovo linguaggio.

Nel 1987, il mercato di questo hardware crollò completamente con l'avvento dell'era dei PC e delle prime workstation di aziende come Sun Microsystems. Hanno reso superflue le costose macchine LISP, in cui molte aziende avevano investito così tanti fondi. I computer, presto affiancati da giganti dell'informatica come Apple e IBM, potrebbero semplicemente fare di più. Un'industria completa del valore di mezzo miliardo di dollari era diventata superflua in un solo anno.

L'industria ha impiegato molto tempo per riprendersi, in parte perché molte delle lodate società LISP hanno successivamente fallito. Solo all'inizio degli anni '90 l'intelligenza artificiale ha iniziato a riprendersi. I progetti più piccoli, che sono stati realizzati con successo con poco sforzo, hanno avvantaggiato la tecnologia tanto quanto l'aumento sempre più rapido della potenza di calcolo e dei volumi di archiviazione, che sono diventati sempre più economici. Entro la metà degli anni 2000, al più tardi, anche i programmi con sovvenzioni pubbliche sono aumentati significativamente. Anche il DARPA si è svegliato dal suo sonno sul tema dell'intelligenza artificiale. L'UE ha reindirizzato centinaia di milioni di persone sull'argomento AI, così come la Cina e la Russia. Il continuo boom dell'Intelligenza Artificiale era iniziato.

Prospettive per il futuro

E quali sono le previsioni per il futuro dell'AI ad oggi? A breve-medio termine si prevede tempo luminoso e soleggiato con una possibilità piuttosto piccola di un notevole raffreddamento. A lungo termine, è abbastanza possibile che l'Intelligenza Artificiale cada ancora una volta sulla scia delle alte aspettative che la tecnologia sta prospettando. Un altro inverno potrebbe arrivare presto...

Fonte: The AI Winter

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica