Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione.

14 Condivisioni 2 Commenti

Se i colori si potessero sentire…

Android non è solamente un luogo di giochi ed intrattenimento, ma anche un mezzo col quale trasmettere emozioni ed incredibili invenzioni, frutto della mente umana. Badate bene, con “sentire” non mi riferisco ad un senso spirituale, ma proprio al percepire i colori con l’udito, anziché usare la vista. Per quanto possa essere sensazionale, questa invenzione nasce dal desiderio di Neil Harbisson, un ormai famoso artista che fin dalla nascita ha sofferto di un particolare deficit visivo irreversibile: l’acromatopsia, ovvero un problema che gli consentiva di vedere solo in scale di grigio. Grazie ad un'app, anche noi potremo sentire i colori!

eyeborg teaser
Neil Harbisson: il cyborg-artista. / © Flickr - Neil Harbisson

In collaborazione con Adam Montandon, studente di cibernetica, Harbisson ha creato l’Eyeborg, uno strumento che consiste in una telecamera montata permanentemente sulla testa che rileva i colori, li converte in onde sonore e li trasmette tramite conduzione ossea. Ai colori ad alta frequenza (come il blu), corrispondono note acute mentre a quelli a bassa frequenza (come l’arancione), note basse. In questo modo Harbisson è in grado di distinguere i diversi colori, inizialmente 360 sfumature, ma con gli “aggiornamenti” adesso riesce ad ascoltare i colori oltre i limiti della percezione umana, come l’infrarosso e l’ultravioletto (ad esempio può ascoltare il cielo e capire se è un bel giorno per prendere il sole, un po' come il sensore del Note 4).

eyeborg 01
Come funziona l'Eyeborg. / © TED

Tutto questo è possibile grazie ad un chip che elabora le frequenze cromatiche e le traduce in suono, tramite uno speciale algoritmo. Ed è proprio su questo algoritmo che ESPILL Media ha basato la sua applicazione: Eyeborg App. Grazie a questa applicazione, chiunque potrà vedere, anzi, sentire il mondo come Nail Harbisson e riuscire a percepire i colori con l’udito.

Eyeborg App Install on Google Play

L’applicazione consiste in una fotocamera che rileva il colore al centro dell’inquadratura e lo traduce in suono in tempo reale, proprio come l’Eyeborg. Attorno al tasto di cattura verrà mostrato il colore in un anello trasparente e tenendo premuto questo tasto, potremo registrare il nostro percorso video-sonoro: rilasciandolo e premendo il tasto "v" verrà creato un Color Scores, ovvero un quadro di rettangoli colorati concentrici in cui ogni colore a partire dal centro rappresenterà la prima nota e così via. Questi quadri sono un'idea di Harbisson, una rappresentazione della musica sotto forma di colori (chi meglio di lui può farlo?).

eyeborg 02
Un quadro Color Scores di Harbisson, rappresenta le prime 100 note di "Per Elisa" di Beethoven (a sinistra). A destra ho estratto le prime note per facilitarvi la riproduzione con Eyebord App, partendo dall'alto*. / © ANDROIDPIT / Neil Harbisson

* I colori sono stati estratti da un'immagine del quadro a bassa risoluzione. Questo, unito alla qualità della vostra fotocamera e alla fedeltà dei colori riprodotti dallo schermo, potrebbe modificare il risultato della riproduzione.

Certo, la nostra esperienza non sarà la stessa, soprattutto dato che col tempo l’artista si è “fuso” con l’Eyeborg, iniziando a sognare melodie dei colori e riuscendo a vedere la musica: una volta memorizzati i colori in base alle note, con il procedimento inverso è possibile trovare il colore portante di un brano o di ogni singolo accordo. Creati i nostri Color Scores, potremo salvarli o condividerli con chiunque, direttamente dall'app.

eyeborg 03
Il mio primo Color Scores! / © ANDROIDPIT

Da notare come Harbisson sostenga di essere diventato un vero e proprio Cyborg, da quando l’unione tra il suo organismo e l’Eyeborg ha creato un nuovo tessuto neurale nel suo cervello. Voi cosa ne pensate?

14 Condivisioni

2 Commenti

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più