Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Opinion 5 min per leggere Nessun commento

Pixel Slate: il modo per mantenere in vita i tablet

Se ci pensate, la teoria di Darwin non è limitata agli esseri umani: i prodotti devono evolversi per sopravvivere, la selezione naturale si prenderà cura di far scomparire i meno creativi. I tablet fanno parte di questa categoria in pericolo e Google, che lo ha capito bene, intende aiutarli.

"Le specie che sopravvivono non sono le specie più forti, né le più intelligenti, ma quelle che meglio si adattano al cambiamento", ha affermato Charles Darwin. Se la paternità di questa frase viene talvolta discussa, il suo significato è comunque esplicito e l'autore potrebbe non aver pensato che un prodotto di consumo potesse essere associato alla specie a cui fa riferimento. Sì, come molti altri prodotti, un dispositivo tecnologico deve evolvere se non vuole scomparire.

Il tablet non si è realmente evoluto negli ultimi anni. Indubbiamente l'hardware utilizzato è più potente, sono state introdotte alcune tecnologie più o meno utili, ma alla fine i suoi campi di applicazione rimangono gli stessi. Nel meraviglioso universo della tecnologia in cui il tempo è frenetico, è tanto più importante evolversi rapidamente. E se non possiamo parlare di estinzione, possiamo vedere alcuni segni: meno produttori si impegnano in questo settore. Perché? La domanda non è forte come lo era un tempo. Se noi umani viviamo in un'era di interconnessione e comunicazione in cui lo smartphone trova tutto il suo significato, il tablet cerca la sua strada.

Il tablet classico, che possiamo identificare nell'uomo di Neanderthal, potrebbe benissimo scomparire e lasciare il posto all'Homo Habilis che, per Google, sarebbe il nuovo Pixel Slate. 

Un sistema operativo molto flessibile

Ho sempre visto la filosofia di Google in maniera molto manicheana: da un lato la trovo diabolica nei suoi modi di procedere, nel suo modello business e talvolta nel modo in cui si avvicina alle cose e prende decisioni, d'altra parte ammiro l'apertura che mostra per certi aspetti e per gli sforzi (probabilmente non altruistici) che compie in molte aree. Sono quindi diviso con l'idea di avere su questo tablet un sistema che ci immerge nell'abisso dei dati ma che ci permette di godere di tanti benefici.

Pixel Slate utilizza Chrome OS, il sistema che conosciamo dai Chromebook. Google ignorerebbe Android sul proprio dispositivo mobile? Non totalmente da quando, come il Chromebook, sarà completamente compatibile con le applicazioni Android. Se avete ancora bisogno di essere convinti sappiate che è in grado di eseguire anche applicazioni Linux. Potrete usare il tablet per fare qualsiasi cosa vogliate: software e hardware lo permettono. Ovviamente potrete utilizzare Google Assistant per sfruttare il potenziale di Google.

Adattamento e trasformazione

Il primo tablet Google, Pixel C, permetteva già una sorta di trasformazione in laptop. Basta collegare il tablet alla tastiera compatibile e voilà: il Pixel C diventa un netbook. Google replica questa esperienza con Pixel Slate per offrire un'esperienza all-in-one. L'idea non è nuova ed è stata fatta propria dalla concorrenza (in particolare dai tablet Samsung) senza realmente convincere. Perché mai questo tablet dovrebbe risultare più convincente?

Una domanda difficile da rispondere senza aver testato il dispositivo. È ovvio che gli utenti mobile, studenti e simili, possono trovare il proprio account, ma per preferire questo prodotto al nuovo laptop, che sia un Pixelbook 2 o qualsiasi altro laptop, occorrono degli argomenti validi. 

Personalmente trovo interessante poter trasformare uno strumento di lavoro semplicemente rimuovendo la tastiera, ma questo è puramente soggettivo. Voi come la vedete, ad esempio?

Dal lavoro al multimediale: un tablet per tutti

Come definire questo tablet? "Un tablet che è un telefono e afferma di essere un computer", secondo Google. il Pixel Slate è tante cose insieme ma nella pratica il dispositivo va incontro ai dipendenti dalla tecnologia: dal montaggio video alla scrittura di articoli fino a tutte le possibili applicazioni da ufficio.A ciò si aggiungono gli appassionati di multimedia perché lo schermo è (a priori) eccellente e anche la fotocamera e i due altoparlanti arrivano direttamente da Google. Naturalmente, grazie alla compatibilità con Android, permette di controllare facilmente i dispositivi collegati. In altre parole, qualsiasi tipo di utente riuscirà a trovarlo utile!

Un'evoluzione apprezzabile

La scelta di Chrome OS come sistema operativo è una grande idea. Insieme all'hardware di fascia alta, dovrebbe consentire all'utente di fare tutto ciò che desidera sul dispositivo. Di giorno si può utilizzare con la tastiera (purtroppo molto costosa, ma non sorprende da parte di Google!) per lavorare e nel tempo libero si può usare come strumento multimediale. Qualunque sia il tuo utilizzo, il tablet dovrebbe soddisfare le vostre esigenze. 

Vorrei testare il dispositivo per avere un'idea migliore del potenziale realmente offerto ma, a prima vista, sarebbe in grado di sostituire il mio laptop e il mio tablet. La sua autonomia e aspettativa di vita devono essere attentamente analizzate, così come il comfort durante l'utilizzo della tastiera. 

Spero che questo piccolo passo per i tablet di Google sarà un grande passo per i tablet in generale. Spero ispirerà all'innovazione. Con Chrome OS questo Pixel C più moderno oggi offre un vantaggio interessante e se non si può parlare di un cambiamento veramente rivoluzionario, si può almeno sperare che rivitalizzerà un po' il mercato dei tablet ispirando i produttori (Apple in primis).

Cosa ne pensate di Pixel Slate?

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

Articoli consigliati