Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.
YouTube avrebbe permesso ai contenuti tossici di avere più visualizzazioni
3 min per leggere Nessun commento

YouTube avrebbe permesso ai contenuti tossici di avere più visualizzazioni

Cosa c'è di buono in YouTube? Permette a chiunque di caricare e condividere i propri video con tutto il mondo. E cosa c'è di male? Permette a chiunque di caricare e condividere i propri video con tutto il mondo. La proliferazione di contenuti dubbi, come le fake news, le teorie complottiste e altre bellezze dell'era dell'informazione, non è una novità, ma ciò che alcuni denunciano ora è come l'azienda avrebbe affrontato la questione per un lungo periodo di tempo.

Per anni YouTube avrebbe ignorato le richieste dei suoi dipendenti di segnalare ed eliminare video tossici dalla sua piattaforma. Il motivo? Aumentare il traffico. Secondo più di 20 dipendenti (ex e attuali) dell'azienda, il personale avrebbe fatto proposte per impedire la diffusione di contenuti di disturbo, falsi, estremisti e/o la promozione di teorie cospirative. Tuttavia, la gestione della piattaforma sarebbe stata sorda a tali proposte per non perdere traffico.

Ad esempio, una delle proposte suggerite era quella di eliminare i video problematici o borderline dalla scheda "Consigliati". Secondo un ex ingegnere aziendale, YouTube ha respinto la proposta nel 2016, raccomandando i video per quanto controversi. Secondo i dipendenti, l'obiettivo interno era di raggiungere un miliardo di ore di visione al giorno.

AndroidPIT youtube
Una piattaforma per le notizie false? YouTube ha evitato il problema per anni. / © AndroidPIT

I dipendenti al di fuori del team di moderazione hanno anche riferito che l'azienda li aveva scoraggiati dalla ricerca di video tossici sulla piattaforma, in quanto gli avvocati avrebbero detto che la responsabilità di YouTube sarebbe stata maggiore se i suoi dipendenti sapessero e segnalassero l'esistenza di tali contenuti.

Almeno cinque dipendenti senior hanno lasciato YouTube a causa della loro riluttanza ad affrontare questo problema. Secondo uno degli ex dipendenti, il direttore esecutivo Susan Wojcicki non si sarebbe mai esposta, sostenendo che il suo lavoro era quello di "mandare avanti il business" e non di occuparsi di informazioni errate o contenuti pericolosi. Un portavoce di YouTube ha detto che l'azienda ha iniziato ad agire alla fine del 2016 e a demonetizzare i contenuti tossici nel 2017. Tuttavia, alla fine del 2017, il dipartimento "Trust and Security" contava solo 20 dipendenti.

Nel 2018 la piattaforma ha iniziato a cercare di frenare le fake news e le teorie cospirazionistiche con una casella di testo informativo e quest'anno ha deciso di eliminare la pubblicità sui contenuti potenzialmente pericolosi. YouTube ha anche promesso al suo pubblico, attraverso un annuncio fatto il 25 gennaio di quest'anno, che saranno raccomandati meno video che difendono cospirazioni.

Tutte le informazioni indicano come YouTube stia cercando di correggere la situazione, ma sembra essere un po' in ritardo e non ha presentato una strategia coerente per affrontare la questione in tutta la sua complessità. Se la piattaforma vuole evitare la proliferazione di video problematici, dovrà occuparsi di una questione essenziale come la moderazione dei contenuti. Fino ad allora potrebbe ancora essere infestato di tossicità.

Cosa ne pensate? Le visualizzazioni valgono più della qualità dei contenuti?

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica