Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

2 min per leggere Nessun commento

La tregua USA della tassa sui dispositivi cinesi dovrebbe mantenere i prezzi stabili

Le relazioni tra Stati Uniti e Cina nel 2018 sono state definite da un'escalation della guerra commerciale che ha visto l'aumento delle tariffe sui beni, comprese le componenti tecnologiche che hanno minacciato di far salire alle stelle i prezzi di alcuni dei nostri gadget preferiti. Ma gli appassionati di tecnologia possono respirare più facilmente per ora, dato che sembra che le teste più fresche abbiano prevalso e sono disposti a discutere una soluzione.

Ultimamente, gli Stati Uniti hanno più volete minacciato di aumentare le tariffe sulle merci cinesi del 25% all'inizio del 2019, ma ora, nell'ambito di una "tregua" tariffaria concordata tra Xi Jinping e il Presidente Trump al vertice del G-20 in Argentina, queste rimarranno al 10%. Nel frattempo, le due parti hanno ora 90 giorni di tempo per negoziare un nuovo accordo, affrontando questioni spinose come il furto di proprietà intellettuale e brevetti. Se non si dovesse trovare un accordo entro la data stabilita, le tariffe aumenteranno fino al 25%.

Oltre ai beni tecnologici, l'accordo ha anche un impatto significativo sui settori dell'energia e dell'agricoltura. Secondo la Casa Bianca: "La Cina accetterà di acquistare una quantità non ancora concordata, ma molto consistente, di prodotti agricoli, energetici, industriali e di altro tipo dagli Stati Uniti per ridurre lo squilibrio commerciale tra i nostri due paesi. La Cina ha accettato di iniziare ad acquistare prodotti agricoli dai nostri agricoltori immediatamente".

AndroidPIT China
Molti dei prodotti elettronici che compriamo coinvolgono la Cina. / © AndroidPIT

Anche se le tariffe venissero aumentate, molti dispositivi come gli smartwatch o gli smart speaker rimarrebbero inalterati, ma esistono diversi dispositivi elettronici che potrebbero essere colpiti da aumenti di prezzo significativi. Al momento, questo non conta nemmeno per gli smartphone come Huawei Mate 20 Pro, attualmente banditi dal mercato statunitense.

90 giorni non sono poi così tanti e i negoziatori si scontrano su questioni che per anni sono sfuggite alle due parti, dunque si spera che il risultato possa essere vantaggioso per la maggior parte degli americani e dei cinesi.

Cosa ne pensate della guerra commerciale USA-Cina? I due paesi dovrebbero scendere a compromessi, o siete a favore di una linea più dura?

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica