Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
32 Condivisioni 7 Commenti

Rete 5G: cos’è, quanto è veloce e quando sarà disponibile?

Lo standard della tecnologia wireless del futuro è il 5G. Questa nuova rete ci permetterà di effettuare trasferimenti dati ultra-veloce, in modo stabile ovunque. Le possibilità d’uso saranno infinite, dalle comunicazioni mobili a video olografici in tempo reale (pensate al messaggio della principessa Leila a R2-D2), chirurgia a distanza e tanto altro ancora. Nonostante i dispositivi 5G non dovrebbero apparire prima del 2020, vale la pena conoscere in anticipo tutto quello che c'è da sapere sul wireless 5G e cosa significherà per tutti noi!

androidpit 5g
Cos'è il 5G e quando potremo sfruttarlo? © ANDROIDPIT

Cos’è il 5G?

Il 5G è difficile da definire, in primo luogo perché non esiste ancora uno standard ufficiale. Ecco quanto siamo lontani... Ma questo non ha fermato i principali brand tecnologici, da Samsung ad Huawei, fino ad Ericsson, dal fare grandi affermazioni circa i risultati dei loro esperimenti 5G (parleremo di tali esperimenti più avanti).

Il 5G può liberamente essere descritto come una modifica importante, un salto generazionale, in termini di ciò che abbiamo attualmente: una connettività wireless di 4a generazione. Questo significa semplicemente che il 5G sarà significativamente più veloce di quello che il 4G è in grado di offrirci ora.

I principi fondamentali della rete 5G si basano principalmente su alcuni punti chiave: una latenza estremamente bassa (in pratica nessun ritardo), connessioni multi-utente e multi-stream (il che significa molte più connessioni in grado di trasferire dati attraverso più flussi contemporaneamente), velocità dinamica corrispondente (la larghezza di banda verrà assegnata a seconda della richiesta) e la pervasività.

Pervasività vuol dire che una volta in cui il 5G verrà stabilito, questo potrà essere raggiungibile ovunque, quindi non importa dove vi troviate nel mondo: la connessione a Internet sarà stabile, super veloce e sostanzialmente ininterrotta: addio ai punti morti o di scarso segnale.

Questa nuova rete consentirà anche molte più connessioni sulle larghezze di banda disponibili ed ora che l'Internet delle cose (oggetti indossabili, case intelligenti, automobili intelligenti, ecc.) sta crescendo in modo esponenziale, il 5G sarà in grado di accoglierlo a braccia aperte.

5GspeedsgraphGSMA
Queste sono le velocità teoriche di download ipotizzate per il 5G. © GSMA Intelligence

Come confrontare il 5G al 4G?

Abbiamo un buon punto di partenza, perché in effetti sappiamo che cos’è il 4G LTE. Il 4G è un qualsiasi numero di standard wireless, che in gran parte ruotano attorno all’LTE (Long Term Evolution). L’LTE è la più comune rete 4G Internet a banda larga mobile con velocità di trasferimento dati di picco di 100 Mbit/s in upload e 1Gbit/s in download.

(Essendoci 8 bit in un byte, per calcolare le velocità reali da questi numeri basta dividerli per 8. Pertanto 100 Mbit/s in upload diventano 12,5 MB al secondo e 1 Gbit/s in download equivale a 125 MB al secondo)

LTE è il nome generico per il tipo di velocità 4G che tipicamente si vede negli smartphone. LTE-A, o LTE Advanced, è un miglioramento alla tecnologia 4G esistente (500 Mbit/s in upload e 1 Gbit/s in download), ma non è neanche lontanamente la velocità che il 5G sarà in grado di raggiungere.

Dov'è il 5G in questo momento?

Dato che il 5G non è ancora stato ufficialmente definito, è difficile dire quali velocità minime potremo aspettarci. Tuttavia, questa mancanza di definizione non ha impedito a molti OEM da reclamizzare i risultati dei loro esperimenti col 5G.

Samsung ha effettuato alcuni test di velocità in 5G lo scorso anno, registrando una velocità massima di 7.5 Gbit/s stazionaria (937,5 MB in un secondo, o poco meno di 1 GB - che è un intero film in un secondo) e 1.2 Gbit/s in movimento (che sono 150 MB in un secondo).

Ericsson è riuscito ad eseguire con successo un test in 5G a metà 2014 con un picco di 5 Gbit/s di velocità.

Huawei ha annunciato qualche tempo fa che avrebbe rilasciato una rete 5G commerciale entro il 2020, la quale sarebbe 1000 volte più veloce dell’attuale velocità in 4G. Questi numeri sono abbastanza impressionanti se fate i conti. La compagnia sta inoltre promuovendo qualcosa che chiama 4.5G, una tecnologia che dovrebbe essere decisamente migliore del 4G (e anche dell’LTE-A), anche se non è ancora abbastanza vicina da considerarsi 5G.

Anche ZTE è entrata in gara con la sua categoria: “pre5G”. In questa notizia della scorsa settimana, ZTE ha dichiarato di poter portare una velocita simile al 5G alle attuali reti 4G (tramite trasmissione multi-stream e funzionalità multi-utente su LTE).

Quando potrò usare il 5G?

Ci vorrà ancora un bel po’. Il 2020 è l'anno che tutti continuano a ripetere, una data che potrebbe essere relativa alla disponibilità commerciale. Le agenzie militari e governative potrebbero sfruttare il 5G già nei prossimi anni (tranne per l’Italia in cui probabilmente scopriranno l’UMTS). Come accennato in precedenza, siamo già in grado di ottenere una velocità decisamente superiore al 4G, ma non può far altro che impallidire in confronto alle promesse a pieno titolo del 5G.

Dispositivi 5G

Al momento stiamo ancora aspettando di vedere i primi smartphone capaci di usare appieno il 4G, che dovrebbero arrivare nei prossimi anni (processori Snapdragon con LTE Cat. 10 a fine 2015, con velocità fino a 450 Mbit/s). Anche il 2020 è un po’ presto per aspettarsi smartphone con accesso al 5G. Ci potremmo quindi aggirare attorno al 2025.

I requisiti delle infrastrutture sono enormi, il prezzo sarà inizialmente piuttosto alto e per la diffusione ci vorranno probabilmente diversi anni prima che diventi una tecnologia con un impatto reale per tutti gli utenti (così come è stato e com’è ancora con l’LTE, non ancora diffuso in modo capillare). Inoltre, i limiti teorici e i risultati pratici potrebbero differire considerevolmente.

Tenete inoltre presente che gli operatori e le tariffe internet cambieranno drammaticamente con il 5G. Proprio come l'emergere dell’LTE ha avuto un grande impatto nei piani dati “illimitati”, la possibilità di scaricare un film in qualità Blu-Ray in un secondo causerà non pochi problemi in futuro (1° del mese si è attivata l’opzione internet e il 2 sono già finiti i GB).

Come pensi che il 5G cambierà gli smartphone? Secondo te quanto ci vorrà in Italia per adeguarsi?

Originariamente di Kris Carlon su AndroidPIT.com

7 Commenti

Commenta la notizia:
  • ottimo articolo, complimenti! :D

  • "Le agenzie militari e governative potrebbero sfruttare il 5G già nei prossimi anni (tranne per l’Italia in cui probabilmente scopriranno l’UMTS)"

    "la possibilità di scaricare un film in qualità Blu-Ray in un secondo causerà non pochi problemi in futuro (1° del mese si è attivata l’opzione internet e il 2 sono già finiti i GB)."

    Sono le parti più belle dell'articolo! :D
    comunque a parte le battute, sarà un gran bell'avvento, anche se come al solito non sarà per tutti all'inizio. . Come del resto col 4G.. Io per avere quest'ultimo (4G) sul mio Galaxy S4 i1905 ci ho messo 1 anno e mezzo quasi, da quando è uscito! E non lo sfrutto neanche appieno.. a volte in download arrivo a 42Mb, altre volte quando è al minimo è poco più veloce di quando è in H+, cioè scarica a 8mb.. mah..
    Comunque una domanda/curiosità per voi.. L'S4 europeo mio, che categoria LTE è? 4,6 o cosa? ")

    • Anche io ho un S4 I9505. La categoria LTE dovrebbe essere la 3, cioè fino a 100 Mbit/s (la 4 è fino a 150 Mbit/s).
      Per quanto riguarda le velocità che hai riscontrato, dipende da quanto è forte il segnale: anche io con una tacca di 4G ho 8 Mbit/s ma con tre tacche una volta ho misurato 83 Mbit/s in download e 23,46 in upload (io sto a Roma e ho Vodafone)

      • LTE 3 quindi.. non male 100Mbit/s dai.. ad arrivarci.. Io i 42 li ho misurati quando avevo piene le tacche ed ero a pochi km dal ricevitore. purtroppo qui dove sono io (L'aquila) ne abbiamo solo 4 o 5 di ripetitori.. non è molto diffuso, ed ho vodafone anche io..

      • La Vodafone sta lavorando per implementare la rete: pensa che fino a qualche settimana fa il 4G andava e veniva nel salone di casa mia, invece ultimamente ho 2 tacche stabili.
        A quanto pare la loro copertura 4G dovrebbe essere arrivata al 74% della popolazione (nel 2016 puntano al 90%)

  • Complimenti per l'articolo, soprattutto per la battuta della scoperta dell'UMTS in italia ;)

    • Mattia Mercato
      • Mod
      • Blogger
      8-feb-2015 Link al commento

      Ahah, grazie mille!
      In realtà il merito va a Kris Karlon, un nostro redattore di AndroidPIT.com da cui ho tradotto e personalmente rivisitato l'articolo (le battute sono mie) ;)

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK