Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
1 Commento

Wild Blood - Combatti con Lancillotto

Gameloft presenta Wild Blood, un nuovo gioco di ruolo basato sul noto motore grafico Unreal Engine. Questo motore garantisce una grafica davvero all'altezza dei giochi per console.

Ma di che gioco si tratta questa volta? Riusciremo ad appassionarci anche alkla trama del gioco, oltre che alla grafica? Per rispondere a queste domande non resta che leggere la nostra recensione odierna.

Valutazione

Versione testata Versione corrente
1.0.8 1.1.4

Funzioni & Uso

 

Smartphone usati nel test:
Samsung Galaxy Nexus
Versione Android: 4.1.2
Root:
Modifiche: No

Samsung Galaxy Tab 10.1
Versione Android: 4.0.4
Root:
Modifiche: No

Utilizzabile da: Android 2.3
Apps2SD: non riconosciuto
Dimensioni dopo installazione: Ca. 2,3 GB
Ottimizzato per ICS e Jelly Bean:
Ottimizzato per tablet: No, ma funziona senza problemi

Autorizzazioni:
Comunicazione di rete
Scheda SD
Chiamate in arrivo
Disattiva modalità standby
Modalità vibrazione

La storia alla base di Wild Blood prende origine dal triangolo amoroso che coinvolge Artù, Ginevra e Lancillotto all'epoca della Tavola Rotonda. La variante della storia è qui particolarmente fantasiosa: per vendicarsi del tradimento di Lancillotto e dell'infedeltà di Ginevra, Artù, insieme alla sorellastra Morgana, decide di aprire le porte dell'inferno, imprigionandovi Ginevra. La missione di Lancillotto, protagonista di Wild Blood, sarà entrare all'inferno e sconfiggere i mostri per liberare la sua amata. Il cavaliere potrà contare sull'aiuto di Merlino, che già tante volte ha affrontato Morgana e la sua magia nera. Questi gli fornirà di volta in volta armi supplementari per sconfiggere Morgana, che si presenterà sotto forma di drago o di angelo vendicatore.

La storia, per quanto singolare, fa il suo dovere: offre cioè uno spunto ed una ragione per combattere. Questo è infatti il fine principale di Wild Blood: combattere contro orde di nemici. Lancillotto aumenta la sua forza man mano che il gioco procede, iniziando dai primi livelli con una spada e poi passando ad utilizzare due asce e un arco. Tutte le armi si possono acquistare con l'oro trovato in gioco. Questo oro, come sempre, è però anche acquistabile con denaro vero all'interno del gioco.

Parlando del combattimento, è possibile infliggere ai nemici colpi critici ed incrementare la velocità degli attacchi. Si possono anche incantare le armi con fuoco, ghiaccio o fulmini. Anche il personaggio principale può incrementare le sue abilità: energia vitale, Mana, stamina e velocità sono le skills che possono essere aumentate attraverso l'esperienza. In battaglia si possono effettuare particolari combinazioni di colpi (escono automaticamente premendo ripetutamente il pulsante di attacco), o anche sprint-combos, attacchi speciali ad alta velocità.

Anche se non c'è una grande quantità di armi, grazie alla magia si possono ottenere una serie di effetti e combinazioni diverse. Anche i mostri sono di diverse specie, e si incontrano regolarmente boss minori e boss maggiori. Grazie alla magia e alla difficoltà dei combattimenti, il gioco non risulta mai noioso.

A margine dello scenario di battaglia di Wild Blood, Gameloft ha anche disseminato il gioco di gabbie e prigionieri. Questi andranno cercati, perché non si trovano direttamente sulla strada. La liberazione di questi prigionieri avviene attraverso un minigioco all'interno del gioco: si dovranno spostare determinati blocchi di pietra per sbloccare la porta d'entrata alla prigione, in una parentesi di strategia. Oltre a ciò in Wild Blood si trovano enigmi da risolvere, che portano al ritrovamento di cristalli e all'apertura di porte segrete.

Una funzionalità degna di nota è il multiplayer, che si può giocare sia in locale che su Internet fino a otto giocatori. La modalità sarà un classico deathmatch in cui si dovrà catturare la bandiera lasciata sulla mappa dagli altri giocatori. Questa modalità è davvero divertente, anche se utilizzando un personaggio standard e non ben equipaggiato si hanno poche possibilità di vittoria. Un piccolo problema durante il combattimento è che la camera in soggettiva spesso non è perfettamente centrata sull'azione.

In conclusione:

Wild Blood è un bel gioco di combattimento di ultima generazione. Anche se ci sono ancora un paio di aspetti che si potrebbero migliorare, mi sento di consigliarlo a tutti i coloro che sono in possesso di uno smartphone di ultima generazione e vogliono usarlo come piattaforma di gioco.
 

Schermata & Comandi

 

Il motore grafico Unreal Engine è davvero il punto di forza di Wild Blood. Nonostante questo però certi dettagli grafici, specialmente nello zoom, mancano ancora di definizione. Gli effetti speciali sono in linea di massima buoni, ma forse un po' sacrificati a scapito di altri aspetti, ad esempio la chiarezza e l'ampiezza degli scenari e dei paesaggi circostanti. Per aprire le porte occorrono sempre 2 tentativi, poiché il gioco non pare reagire al primo tentativo. Tutti questi dettagli non compromettono affatto il buon esito del gioco, ma essendo un prodotto Gameloft ci si aspetta sempre il massimo.

Velocità & Stabilità

 

Wild Blood impiega più di un minuto a caricarsi, su tutti i dispositivi che ho testato. Anche il caricamento tra i livelli e il riavvio si caricano piuttosto lentamente. Sul tablet il gioco era un po' meno scorrevole, nonostante questo non ho mai avuto problemi di rallentamenti o chiusure improvvise della app.
 

Prezzo / Prestazioni

 

Wild Blood si può acquistare su Google Play per 5,49€. L'unico aspetto negativo della app è che, nonstante il gioco sia a pagamento, è comunque prevista un'opzione interna al gioco di acquisto di oro con soldi reali. Questo porta certo ad ottenere equipaggiamento supplementare nel gioco, ma è molto chiara qui la volontà degli sviluppatori di trarre il massimo profitto possibile da questa app.

Schermate

Wild Blood - Combatti con Lancillotto Wild Blood - Combatti con Lancillotto Wild Blood - Combatti con Lancillotto Wild Blood - Combatti con Lancillotto

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK