Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
9 Condivisioni Nessun commento

Commandr: potenzia Google Now!

Il servizio vocale di Big G è un ottimo strumento ma innegabilmente da noi è ancora acerbo rispetto ad altri paesi. Basti pensare che “OK Google” è disponibile solo da pochi mesi e nemmeno tutti i dispositivi possono sfruttarlo al massimo (come attivare OK Google da qualsiasi schermata). In questo articolo daremo una marcia in più a Google Now, aggiungendo nuovi comandi e infinite possibilità di personalizzazione!

commandr teaser
Commandr: come creare comandi personalizzati di Google Now! / © Google

Quello che rende Google Now diverso da un qualsiasi motore di ricerca vocale è la peculiarità di rispondere ad alcune domande e l’esecuzione di compiti in seguito al comando ricevuto. Come già detto sono ancora pochi i comandi ufficialmente disponibili in Italia e possono differire in base alla versione dell’app, dei servizi Google e del dispositivo.

Ed è qui che interviene Commandr! Attivando un servizio in background che intercetta i comandi detti (o scritti) a Google Now e convertendoli in azioni non ancora disponibili in Italia o, addirittura, inediti. Tutto questo è possibile grazie all’uso intelligente da parte di quest’app del comando “salva una nota” (o “prendi appunti”) di Google Now. Spartendo questo comando a Google Now anziché aprirsi l’app predefinita per le note, si aprirà Commandr, il quale convertirà il comando nel compito specifico.

Commandr per Google Now Install on Google Play

Una volta aperto Commandr, ci verrà chiesto se attivarlo come servizio. Questo servirà all’app per intercettare i comandi dati a Google Now senza bisogno di dover dire “salva una nota” (o “prendi appunti”) come prima frase. L’applicazione ci assicura che le nostre ricerche non verranno salvate, ma se non vi fidate potete comunque rifiutare (sarete però costretti a dire quel comando per avviare il servizio).

commandr 01
Configurazione di Commandr. / © ANDROIDPIT

Terminata la “configurazione” ci troveremo di fronte alla pagina principale, in cui potremo attivare il servizio e modificare qualche opzione (tra cui la rimozione gratuita della pubblicità, ad ulteriore dimostrazione della serietà degli sviluppatori) ma la parte che più ci interessa è sicuramente: “Comandi integrati”. In questa pagina potremo attivare i comandi da aggiungere a Google Now da una lista in costante aggiornamento. Non è quindi possibile creare le nostre azioni all’interno dell’app ma “solo” modificare la frase da pronunciare per attivare quello specifico comando, eliminando il problema della lingua ed elevando a potenza le possibilità di personalizzazione (ad esempio potremo attivare la torcia dicendo “Lumus Maxima”).

commandr 02
Dai comandi classici a quelli più avanzati (tanto da richiedere i permessi di root). / © ANDROIDPIT

Se vi è rimasto l’amaro in bocca a causa del non poter creare le vostre azioni, potrete sollevarvi il morale grazie a due originali caratteristiche di quest’app: l’opzione “Vota per nuovi comandi” e la possibile integrazione con Tasker. La prima è una sorta di community in cui chiunque (voi compresi) può votare i comandi proposti da altri utenti e in cui i migliori verranno integrati nella prossima versione dell’app. La seconda è una possibilità ben accetta da chiunque conosca Tasker, un’opzione che espande incredibilmente le possibilità di quest’app, a patto di saperlo usare bene (sono necessari i permessi di root).

commandr 03
Votate le proposte e proponete le vostre idee! / © ANDROIDPIT

Fateci sapere la vostra esperienza! Condividete i vostri comandi preferiti e cosa è necessario pronunciare!

Nessun commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK