Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Recensione 12 min per leggere Nessun commento

Huawei Mate 20 recensione: anima Pro al miglior prezzo

Di solito, la via di mezzo è quella che riceve meno attenzioni, mentre i fratelli maggiori e minori hanno tutte le luci addosso. Questo è il caso della famiglia Huawei: il Mate 20 è arrivato subito dopo il Mate 20 Lite in coppia con il Mate 20 Pro, il quale ha "giocato sporco" con il suo lettore di impronte digitali integrato nel display e la sua tripla fotocamera. Ma nonostante questo, Huawei Mate 20 non è affatto timido. Si trova in mezzo, questo è vero, ma non è assolutamente uno smartphone mediocre. Mate 20 raccoglie alcune delle migliori qualità dei suoi fratelli e le fa sue contribuendo con la propria personalità. Fate attenzione perché questo Mate 20 ha l'anima Pro!

Valutazione

Pro

  • Schermo
  • Notch discreto
  • Autonomia
  • Fotocamera
  • Mini-jack
  • EMUI 9

Contro

  • Dimensioni
  • Supporto microSD assente
  • Superficie posteriore si sporca facilmente

Non costa poco, ma ne esistono di più cari

In primo luogo, prendiamoci cura della parte più spiacevole: il prezzo. Huawei ha lanciato Mate 20 sul mercato al prezzo di 799 euro. Sì, sono un sacco di soldi per uno smartphone, ma si tratta anche di 200 euro in meno rispetto a quanto Huawei chiede per il Mate 20 Pro. Non è esattamente il top di gamma dell'azienda, ma la spesa vale la pena! Naturalmente, Galaxy Note 9 e i nuovi iPhone sono ancora più costosi.

Huawei Mate 20 è disponibile in quattro colorazioni: nero, verde, blu e il cosiddetto Twilight, che è quello che ho utilizzato in questa recensione.

 

Imponente, elegante e con notch a goccia

La prima cosa di Mate 20 che attira l'attenzione è il design. Questo dispositivo assomiglia in tutto e per tutto alla versione Pro e regala un grande effetto a prima vista: vetro davanti e dietro, angoli arrotondati e un'ottima finitura che gli conferisce un aspetto irresistibile. Inoltre, i colori che si riflettono nel modello Twilight, dal blu al nero attraverso varie tonalità di viola, gli conferiscono una personalità quasi unica e molto originale.

Rispetto al suo fratello maggiore, Mate 20 è ancora più grande, e si vede. Anche se risulta solo mezzo centimetro più largo (77,2 mm in totale), la differenza è evidente quando si tiene in mano. È vero, le mie mani non sono molto grandi, ma posso dire che questo telefono è grande per quasi tutte.

Huawei mate 20 twilight instagram
Il retro il colorazione Twilight rende Mate 20 spettacolare. / © AndroidPIT

C'è però un lato negativo: nonostante amo alla follia questa colorazione, la finitura posteriore è talmente lucida che basta davvero poco a sporcarla. Infatti, troverete segni di impronte digitali per tutto il giorno. Sì, avete indovinato, mi ha reso un po' nervosa.

Sul retro troviamo il lettore di impronte digitali, molto veloce e in una posizione molto comoda, appena sotto il modulo fotocamera dall'aspetto quadrato di cui parleremo più avanti.

huawei mate 20 08
Una tacca così discreta che risulta anche carina 😍 / © AndroidPIT

Superiamo questi fastidi e diamo uno sguardo alla parte frontale, un aspetto che rende Mate 20 superiore alla variante Pro, almeno secondo il mio parere. Il notch piccolo a forma di goccia sembra un'ottima scelta, ma se non gradite nemmeno questa alternativa, è sempre possibile nasconderlo dalle impostazioni. In questo caso, il notch ospita solo la fotocamera frontale, in quanto l'altoparlante si trova appena sopra e coincide con il bordo superiore dello smartphone.

Un ottimo schermo, in tutti i sensi

Lo schermo è un altro aspetto che ha suscitato la mia curiosità non appena ho visto questo smartphone. Ha una dimensione considerevole (6,53 pollici) e il suo rapporto di aspetto è di 18,7:9. A differenza del modello Pro, Mate 20 non utilizza un pannello OLED, ma uno IPS con una risoluzione di 2244x1080 pixel, ovvero Full HD+. La densità di 381 ppi non è una delle migliori che ci sia, ma la rappresentazione è abbastanza nitida e generalmente sembra buona, anche se non raggiunge la qualità degli schermi OLED. Almeno sulla carta.

huawei mate 20 11
L'imponente schermo del Mate 20 è circondato da bordi molto sottili. / © AndroidPIT

In pratica, durante il mio uso quotidiano, non ho avuto alcun problema e sono sempre stata in grado di leggere con facilità, indipendentemente dalle condizioni di illuminazione. Colori brillanti, buona definizione, neri profondi... Il Mate 20 possiede uno schermo ottimo in tutti i sensi.

Android Pie e EMUI 9, una combinazione vincente

Il Mate 20 fa girare  Android Pie e non mi aspettavo niente di meno. Come sempre, è presente l'ultima versione del dell'interfaccia grafica di Huawei, la  EMUI 9. Questa comprende tutte le più recenti modifiche riguardanti la personalizzazione caratteristica di questo brand, stavolta molto più minimalista e semplice rispetto al passato. Devo ammetterlo, mi ha ricordato un sacco iOS e, essendo stata utente iPhone per molti anni, questa somiglianza ha reso tutto più facile durante il mio utilizzo.

Tuttavia, in questa nuova versione della EMUI ci sono così tante opzioni che a volte risulta un po' ingombrante e ci si perde nei menu, ma offre molte possibilità utili per molte cose: dalla sicurezza con il proprio gestore di password al nuovo Digital Balance, che mostra da quanto tempo si utilizza il proprio smartphone. Vi avverto che se siete dipendenti dal vostro telefono, potreste rimanere un po' scioccati.

emui huawei mate 20 silvia
Quasi 4 ore in media al giorno è un po' troppo, no? / © AndroidPIT (screenshot)

Anche dopo l'aggiornamento di pochi giorni fa, il software Huawei ha ancora qualche piccolo problema, cosa che il mio collega Steffen ha sottolineato nella sua recensione di Mate 20 Pro. A volte, lo smartphone si è disconnesso dalla rete senza alcuna ragione apparente, oppure l'applicazione fotocamera potrebbe mostrare alcuni lag. Problemi minori che dovrebbero essere risolti il prima possibile.

Veloce come un proiettile, campione di prestazioni

La bellezza di Mate 20 è anche al suo interno, ed è qui che brilla di più. Sotto il cofano trova posto un SoC Kirin 980, uno dei processori più veloci attualmente in circolazione: si tratta del primo chip costruito con processo a 7nm, nonché il primo a contenere ben due unità NPU. Insomma, c'è poco da dire, non delude neanche un po'. Al contrario,  Mate 20 è un vero campione in fatto di prestazioni.

Nell'uso quotidiano riesce a sopportare di tutto, persino quando viene sovraccaricato dai potenti giochi grafici come Need for Speed: No Limits o PUBG. Non sono affatto una persona che gioca con lo smartphone, ma sono più che sicuro che Mate 20 non deluderà nessun gamer.

huawei mate 20 03
Con Mate 20 non rimarrete mai delusi. / © AndroidPIT

Huawei Mate 20 è disponibile in due varianti da 4 e 6GB di RAM, ma entrambe equipaggiate da 128GB di memoria interna, più che sufficiente per qualsiasi utente, tuttavia meno capiente rispetto ai suoi diretti concorrenti, Apple e Samsung. In ogni caso, se avete necessità di più memoria, è possibile espanderla tramite schede... NM. Eh no, niente microSD stavolta! E ovviamente, chi produce questo genere di memorie? Esatto, solo Huawei. Questo è il piccolo punto negativo del Mate 20.

Huawei Mate 20 a confronto

  Mate 20 Mate 20 Pro Galaxy Note 9 Google Pixel 3XL
3D Mark
Sling Shot ES 3.1
3564 3564 3379 4079
3D Mark
Sling Shot Vulkan
3549 3335 2884 3333
3D Mark
Sling Shot ES 3.0
2697 2648 4061 5247
3D Mark
Ice Storm Unlimited ES 2.0
36038 37330 41354 35526

Mini-jack e audio stereo

Una delle piacevoli sorprese che ho trovato nel Mate 20 è il mini-jack. Grazie Huawei! Non me l'aspettavo, specialmente dopo essere stato escluso da P20, P20 Pro e Mate 20 Pro. E sì, questo mi ha reso molto felice perché ancora non riesco ad abituarmi agli auricolari Bluetooth. All'interno della scatola, il produttore cinese include le proprie auricolari in-ear con controllo del volume.

La qualità lascia molto a desiderare, soprattutto perché non si adattano molto bene all'orecchio e lasciano entrare i suoni provenienti dall'esterno. Ma comunque, il fatto che vengano incluse all'interno della confezione è sempre un punto a suo favore.

huawei mate 20 10
Ciao, Jack! / © AndroidPIT

Il Mate 20 vanta anche una coppia di altoparlanti stereo Dolby Atmos. Questi si trovano sul fondo dello smartphone e in cima al notch e la qualità del suono è abbastanza accettabile. C'è poco da stupirsi, ma sono potenti e difficilmente deludono.

Tre fotocamere per innamorarsi

La mia storia d'amore con Mate 20 è iniziata grazie al reparto fotografico. In altre parole, grazie alle sue tre magnifiche fotocamere posteriori, qualcosa che avevamo già visto nel P20 Pro (anche se organizzate in modo completamente diverso) e a bordo del fratello maggiore, il Mate 20 Pro. Firmato dalla prestigiosa Leica, come vuole la tradizione, i tre obiettivi creano delle vere e proprie meraviglie grazie a questa configurazione:

  • Lunghezza focale: 52 mm / 8 megapixel / Apertura: f/2.4 / Teleobiettivo
  • Lunghezza focale: 27 mm / 12 megapixel / Apertura: f/1,8 / Obiettivo principale
  • Lunghezza focale: 17 mm / 16 megapixel / Apertura: f/2.2 / Grandangolo

I tre obiettivi danno più spazio alla creatività per poter giocare con la fotocamera a vostro piacimento, anche se confesso che l'applicazione fotocamera ha così tante opzioni che non si sa mai quale scegliere. La qualità delle foto è eccezionale. Non importa l'ora del giorno, la luce, se si utilizza lo zoom o la normale ripresa a distanza. Anche di notte lascia tutti a bocca aperta, grazie alla sua Night Mode. Utilizzando quest'ultima sarà però necessario mantenere il polso fermo e aspettare 5 secondi, fino a quando la foto non viene scattata.

L'effetto bokeh, ormai alla moda nella Modalità Ritratto, è anch'esso disponibile su Mate 20. Anche quando si utilizza lo zoom al massimo non delude (nonostante l'aumento del rumore, ovviamente). Il grandangolo permette anche di andare un po' oltre e confesso di averlo usato più di quanto mi aspettassi.

IMG 20181114 075403
La qualità dei dettagli e dell'effetto bokeh è incredibile. / © AndroidPIT

Anche la fotocamera anteriore da 24 megapixel con apertura f/2.0 è in grado di mostrare la sua piena qualità. Tra l'altro, questa viene utilizzata per il riconoscimento facciale, così veloce ed efficace che mi ha lasciato a bocca aperta. Anche di notte o mentre indosso sciarpa e cappello a causa del freddo di Berlino, richiede pochissimo per poter reagire e il 90% delle volte ha riconosciuto il mio viso senza problemi. Funziona persino quando esco dalla doccia con un asciugamano in testa.

La fotocamera è senza dubbio uno dei punti di forza di questo smartphone. Anche se spero in un aggiornamento che possa migliorarla sotto ogni minimo aspetto. Non è infatti la migliore fotocamera al mondo. Il trono è ancora una volta occupato da quella presente sui dispositivi Google Pixel 3 e Pixel 3 XL, ma, nonostante questo, Mate 20 non vi deluderà di certo.

Autonomia di un altro pianeta

Penso che questa sia stata la prima volta nella mia vita in cui ho potuto permettermi di lasciare il caricabatterie a casa. Prima di Mate 20 ho usato alcuni smartphone in cui il collegamento a qualsiasi presa di corrente a portata di mano era necessario per la sopravvivenza. Lo smartphone di Huawei è parecchio avanti da questo punto di vista. Arriva alla fine della giornata con quasi la metà della carica residua ed è anche riuscito a sopportare un paio di volte due giorni di utilizzo senza doverlo ricaricare. Non per niente, contiene un enorme batteria da 4000 mAh.

Nonostante il mio utilizzo tipico che comprende WhatsApp, Facebook, Instagram, due account di posta elettronica, l'applicazione fotocamera sempre pronta all'uso e chiamate varie, Mate 20 non mi ha mai lasciato "a piedi". Dopo la fotocamera, è probabilmente l'autonomia che mi ha fatto innamorare di questo smartphone.

huawei mate 20 01
È possibile utilizzare il Mate 20 tutto il giorno senza avere il timore di esaurire la batteria. / © AndroidPIT

Anche se non vi è alcun supporto alla ricarica wireless come il suo fratello maggiore, supporta comunque la ricarica rapida fino ad un massimo di 22,5 watt (la nuova tecnologia fino a 40 watt è riservata solo alla versione Pro) che vi sarà utile nel momento in cui avrete poco tempo a disposizione. In soli 30 minuti, Mate 20 raggiunge facilmente una carica della batteria superiore al 50%.

Huawei Mate 20 – Specifiche tecniche

Dimensioni: 158,18 x 77,12 x 8,26 mm
Peso: 188 g
Capacità della batteria: 4000 mAh
Dimensioni del display: 6,53 pollici
Tecnologia display: LCD
Schermo: 2440 x 1080 pixel (409 ppi)
Fotocamera frontale: 24 megapixel
Fotocamera posteriore: 16 megapixel
Flash: LED
Versione Android: 9 - Pie
Interfaccia utente: Emotion UI
RAM: 4 GB
Memoria interna: 128 GB
Memoria removibile: microSD
Chipset: HiSilicon Kirin 980
Numero di core: 8
Velocità di clock: 2,6 GHz
Connettività: HSPA, LTE, NFC, Dual-SIM , Bluetooth 5.0

Mi piaci molto, Mate 20

Quando qualcosa mi piace davvero, si capisce. Huawei Mate 20 è stata un'estensione della mia mano per diverse settimane e non penso che lo sostituirò con un altro smartphone per molto tempo. Mi ha abbagliata dall'inizio alla fine: tiene duro senza rallentare durante il mio ritmo quotidiano, le foto sono ottime, il riconoscimento facciale rapido, così come il lettore di impronte digitali. Mi fermo qui perché penso sia più che ovvio che sono rimasta completamente ipnotizzata. E felice,soprattutto!

Vi confesso che non è stato amore a prima vista, anche se la sua originalità e lo schermo spettacolare ha attirato la mia attenzione. Siamo partiti con il piede giusto e, giorno dopo giorno, è diventato un compagno ideale.

È vero che, se lo mettiamo a confronto con suo fratello maggiore, mancano alcuni dettagli, ma per più di 200 euro in meno penso che Mate 20 non ha nulla da invidiare a Mate 20 Pro. Non ho bisogno di un lettore di impronte digitali sotto lo schermo o di una ricarica wireless, ad esempio, specie se devo pagare più di mille euro per averli. Questa barriera è un aspetto che non voglio ancora superare.

Per continuare con i confronti e approfittando del fatto che sono un fan Apple, devo confessare che non pagherei mai 859 euro per acquistare iPhone XR, il più economico della nuova generazione. Sono ancora con te, Mate 20, non hai niente da invidiare dalla California!

Purtroppo però, possiede un piccolo intoppo. Utilizzarlo con una mano sola è molto complicato. Sono riuscito a farlo perché sono molto testarda e perché il mio smartphone proviene da un altro pianeta, ma un formato più gestibile lo avrebbe reso perfetto. Le dimensioni sono importanti.

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica