Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione.

3 min per leggere 2 Commenti

WhatsApp: 1 miliardo di utenti attivi al giorno... ma come?

La popolarità di WhatsApp non è certo una novità. Ma 1 miliardo di utenti attivi al giorno sono un traguardo importante che mostra come gli sforzi del team che sta dietro all'app di messaggistica non siano per niente vani. Ma cosa rende WhatsApp, a distanza di anni dalla sua uscita, un'app così attraente per gli utenti?

I numeri parlano chiaro: 1 miliardo di utenti attivi al giorno, 1,3 miliardi di utenti attivi al mese, 55 miliardi di messaggi inviati al giorno, 4,5 miliardi di foto e 1 miliardo di video condivisi al giorno. E pensare che nel 2014, quando Facebook ha acquistato WhatsApp, l'app contava 350 milioni di utenti attivi al giorno. 

WhatsApp, nonostante nuove app di messaggistica siano nel frattempo comparse sul mercato, continua ad avanzare imperterrita. E superarla, ora come ora, sembra davvero un'impresa titanica. Perché sì, WhatsApp è riuscita ad anticipare gli altri servizi ed a raccogliere subito l'attenzione di tantissimi utenti ma soprattutto è riuscita a tenerseli buoni ed a conquistarne di nuove. Ma come?

Il supporto a 60 lingue ed il frequente rilascio di nuovi aggiornamenti aiutano a spiegare il successo di WhatsApp

Il supporto a 60 diverse lingue ed il frequente rilascio di nuovi aggiornamenti aiutano a spiegarne il successo. L'introduzione delle Storie, inizialmente sottovalutate, o del nuovo Stato, particolarmente criticato per aver in un primo momento preso il posto del vecchio, piacciono. L'aspetto più curioso è vedere come queste feature non siano propriamente nuove ma arrivino dal cugino Spachat, una piattaforma più popolare tra i giovanissimi. 

AndroidPIT xiaomi MI 3 Whatsapp
WhatsApp ha raggiunto 1 miliardo di utenti attivi al giorno. / © ANDROIDPIT

La strategia Facebook di prendere "ispirazione" da Snapchat sembra quindi funzionare, per ora almeno. E sono certa il team di Zuckerberg saprà tirare fuori dal cilindro qualche altra novità ben studiata capace di mantenere i suoi utenti attivi.

L'arrivo di Google Assistant su Allo sembrava potesse mettere in difficoltà WhatsApp perché la presenza di un assistente digitale pronto a rispondere a qualsiasi domanda senza dover abbandonare la chat è un'idea geniale. Peccato però che questo assistente sia stato lanciato solo in inglese all'interno di un'app, Allo, che però si concentra solo sui messaggi lasciando a Duo chiamate e videochiamate. E non sempre "two è meglio che one". Insomma WhatsApp si migliora ma la concorrenza non riesce a tenere testa.

Chissà, Zuckerberg potrebbe pensarci su e trovare il modo, in futuro, di implementare su WhatsApp un assistente intelligente come Google ha ben pensato di fare. Nel frattempo, introducendo piccole chicche come l'accesso alle GIF, pratiche modalità di formattazione del testo e migliorando l'interfaccia utente in piccoli dettagli, sembra riuscire a soddisfare gli utenti.

Cosa spiega il successo di WhatsApp?

Qual è l'aspetto che più vi piace di WhatsApp?

Fonte: WhatsApp

4 Condivisioni

2 Commenti

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Il motivo del successo di WhatsApp è uno solo: l'estrema diffusione che ha raggiunto. Gli altri saranno anche migliori ma se tra i miei contatti non ce n'è uno che li utilizza, non c'è storia


  • Cara Jessica, non oso pensare al lavoro che devono fare i server ed a cosa faccia il RDBMS che si occupa di immagazzinare tutto quanto. Sicuramente ci deve essere una gestione del database in stile BigData. So che Facebook usa un database MySql, almeno così dichiarano ma non so se un database gestito con un RDBMS di quel tipo può contenere tutto questo e sopratutto gestirlo. Ad ogni modo credo che "il grosso numero di utenti che costringe..." sia dovuto proprio al fatto che per tanto tempo whatsapp è stata la prima ed anche la sola app sul mercato, ma diciamoci la verità, anche la più pubblicizzata dai media. Ad ogni modo, non credo che sia insuperabile, basta dare un'occhiata alla classifica dei video di YouTube per capire che esistono cose che al momento sono insuperabili ma in realtà non lo sono :)

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più