Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
6 min per leggere 2 Condivisioni Nessun commento

Galaxy Note 8.0, la recensione del piccolo tablet con stylus

note 8 teaser2

Per gli indecisi tra Galaxy Note 2 e Galaxy Note 10.1, c'è an che la versione da 8 pollici. Poco più grande di un Nexus 7, il Galaxy Note 8.0 è l'unica tavoletta di dimensioni contenute a offrire una stylus inclusa, in compenso il prezzo non è dei più economici. Il Note 8 vale la spesa?

È disponibile anche in versione solo WiFi, più economica di un centinaio di Euro, ma noi abbiamo provato quella con supporto 3G in grado di fare telefonate, che al prezzo di circa € 500, si presenta come uno dei dispositivi più completi del mercato.

Design e assemblaggio

Appena tirato fuori dalla scatola, il Galaxy Note 8.0 sembra un Note 2 fuori misura. La diagonale da 8 pollici lo rende leggermente più grande del Nexus 7, ma comunque maneggevole: mani di medie dimensioni riescono a toccare il centro del display anche se si tiene il tablet in modalità panorama dai lati.

LV1A1916
Particolare del display del Galaxy Note 8.0 © AndroidPIT

Leggero e sottile come non ci si aspetterebbe (rispettivamente 345 grammi e 7,95 mm) ha un bordo cromato che ricorda quello del Galaxy S4, in cui si trovano il tasto di accensione, il bilanciere per il volume e la porta infrarossi (lato destro), uscita audio da 3,5 mm (in alto) e infine uscita microUSB/MHL e due speaker stereo (parte inferiore). Infilata nell'angolo in basso a destra si trova l'alloggiamento per la S Pen.

P1030001
Da sinistra a destra: porta I-R, bilanciere volume, tasto accensione / © AndroidPIT
sotto
La parte inferiore: al centro la porta micro USB, ai lati i due speaker/ © AndroidPIT

I dispiaceri iniziano quando il giriamo il Note 8.0 e scopriamo la tradizionale cover in policarbonato che fa sembrare il tablet più economico di quanto non sia in realtà. Tra l'altro, nonostante sia in plastica, la cover posteriore non è rimovibile. Alloggiamento per SIM e microSD si trovano sul lato sinistro, coperte da protezioni in plastica abbastanza solide.

retro
Gli alloggiamenti per SIM e microSD sembrano robusti / © AndroidPIT

L'assemblaggio infatti è buono e realizzato con cura, mentre una pecca del design è la fotocamera posteriore in rilievo, su cui inevitabilmente appoggia il tablet quando lo mettiamo su una superficie piana.

Display

Samsung utilizza un display SuperLCD in luogo dei suoi SuperAMOLED, nonostante questo i colori sono carichi e il nero risulta profondo come accadrebbe su uno schermo con tecnologia OLED.

display
Un SuperLCD con colori da AMOLED / © AndroidPIT

L'utilizzo di una stylus limita il display del tablet a risoluzione “solo” HD, da 1280x800 pixel con densità di 189 ppi: non eccezionale considerati gli standard attuali, ma comunque più definito di quello del Note 10.1. Nel complesso si tratta di un buon display, non troppo luminoso però, e che ovviamente ha come arma in più la S Pen prodotta dalla Wacom e sensibile a 1024 livelli di pressione.

Software

Il Galaxy Note 8.0 arriva con Android Jelly Bean 4.1 condito con l'interfaccia TouchWiz già vista sul Note 2 e ricca di funzionalità extra tra le quali ovviamente spiccano quelle fruibili attraverso l'S Pen. AirView consente anche qui di avere anteprime di gallery, messaggi e preview di video, ma in più è possibile usare la stessa funzione anche sulle card di Flipboard, che si trova preinstallata in versione ottimizzata per il Note 8.

Le app S Note e Note HD consentono di prendere appunti usando la stylus: si può scegliere tra diversi di modelli di nota, da quella più strutturata al disegno a mano libera. La app risponde benissimo alla S Pen, che sul display scorre veloce anche se non altrettanto precisa. 

Interessante anche il multitasking offerto dal tablet, che grazie agli 8 pollici di diagonale può essere sfruttato a dovere: è possibile far funzionare due app contemporaneamente, una nella parte alta e una nella parte bassa del display, a cui si può aggiungere anche un video in riproduzione grazie alla funzione Popup Play.

os 1
A sinistra la comoda barra delle app, a destra Chrome, Maps e Player video in funzione nello stesso momento / © AndroidPIT

Molto utili risultano anche la barra laterale delle applicazioni (personalizzabile) e la possibilità di dividere la tastiera in due parti o di farla galleggiare sullo schermo a piacimento.

os 2
La tastiera "floating" e quella "a due mani" / © AndroidPIT

Da notare che i tasti software (Indietro e Impostazioni) possono essere attivati anche dalla S Pen. Si tratta di una possibilità molto utile in quanto consente di non dover passare in continuazione dalla stylus al dito e rende l'esperienza d'uso molto più naturale. Peccato che lo stesso non accada per il tasto home fisico, di cui mai come in questo caso si sarebbe fatto volentieri a meno.

os 3
A destra la scatola di un S4 "fotografata" con Paper Artist, a sinistra una nota presa con S Note / © AndroidPIT

A chi dovesse interessare, il Note 8 è anche dotato di un'applicazione che permette di usare il tablet come telecomando a infrarossi.

Prestazioni

Sotto il cofano il Galaxy Note 8.0 è sicuramente uno dei piccoli tablet meglio equipaggiati (processore quadcore e 2 GB di RAM) e le prestazioni lo dimostrano. Sia che si navighi nel sistema, sia che si carichino siti pesanti in modalità desktop, l'otto pollici di Samsung non dà segni di rallentamento o “scattosità” e anche lo zoom risulta sempre fluido e pronto.

benchmark
Test di benchmark: a sinistra Quadranta, a destra Antutu / © AndroidPIT

C'è da dire che la velocità percepita dell'interfaccia Touchwiz non è altissima, lenta in confronto all'Android puro per capirsi, ma non capita neanche di dover aspettare perché il tablet risponda a un comando. L'unica eccezione in questo senso è rappresentata dal tasto home hardware, che come al solito sui Samsung, se tenuto premuto serve per accedere alle app usate di recenti: il tempo necessario per attivare la funzione è troppo lungo e incide negativamente sulla qualità dell'esperienza utente costringendo ad attese innaturali.

Fotocamera e telefono

Il comparto fotografico è quello di un tablet di fascia media. La fotocamere anteriore per videochiamate è dotata di sensore da 1,3 MP, mentre quella principale sul retro ha un sensore da 5 MP, ma non ha il flash. Le foto risultano decenti, ma non certo eccezionali, d'altra parte non è sulla multimedialità che punta il Galaxy Note 8.0.

foto note 8
A sinistra, esterno giorno, a destra un particolare della stessa foto / © AndroidPIT

Come accennato, la variante con supporto 3G permette anche di fare telefonate. Qui vale lo stesso discorso fatto per l'ASUS Fonepad: difficilmente ci troveremo a telefonare con il Note 8.0 appoggiato all'orecchio, comunque l'audio assicurato dal doppio speaker stereo risulta buono. Ancora meglio, ovviamente, si telefona con una paio di auricolari (inclusi nella confezione).

Autonomia

La batteria ha una capacità da 4600 mAh che risulta essere abbastanza da permettere una giornata di utilizzo intenso compreso l'uso di connessione 3G alternata a WiFi, sincronizzazione di account Google e Twitter e la riproduzione di un paio d'ore di video. Con un uso più parco si arriva tranquillamente a due giorni di autonomia.

Caratteristiche tecniche

  • Display: 8 pollici con risoluzione 1280 x 800 pixel (189 ppi)
  • Processore: quadcore Exynos 4412 con clock a 1,6 Gigahertz
  • RAM: 2 Gigabyte
  • Memoria interna: 16 Gb espandibili tramite microSD (64 GB)
  • Fotocamere: 5 megapixel (posteriore) / 1,3 megapixel (frontale)
  • Reti: 3G (opzionale) / GPS (opzionale) / WiFi / Bluetooth 4.0 / USB 2.0
  • Dimensioni: 210,8 x 136 x 7,95 mm
  • Peso: 345 g
  • Batteria: 4600 mAh
  • OS: Android 4.1.2

Conclusioni

La presenza di una stylus potente e versatile come la S Pen insieme al supporto 3G, rende il Galaxy Note 8.0 un dispositivo a tutto tondo, ma utile in special modo per la clientela business, ovvero chi in definitiva può trarre maggior vantaggio dalla S Pen e ignorare i limiti del comparto multimediale: foto e display non Full HD.

Le note negative sono rappresentate dal tasto home fisico che in un dispositivo che potrebbe essere gestito interamente dalla stylus costringe invece a passare all'uso “del polpastrello”. Il prezzo poi non può certo essere definito basso visti i tanti tablet più economici (ma senza S Pen) offerti dal mercato.

Nessun commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK