Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
4 min per leggere 24 Condivisioni 6 Commenti

Ecco perchè ho smesso di usare i servizi Google ma non Android!

Basta, ho deciso di fare l'hipster in vacanza e di rinunciare ai servizi offerti da Google, senza però abbandonare il mio buon vecchio Android. Perchè mai questa decisione? Forse le applicazioni offerte da Google non sono abbastanza smart per i miei gusti? No, sono smart al punto giusto, ma è proprio questo il problema.

Google è diventato indispensabile, ha preso il controllo della nostra vita quasi ed è per questo che ho deciso di dire NO! Molti dei suoi servizi sono diventati piuttosto invadenti , ho per questo cercato alternative altrove rinunciandovi completamente. Ecco il risultato!

AndroidPIT Google apps 2
Ho detto NO a Google e sì alle tante alternative smart del Play Store! / © ANDROIDPIT

Il desiderio di rivoluzionare la mia esperienza d'utilizzo

Dopo qualche anno di utilizzo mi è sembrato di essere tornato un bimbo, costantemente accudito da una madre troppo premurosa. È proprio questo che fa Google, impara dalle nostre azioni e rende l'esperienza Android sempre più facile ed intuitiva. Non nego che la vita sia più facile in questo modo, ma sentivo di aver perso quel pizzico di curiosità in più che rende divertente l'utilizzo di uno smartphone. 

Senza i servizi Google, ho avuto modo di esplorare il sistema più a fondo, intento a cercare una soluzione alternativa alle funzionalità più importanti, ed ho scoperto meraviglie software che altrimenti mi sarebbero rimaste sconosciute, opzioni che meritano di essere conosciute ed utilizzate, o persino personalizzate con un minimo di fantasia.

texting app
Esplorate a fondo il vostro smartphone e sfruttatene tutte le potenzialità! / © ANDROIDPIT

Esiste un'alternativa a tutti i servizi Google

Per eliminare una volta per tutte Google dal mio Android ho deciso di installare una versione AOSP che propone delle applicazioni esenti dai diritti, ovvero completamente modificabili, che permettono il pieno controllo da parte di chi le utilizza. Tutto sta nel prendere l'iniziativa e muovere i primi passi, il resto verrà da sé, portandovi a scoprire alternative utili e perfettamente funzionanti. Ne esistono talmente tante che a provarle tutte si rischia di impazzire, ma l'importante è concentrarsi e ricordarsi che in fondo l'istinto primario dell'uomo è quello di esplorare e scoprire nuove cose. 

La rinuncia ai servizi Google ha inoltre interrotto tutti i servizi di sincronizzazione attivi in background, spesso e volentieri inutili e pesanti per la batteria dello smartphone. Avendo ora il controllo assoluto delle app, sono io stesso a decidere quale servizio deve sincronizzarsi e quale invece no, ed ho riscoperto uno smartphone più fluido ed un'autonomia notevolmente migliorata. 

ANDROIDPIT How to speed up your phone 2
Vola Android, vola!/ © ANDROIDPIT

Non dipendere più da qualcuno o da qualcosa

Finalmente sono tornato padrone di me stesso. Utilizzo dei servizi e delle applicazioni libere, che non sono governate da algoritmi pronti a calcolare ogni minuto della mia vita privata. Al posto di Chrome, utilizzo ora Chromium e non sincronizzo mai i miei dati sul browser, altrimenti la mia presa di posizione non avrebbe alcun senso. Per rimpiazzare Google Play utilizzo gli altrettanto affidabili servizi offerti da Aptoide. Aperture mi fa da galleria fotografica e Duck Duck Go è diventata la mia barra di ricerca (servizio che non spia gli utenti). 

Per la personalizzazione dello smartphone con e senza Custom ROM ho scelto invece Xposed. Insomma, finalmente sono tornato ad avere una vita privata anche online ed un'esperienza Android completamente mia.

androidpit antivirus 2
Ottenete un Android tutto vostro! / © ANDROIDPIT

Il cloud non avrà mai i miei dati

Il cloud? Ah, sì certo, siamo d'accordo che si tratti di un'invenzione utilissima a salvare file e dati personali online liberando il nostro smartphone da un peso non indifferente. Ma chi vi dà la certezza che i dati siano veramente al sicuro, anche su quei siti che promettono di criptarli? Nessuno! Non voglio farvi diventare tutti paranoici come me, sia chiaro, ma farvi capire che in realtà il cloud non offre nulla di positivo. 

Scegliete piuttosto uno smartphone dotato di più spazio di memoria interna, spenderete un po' di più ma starete certi che nessuno potrà raggiungere i vostri dati (certo se poi vi connettete a reti WIFI non protette non è colpa mia).

androidpit cloud 1280 teaser
Sicuri che i servizi di cloud siano veramente affidabili? / © ANDROIDPIT

Insomma, non è che dovete cancellare completamente Google dalla vostra vita, ma cercare di limitarne l'utilizzo quotidiano, scegliendo soluzioni alternative e libere con la consapevolezza di poterne ottenere gli stessi risultati. Potrete continuare ad utilizzare Gmail per ricevere le vostre email, ma attraverso un client open source. Lo stesso vale per YouTube ed altri servizi famosi. Alla fine non farete che facilitare la vostra vita di tutti i giorni. 

Non abbiate paura di fare il primo passo!

24 Condivisioni

6 Commenti

Commenta la notizia:

  • Se devo essere sincero, in parte concordo e per la parte che non concordo non mi sento di opporre alcune osservazione, se non riservarmi di valutarla meglio :)


  • Possiedo un fantastico g4 e qualunque rom provi non ottengo mai un'esperienza d'uso pari alla stock soprattutto riguardo la fotocamera....A parte la Genisys ma se quella è una rom modificata io sono babbo natale...
    Dunque?
    Secondo me esistono terminali ideali per essere modificati come i Nexus e altri no...


  • Ho attivato notifiche di androidpit con gmail per seguire le notizie e google mi ha messo in guardia per la prima volta di non entrare a leggere occhio, che se fino ad ora eri riuscito a tenerti lontano dal occhio del grande fratello ora hai un faro che ti illumina, ahahah hai ragione con questa mossa ho visto che ci controllano pure se vogliamo esprimere le nostre differenze di idee non è giusto che abbiano paura di un articolo come il tuo


  • Al contrario dell'utente che mi precede sono in linea con l'autore dell'articolo. Io stesso non utilizzo Chrome, né ricerca Google, men che meno l'invadente Google maps, ma la assai migliore (sotto ogni profilo) HERE. Uso regolarmente Aptoide, quanto alla privacy, a cui tengo molto, ovviamente non sono iscritto nemmeno a Facebook. Decido io cosa può attivarsi in background o meno e quando voglio io. Non compro top di gamma, ma cellulari che han le stesse prestazioni, ma con possibilità di personalizzazione massima, senza il blocco del bootloader, con batteria removibile e sd esterna, la prima operazione che faccio è l'installazione dei permessi root, quindi scelgo una Custom rom che mi soddisfi e mi permetta la massima libertà e non mi obblighi a seguire i voleri del brand di grido come una pecora. Android è sinonimo di libertà, ma pochi sanno davvero godere della libertà.

    Leo


  • Sinceramente....mi sembra una presa di posizione basata su un puntiglio che è solo di principio e non di sostanza.
    Personalmente trovo applicazioni come Google Maps, Ricerca Google o Google Now estremamente utili e migliori di altre simili disponibili on line gratuitamente o meno. E meno male che esistono.
    Il fatto poi che Google segua la mia attività è una cosa che non mi procura alcun fastidio, anzi, permette loro di darmi un servizio migliore e via via più aderente ai miei gusti


    • Concordo pienamente l'esperimento fatto nell' articolo è interessante, ma sinceramente non potrei fare a meno di alcune app Google che per quanto avide di dati sull'attività sono uniche, e le alternative appena sufficienti

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK