Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Android per principianti 4 min per leggere Nessun commento

Memoria RAM e memoria ROM: definizione e caratteristiche

La memoria di uno smartphone è uno dei punti chiave nella scelta al momento dell'acquisto. Ci sono però due tipi di memoria: RAM (volatile o immediata) e ROM (interna). La memoria RAM ha una capacità minore e aiuta il processore a gestire tutte le informazioni di cui ha bisogno per i suoi calcoli. La memoria ROM o interna è a lungo termine ed è dove possiamo installare sistema operativo, app e visualizzare l'archivio. Guardiamole nel dettaglio.

Scorciatoie:

Cos'è la memoria RAM

La definizione di memoria RAM la otteniamo scomponendo l'acronimo: Random Access Memory. In italiano significa: memoria ad accesso casuale, cioè che si può leggere e scrivere in una qualunque posizione senza dover aspettare i processi in coda. Questo rende molto più agile la presa delle informazioni poiché, a differenza della memoria ROM o della microSD, è molto più semplice accedere al luogo fisico nel quale vengono immagazzinati i dati.

Caratteristiche della memoria RAM

Nella memoria RAM viene caricato tutto il necessario affinché il device funzioni, cioè il sistema operativo e le applicazioni che utilizziamo o quelle che funzionano in background. La memoria RAM è il luogo dove il processore prende le informazioni di cui ha bisogno. Per questo RAM e processore sono contenuti in un unico modulo (indivisibile) saldato direttamente alla scheda madre.

Sotto potete dare un'occhiata alla scheda madre di un Nexus 5X. In rosso sono indicati RAM (2GB) e processore; in arancione la memoria interna (16GB).

Nexus 5x mother board ram
Scheda madre di un Nexus 5X / © ifixit

Quanta più memoria RAM offre uno smartphone, tanto migliore sarà il suo rendimento e la sua velocità, anche se c'è da considerare il tipo di memoria e la qualità della sua costruzione.

La RAM funziona solo quando il device è acceso

La RAM funziona solo quando il device è acceso. Il che significa che non è capace di immagazzinare informazioni quando invece è spento. Per questa ragione, quando si accende il telefono occorre aspettare un po' prima che tutto funzioni, occorre attendere che tutto il sistema venga caricato su di essa.

Tipi di memoria RAM

Ci sono diversi tipi di memoria RAM e parlare di questi in maniera specifica può essere troppo tecnico per quest'articolo. In generale possiamo dire che le principali differenze sono legate alla velocità di lettura ed al consumo di energia. Le prime RAM sono arrivate negli anni '60 e con ogni generazione successiva si è ottimizzata la capacità, la velocità ed il consumo energetico.

Nel mondo della telefonia mobile se ne utilizza un tipo particolare chiamato LPDDR, che consuma poco, non si surriscalda più di tanto, è più piccolo e quindi più caro. Ad oggi quelle più diffuse sono la LPDDR2, la LPDDR3 e la LPDDR4. Sono le tre ultime generazioni di questo tipo di memoria che si trovano all'interno degli smartphone. La differenza principale è che con ogni generazione la velocità di trasmissione risulta duplicata.

Androidpit Tips and tricks 4
Due tipi di memoria perché lo smartphone giri liscio senza intoppi. / © AndroidPIT

Cos'è la memoria ROM

Se la RAM è una memoria di lettura e scrittura, la ROM è una memoria di sola lettura (Read Only Memory). I dati immagazzinati sulla ROM non si possono modificare, o almeno non in maniera rapida e facile.

Nelle ultime generazioni, come EPROM o Flash EEPROM (memoria flash), è possibile cancellare e riscrivere i contenuti più volte, nonostante venga descritta come "di sola lettura". La ragione principale per cui si è deciso di mantenerne questo nome è che il processo di riprogrammazione (cancellazione e riscrittura) è relativamente lento e si può riscrivere solo in determinati punti per la formattazione.

Le memorie ROM degli smartphone sono abbastanza veloci rispetto ai dischi rigidi tradizionali dei computer e sono saldate direttamente alla scheda madre. Su questa memoria si immagazzina il bootloader (il programma che avvia il dispositivo e carica l'OS), il sistema operativo (OS) e tutti i dati e le app dell'utente.

Normalmente si chiama ROM anche una versione modificata del sistema operativo. In rete si trovano molte ROM personalizzate destinate a diversi dispositivi. Prendono questo nome perché non sono altro che un'immagine simile a quella di sistema che viene installata di fabbrica nella memoria ROM.

Avete ancora qualche dubbio su RAM e ROM?

10 Condivisioni

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica