Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

opinion 6 min per leggere 4 Commenti

Tesla killer? C'è ancora molto lavoro da fare

Il mercato delle auto elettriche (EV) è in fermento, ora come non mai. Ogni giorno vengono presentati nuovi brand che promettono la luna o nuovi modelli elettrici da produttori centenari che puntano ad accaparrarsi una fetta di mercato e ogni singola volta si parla di "Tesla killer". Eppure sapete una cosa? Tesla è ancora viva e lo sarà per molto tempo ancora...

Rivian non è un nuovo brand

Partiamo subito con alcuni esempi. Durante il Los Angeles Auto Show un brand sconosciuto ai più ha svelato al mondo i suoi EV. Sto parlando di Rivian. Con i suoi modelli R1S e R1T, la casa americana punta a produrre dei pickup elettrici che a prima vista sembrano davvero competitivi.

Veloci, potenti, in grado di scalare pendenza fino a 45 gradi e con tantissimo spazio di carico. Rivian mira alla produzione di massa dei modelli più costosi entro il 2020 e dei modelli più economici entro il 2021.

rivian r1t pickup electtic 2019 11
Questo si che attirerà l'attenzione degli americani! / © Rivian

Nonostante Rivian sembri finalmente pronta a lanciare ufficialmente sul mercato i propri EV, non dobbiamo scordarci che la società è operativa dal 2009 ed è già venuta meno a delle promesse fatte per il lancio di veicoli precedenti mai entrati in produzione. Una storia che già abbiamo sentito altre volte negli ultimi anni.

Faraday Future e Lucid Motors: Tesla non trema

Faraday Future è un'altra startup americana che ha presentato modelli al 100% elettrici che avrebbero dovuto distruggere Tesla. Dal punto di vista delle specifiche teoriche potrebbe anche essere vero ma c'è da ricordare che ad oggi (dicembre 2018) nessun'auto è ancora stata consegnata agli acquirenti e il primo modello di pre-produzione è datato agosto 2018.

Nonostante la presentazione di diversi altri modelli, la FF91 è ancora lontana dall'essere prodotta in volumi sufficienti. L'arrivo sul mercato dell'ennesima "Tesla killer" è quindi da rimandare al 2019, sempre che Faraday Future non fallisca nel frattempo...

faraday future promo
Chissà se la vedremo mai sfrecciare sulle nostre strade... / © Faraday Future

Lucid Motors punta invece al mercato premium. L'EV super lussuoso Lucid Air è stato annunciato nel 2016 e doveva essere pronto entro l'anno che sta per concludersi. Sembra però che anche Lucid Motors abbia qualche piccolo problema con la produzione di massa e abbia chiuso un accordo con l'Arabia Saudita per il proprio finanziamento. Il debutto sembra dunque slittato al 2020.

Tesla nel frattempo ha chiuso un Q3 2018 da record...
Model Y 1024x576 triangle
Che aspetto avrà la nuova Tesla? / © Sierra Circuits

La vera concorrenza non ha bisogno di impressionare

Per Tesla la vera concorrenza non arriva da queste start-up che non sono ancora in grado di poter produrre i propri EV ma dai più classici brand del mondo automobilistico. Non è infatti una novità che i brand più conosciuti stiano ormai pianificando una controffensiva anche se sembrano non curarsi del "pericolo" più di tanto.

Sembrano aver iniziato ad interessarsi al mondo 100% elettrico in estremo ritardo e non voler investire risorse eccessive per il raggiungimento di risultati concreti. Anche questi brand prevedono l'arrivo sul mercato dei propri modelli non più presto del 2020.

Ad ogni modo, nomi come BMW, Audi, Volkswagen, Porsche, Toyota, Ford, Chevrolet, Jaguar, Mercedes-Benz (potrei continuare ancora...) fanno di certo più paura alla società di Elon Musk. Non solo questi colossi dispongono delle risorse finanziarie ma anche del personale e delle infrastrutture adatte alla realizzazione di EV competitivi.

L'esperienza centenaria nella produzione di auto permette a questi produttori di poter realizzare veicoli attraenti e ben costruiti sia esteriormente che internamente. Inoltre possono permettersi di investire in nuove catene di montaggio, ricerca e sviluppo, ingegneri software e hardware per la realizzazione di prodotti innovativi.

Volkswagen ID Family
Il gruppo Volkswagen ha già pronte delle soluzioni che però non arriveranno a breve. / © Volkswagen

Cosa fa di Telsa l'avversario da battere?

Innanzitutto il fatto che Tesla sia stata la prima società a puntare veramente sui veicoli al 100% elettrici. In un tempo in cui il massimo sforzo per la riduzione delle immissioni di gas dannosi nell'atmosfera era sulle spalle dei veicoli ibridi, Tesla ha deciso di cambiare il mondo della mobilità. Non solo ha presentato delle tecnologie innovative per la realizzazione di automobili elettriche ma ha anche reso queste tecnologie disponibili a tutti gratuitamente.

Il piano di Musk di produrre degli EV costosi per finanziare la produzione dei modelli successivi ed abbassarne il prezzo finale per gli utenti sembra funzionare anche se recentemente il CEO ha ammesso di aver quasi portato al fallimento la società a causa della Model 3.

Mentre gli altri brand stanno ancora decidendo se lanciarsi nel mondo dei veicoli elettrici o stanno cercando fondi per l'avviamento di una produzione in serie, Tesla amplia le sue Gigafactory continuamente ed aumenta i volumi di produzione per far fronte all'altissima domanda (che non riesce ancora a soddisfare).

Tesla Model 3 easter egg 1
Avete mai provato ad abbracciare una Tesla? / © joelpaglione @Imgur

Tesla dispone poi di qualcosa che gli altri brand non anno: una rete di caricabatterie capillare, un sistema di pilota automatico avanzato e tanta esperienza. Sembra ridicolo parlare di tanta esperienza se confrontiamo Tesla con brand come Ford o Volkswagen ma voglio ricordarvi che recentemente l'azienda ha raggiunto il suo miliardesimo chilometro percorso con autopilot attivo: i competitor possono solo sognare una quantità di dati simile per la realizzazione dei propri veicoli a guida autonoma.

La rete di caricatori Tesla, i cosiddetti Supercharger, è ben sviluppata e diffusa capillarmente (negli USA più che in Europa), la competizione non può ancora vantare un sistema così ben diffuso e in continua espansione. Quello che fa riflettere è la riluttanza dei competitor nell'utilizzare questi Supercharger. Tesla ha infatti affermato che tutti possono sfruttare la rete di caricatori dell'azienda in quanto l'idea di base è quella di rivoluzionare il mondo della mobilità, sembra però che nessuno sia interessato. Faraday Future, Lucid Motors, Rivian: nessuno dei tre ne trae vantaggio nonostante niente e nessuno gli impedisca di farlo.

Tesla Model 3 easter egg 2
L'auto ricambierà il vostro amore! / © joelpaglione @Imgur

La strada è lunga

C'è dunque ancora molto lavoro da fare per raggiungere i risultati di Tesla nel settore, e non parlo di fatturato (sappiamo che da questo punto di vista la società di Musk fatica). Nessuno è ancora riuscito a lanciare sul mercato una vettura che sia attraente, tecnologicamente avanzata, dalla grande autonomia e dal prezzo in grado di competere con i prodotti Tesla. Nessuno è riuscito ad affascinare l'utenza come il brand di Elon Musk. Certo, la concorrenza avanza veloce ma Tesla non rimane di certo ferma a guardare.

Spero solo che Elon Musk non riesca a distruggere tutto ciò che è riuscito a creare fino ad ora con un'altro stupido Tweet...

State pensando di fare il grande salto in futuro? Quale brand state tenendo d'occhio?

4 Commenti

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Ciao Luca. Articolo interessante. Resta da considerare anche l'approvvigionamento di materiali importanti per la produzione delle batterie, che Tesla abbatte con la partnership Panasonic ed i competitor non possono al momento battere. Quello è difatti il più grosso problema per Vw e gruppi europei: le batterie.
    Infine, che ne pensi di Sono Motors?


    • Luca Zaninello
      • Admin
      • Staff
      6 giorni fa Link al commento

      Sinceramente non ne avevo mai sentito parlare ma ho spulciato velocemente sul loro sito e devo ammettere che sembra interessante! Non conoscendoli però non so cosa pensare sinceramente, di certo dovrò tenerli d'occhio ;)


      • Se posso permettermi, e naturalmente se ti interessa o se il tuo lavoro te lo permette, contattali. Schedulano spesso incontri, qualche volta anche in italia, per visionare il prodotto per ora concept/demo, ma quasi in produzione (mi pare ultimo trimestre 2019).
        Spero per loro che vadano oltre i 45Kw perchè 250km "dichiarati" vuol dire che dopo un pò di anni la macchina farà a stento 180...
        Anche se la politica che hanno del leasing batteria è interessante.


      • Luca Zaninello
        • Admin
        • Staff
        6 giorni fa Link al commento

        Vedremo cosa è possibile fare, grazie della dritta! :)

Articoli consigliati