Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
6 min per leggere 23 Condivisioni 9 Commenti

Ecco come Google, con Allo, cerca di superare WhatsApp!

Non potevamo aspettarci altrimenti: Google ha finalmente deciso di scendere in campo con una nuova app di messaggistica intelligente chiamata Allo. Le funzioni annunciate durante il keynote della Google I/O sono davvero interessanti, ma sembra essere Google Assistant l'ingrediente speciale che potrebbe permettere a Big G di superare WhatsApp!

google io keynote 2016 allo 2
 Quali interessanti funzioni offre Allo rispetto a WhatsApp? / © Google

È da tempo che aspettavamo una valida risposta di Google a WhatsApp. Del resto, a suo vantaggio, Big G ha a disposizione il più grande sistema di ricerca al mondo: perchè non sfruttarlo a proprio favore all'interno di una nuova ed ancor più intelligente app di messaggistica istantanea? Eccola, si chiama Allo e sarà disponibile per Android e iOS a partire da questa estate.

Perchè creare una nuova app se esiste già Hangouts che consente di messaggiare, videochiamare ed inviare emoji non solo su Android ma anche su PC, Mac compreso? Perchè questo servizio, nonostante sia installato su milioni di dispositivi, non è mai decollato a dovere. Ci penserà Allo ad entrare nelle nostre tasche facendoci (forse) scordare di WhatsApp e Telegram. Caratterizzata da un'interfaccia moderna ed intuitiva, Allo offrirà delle interessanti funzioni al momento assenti su WhatsApp, Facebook Messenger e sugli altri servizi rivali presenti sul mercato. Scopriamo quali!

Allo offrirà delle interessanti funzioni al momento assenti su WhatsApp, Facebook Messenger ed altre piattaforme

Allo vs WhatsApp: personalizzazione all'ennesima potenza

Per prima cosa Allo permetterà di dare sfogo alle nostre emozioni in modo ancora più completo con una serie di nuovi emoji e stickers e, soprattutto, permettendoci di ingrandire o rimpicciolire il messaggio che desideriamo inviare con un pratico swipe. La vostra squadra del cuore ha appena perso il derby? Gridate su Allo il vostro disappunto scegliendo l'emoji che più vi rappresenta ed ingrandendola al massimo prima di inviarla ai vostri amici! Se amate poi la personalizzazione, apprezzerete probabilmente la possibilità di poter inviare in chat foto personalizzate in modo semplice e veloce senza dovervi affidare ad un'app esterna.

Il team di WhatsApp negli ultimi mesi si è messo sotto per migliorare la piattaforma offrendoci nuovi emoji e permettendoci di scrivere i nostri messaggi in grassetto, corsivo e barrato, posizionando rispettivamente asterisco, trattino basso o tilde prima del testo. Anche Zuckerberg ci dà quindi modo di aggiungere qualche sfumatura in più ai nostri messaggi, anche se lo swipe verso l'alto o il basso per modificare le dimensioni di font ed emoji sembra un'opzione particolarmente intuitiva.

google io keynote 2016 allo 6
Ingrandite il testo a piacere per far capire che state alzando la voce! / © Google

Allo vs WhatsApp: sicurezza e privacy

Quello della sicurezza è un tema piuttosto caldo quando si parla sia di Google che di WhatsApp. Zuckerberg ha di recente introdotto, con un nuovo aggiornamento, la crittografia end-to-end di messaggi e chiamate per tutelare la nostra privacy. Con questa nuova feature possiamo essere certi che le nostre conversazioni, nascoste al client stesso, rimarranno tra noi e i destinatari dei nostri messaggi.

Allo integrerà una modalità incognito per tutelare la nostra privacy

Secondo quanto affermato alla Google I/O anche con Allo potremo stare tranquilli circa la sicurezza della nostra privacy. Oltre alla crittografia end-to-end Google ha infatti deciso di integrare nella sua app di messaggistica una modalità incognito per i più diffidenti che, proprio come su Chrome, permetterà di chattare senza lasciare alcuna traccia. Il concetto è lo stesso offerto da Snapchat: una volta terminata la conversazione i messaggi scompariranno nel nulla! Al sistema di criptaggio E2E si aggiungono poi le notifiche private che tengono nascosti i contenuti dei messaggi ricevuti dalla schermata di blocco. 

AndroidPIT ES WhatsApp end to end 3097
Allo ha pensato anche a migliorare la privacy! / © ANDROIDPIT

Allo vs WhatsApp: risposte smart sempre a portata di chat

È l'integrazione di Google Assistant ciò che potrà fare davvero la differenza rispetto a WhatsApp. Grazie all'intelligente assistente di Google, Allo riesce ad analizzare i messaggi di testo ed i contenuti delle immagini ricevute e proporre sul display delle risposte contestualizzate, che potremo selezionare con un tap. Vostro cugino vi manda una foto mentre fa l'aperitivo di fronte al mare? Allo vi proporrà delle risposte come "che buono lo Spritz"! oppure "che bontà" e così via. 

È l'integrazione di Google Assistant ciò che potrà fare davvero la differenza rispetto a WhatsApp

Sarà possibile sfruttare Google Assistant per avere qualsiasi tipo di informazione direttamente all'interno dell'app. Se state organizzando con i vostri amici una pizzata in centro a Roma, Allo vi proporrà le pizzerie dei dintorni e, se lo desiderate, prenoterà per voi il tavolo. Il tutto sfruttando la tecnologia dei bot che WhatsApp non offre ancora, ma che troviamo invece su Facebook Messenger e Telegram. Digitando sulla tastiera @google potrete chiedere al motore di ricerca qualsiasi cosa, senza dover uscire dall'app e lanciare Google dal browser. Una sorta di genio della lampada sempre a disposizione e pronto a fornirci le risposte ai nostri problemi.

google io keynote 2016 allo 10
Allo è sempre pronto a rispondere ai nostri problemi! / © Google

Allo vs WhatsApp: basta un servizio più completo a fare la differenza?

Devo ammettere che non mi aspettavo da Google un'app di messaggistica, sulla carta, così interessante. Sembra che Google in questi anni si sia guardato bene intorno, prendendo spunto dagli altri servizi di messaggistica al momento disponibili sul Play Store, per creare un'app moderna, intuitiva, pratica e capace di offrire agli utenti qualcosa di più. 

È, a mio parere, l'integrazione di Google Assistant e quindi la possibilità di accedere a qualsiasi tipo di informazione direttamente all'interno della chat, l'aspetto che potrebbe permettere ad Allo di distinguersi sul mercato e forse di risultare più appetibile di WhatsApp. Perchè il forse? Perchè, come abbiamo visto già con Telegram, proporre un servizio più completo, rapido, sicuro e smart non basta a convincere gli affezionati utilizzatori di WhatsApp ad abbandonare il servizio. Poter parlare direttamente con Google in chat è senza dubbio un'idea interessante, ma cosa succede se tutti i nostri contatti continuano ad utilizzare Whatsapp? Anche noi continueremo probabilmente a farlo.

Va poi considerato quello che potrebbe essere un limite di Allo: l'assenza delle videochiamate, presenti ormai su tutte le piattaforme di messaggistica, WhatsApp escluso (anche se gli indizi relativi ad un suo imminente arrivo non fanno che accumularsi giorno dopo giorno). Google ha pensato anche a questo, in realtà, proponendo Duo, un'app dedicata esclusivamente alle videochiamate e capace di interagire con Allo. 

Cosa ve ne pare di Allo? Prendendo in considerazione le feature annunciate ieri, sareste dispositi ad abbandonare WhatsApp per passare all'app di Google?

23 Condivisioni

9 Commenti

Commenta la notizia:

  • Ancora un'altra app di messaggistica?! Proprio che altro non si può fare eh. Cmq è carina, però Telegram per me rimane sempre la migliore, Whatsapp è solo per fama che va avanti ...


  • Personalmente non uso più whatsapp pur avendolo ancora installato. Penso che una nuova applicazione di messaggistica anche se prodotta da Google potrebbe essere ridondante ma non inutile. Insomma chi la vuole provare la provi ma tutti questi livelli di personalizzazione e questa rincorsa alla privacy nelle comunicazioni, secondo me sono solo propaganda. Era il 1996, vidi un film Independence Day, i messaggi erano trasmessi in codice Morse con Telegrafo senza fili. Insomma la crittografia a volte potrebbe essere troppo avanzata e latentemente dannosa per le nostre trasmissioni e per i nostri scopi


    • Jessica Murgia
      • Admin
      • Staff
      21-mag-2016 Link al commento

      Ciao Dommy! Non usi più WhatsApp perchè ti affidi ad un altro servizio di messaggistica o hai proprio abbandonato l'uso di queste piattaforme?


      • A dire il vero uso molto di meno qualsiasi tipo di applicazione di IM ma ultimamente sto dando preferenza a Telegram :)


  • lapy 19-mag-2016 Link al commento

    Speriamo che qualcuno riesca a spodestare WhatsApp perché c'è bisogno di un salto nel futuro.


  • Sono perplesso, non capisco la scelta di Google,hangout, allo e duo fanno le stesse cose sarebbe bastato unire il tutto in un unica app anche questo potrebbe portare all'insuccesso oltre a whatsapp che difficilmente verrà abbandonato dall'utenza, in generale le novità mi sono piaciute molto


  • Jessica, come hai fatto notare tu, contrastare Whatsapp non sarà di certo facile e Telegram insegna. Ma Google ha dalla sua enormi potenzialità di progettazione ed economiche per farlo, cui aggiungerei la possibilità di coercizione datale da tutti i servizi che offre e che, in un modo o nell'altro, potranno spingere l'utente verso l'applicazione di casa.
    Ad ogni buon conto sarà una partita emozionante con conseguenti ricadute positive sugli utenti 😊😉


    • Jessica Murgia
      • Admin
      • Staff
      19-mag-2016 Link al commento

      Alessandro che impressioni hai avuto su Allo? Quale aspetto ti ha incuriosito maggiormente (sempre che ve ne sia uno)?


      • Certo l'associazione con Google Assistant in chat è una feature in più, ma un'applicazione di messaggistica serve in primis per scambiare messaggi e uno alla fine la usa se la usano gli altri, altrimenti la dimentica. Poniamo il caso che una di queste applicazioni garantisse un guadagno per ogni messaggio (già ce n'è), fichissimo no?, ma se poi nessuno ce l'ha che ci fai? Sono anni che Telegram offre caratteristiche tecniche migliori di WhatsApp, ma io ogni sei mesi la testo ed immediatamente la ri-disattivo.
        On the contrary, se per ipotesi improvvisamente ci fosse un'applicazione anche scarsa, ma con molti più iscritti, tutti la userebbero.

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK