Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione.

3 min per leggere Nessun commento

Questo video mette in discussione la realtà aumentata

La realtà aumentata farà parlare tanto di sé e, per chi non avesse ancora dimistichezza con l'argomento, si tratta della tecnologia utilizzata dalla nota applicazione Pokémon GO. In breve: consente la visualizzazione di elementi virtuali nel mondo reale. Un interessante video pubblicato di recente guarda a questo concetto con particolare interesse.

Magali Barbé, un esperto nella produzione di video, ha realizzato un cortometraggio nel quale presenta Strange Beasts, una di gioco di realtà aumentata o meglio, un video che oscilla tra realtà e finzione. L'obiettivo di Magali Barbé è quello di dare vita ad una bufala, un video deliberatamente fasullo, capace di introdurre un argomento a cui è interessato. 

Il regista ha spiegato di voler creare un falso video pubblicitario ma di avere, alla fine, optato per un video più narrativo capace di distinguersi dalla concorrenza:

Avviato il video vedrete comparire Victor, sviluppatore e creatore del gioco Strange Beats. Questo gioco permette di interagire quotidianamente con piccoli mostricciatoli (virtuali, ovviamente). Questa è la realtà aumentata. Ciò, secondo quanto afferma Victor, è reso possibile grazie all'installazione di una protesi permanente nella cornea. L'operazione, afferma il giovane sviluppatore nel video, non è pericolosa e permette un tipo di interazione come quella mostrata nel video.

Proviamo a vedere il tutto da un altro punto di vista: quando si guarda al mondo reale, vedrete Victor che rimprovera il suo animale domestico virtuale (il tutto accompagnato da un sottofondo musicale piuttosto ansiogeno), e che compie alcuni gesti reali che gli permettono di sfogliare le foto che ritrraggono i suoi animaletti e Anna, la sua bambina, nel mondo virtuale. Quando va a fare una passeggiata all'aria aperta con la bimba ed i suoi animali domestici ci si rende veramente conto di come anche la bambina sia in realtà virtuale. Seduto su una panchina Victor parla con lei, proprio come fosse una bambina in carne ed ossa.

Ci sarebbe davvero tanto da dire non solo su questo video ma sui diversi argomenti ad esso legati. Uno però in particolare ha catturato la mia attenzione. All'inizio del video Victor dice che il futuro del mondo dell'intrattenimento è l'interazione e che Strange Beasts è stato creato proprio per migliorare questo aspetto, e per potersi immergere in questo mondo artificiale.

Magali Barbé vuole così ricordarci qualcosa di cui spesso ci scordiamo: le nostre azioni spesso mosse da buone intenzioni non sempre si rivelano positive per noi stessi. Occorre fare un passo indietro e non farsi trasportare in modo eccessivo da emozioni e desideri (come quello di avere un animale domestico o dei figli, ad esempio).

Cosa ne pensate di questo video? Pensate che il messaggio finale sia chiaro?

2 Condivisioni

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più