Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
19 Condivisioni 4 Commenti

LG G6 recensione: LG fa bingo con un display 2:1

Aggiornamento - Nuovi dati su prestazoni e batteria del modello europeo

Il G5 ha segnato un punto di svolta nella splendida serie iniziata con l'LG G2 che ebbe, nell'LG G4, il massimo climax. Il nuovo G6 cerca così di recuperare il tempo perduto con il G5, concentrandosi sulle reali necessità degli utenti, concetto che si era un po' perso con le scelte sulla modularità. 

Questa recensione è stata scritta grazie al lavoro congiunto di Hans-Georg Kluge, Luis Ortega e Stefan Möllenhoff.

Valutazione

Pro

  • Fotocamera
  • Grandangolo
  • Rendimento
  • Schermo

Contro

  • Prezzo
  • Solo 32GB di memoria interna
  • Mancato supporto a Daydream

Prezzo migliore: LG G6

Il prezzo più basso

LG G6 – Uscita e prezzo

L'LG G6 è stato presentato durante il Mobile World Congress 2017 di Barcellona. Il device si può già preordinare e arriverà sul mercato italiano dal 20 aprile con un'etichetta di 749,90 euro nella versione con 32GB di memoria interna e 4GB di RAM espandibili tramite microSD fino a 2TB.

Amazon.it ha messo in vetrina il nuovo G6 nelle tre varianti di colore (nero, grigio e bianco) ma l'offerta più vantaggiosa arriva per il momento da gli Stockisti che lo propone, con garanzia europea, a 599 euro. Presto molto probabilmente anche altri siti online lo proporranno ad un prezzo inferiore rispetto a quello di listino ma per ora l'offerta più allettante arriva da Stockisti!

 

LG G6 – Design e assemblaggio

Il G5 ha portato con sé un grande cambiamento in termini di stile e di design rispetto ad una linea che, fino a quel momento, era stata un successo. Con il G6 LG vuole fare delle priorità degli utenti i propri obiettivi. Per questo l'LG G6 è equipaggiato di un ampio schermo, un corpo più ridotto e, per la prima volta nella storia del brand, la certificazione di resistenza all'acqua IP68. In pratica il brand è stato capace di montare uno schermo da 5,7 pollici in un corpo da 5,2 pollici. Le dimensioni sono pari a 148,9 x 71,9 x 7,9 mm e pesa 163 grammi. Tenendolo in mano l’ho trovato comodo da gestire, anche con una mano.

AndroidPIT LG G6 9299
L’LG G6 in colore bianco che ricorda un po’ il Galaxy S7. / © AndroidPIT

L’aspetto che più mi ha colpito è stato il formato allungato e stretto rispetto agli altri terminali del mercato. La struttura è in metallo e vetro curvo sul retro ma la parte posteriore è in cristallo. Sul modello nero si noteranno sicuramente di più le impronte digitali mentre nella colorazione argentata questo fatto si nota meno. Nell'incontro tra lo schermo e la scocca, protetta da Gorilla Glass 5, c'è una piccola incanalatura che migliora l'aspetto del cambio di curvatura.

L'LG G6 ha detto addio ai compagni di arrembaggio del G5, i famosi moduli. Il brand, come detto in precedenza, si è voluto concentrare su un terminale con meno fronzoli. I bordi sono sottili, proprio come sull'LG G4, e lo schermo occupa quasi tutta la parte frontale del dispositivo. In alto sono presenti altoparlante, sensore di prossimità e fotocamera frontale.

AndroidPIT LG G6 9285
I tre colori del G6. / © AndroidPIT

Lungo il bordo superiore incontriamo - fortunatamente - il mini jack. La parte inferiore, in cui troviamo il logo del brand, somiglia molto a quella del V20, soprattutto per i fori dell'altoparlante principale. In mezzo è presente l'USB di Tipo C e nel lato opposto un microfono per la cancellazione del rumore. Sulla sinistra ci sono due pulsanti per il controllo del volume e sulla destra c’è uno slot per microSD e scheda SIM.

AndroidPIT LG G6 9296
Anche la parte posteriore del G6 presenta un design molto elegante. / © AndroidPIT

Il pulsante di accensione rimane integra il lettore d'impronte digitali e rimane posizionato sulla scocca in modo tale che possa essere raggiunto facilmente. Sopra al sensore troviamo il comparto fotografico che conta su due obiettivi, uno per ogni lato, mentre al centro è presente il flash ed il sensore dell'autofocus laser.

La qualità dell’assemblaggio del G6 è eccellente. Purtroppo tutta la superficie è un ricettacolo di didate, come d’altronde lo sono tutti gli smartphone coperto di cristallo. Il modello nero è quello in cui questo problema è più evidente però con la versione bianca o azzurra andrà meglio. 

LG G6 – Display

Lo schermo è uno dei punti più singolari dell'LG G6. Questo si presenta in un formato speciale mai visto prima. Il display Full Vision è un IPS LCD con diagonale di 5,7 pollici e risoluzione QHD+ di 2880 x 1440 pixel (564 ppi), un pochino di più rispetto al normale QHD. Ciò vuol dire che il formato è di 18:9 e, se separato in due, questo si trasformerà in un formato 1:1, vale a dire in due quadrati uguali che racchiuderanno due app diverse (modalità multi finestra).

AndroidPIT LG G6 9313
Display importante e con un formato nuovo. / © AndroidPIT

L'LG G6 è il primo smartphone ad essere equipaggiato di standard Dolby Vision, prima presente solo sulle televisioni, e di HDR 10. Questa tecnologia è usata molto da Amazon e Netflix perché consente di avere colori vivi, realistici, ben calibrati e con angoli di visione buoni. Bisogna però dire che impostando la luminosità al 50% questa risulta più bassa rispetto al Huawei P9.

C'è un altro dettaglio che riguarda il display: i bordi del display non sono perfettamente curvati perché, secondo quanto affermato dal brand, si vogliono evitare eventuali problemi causati dal touch che si riscontrano sui modelli edge.

AndroidPIT LG G6 0227
Gli angoli dello schermo non sono perfettamenti curvati. / © AndroidPIT

Per avere più dettagli sull’argomento abbiamo utilizzato l’app Cornerfly che mostra i pixel in eccesso (quelli che si trovano al confine con gli angoli dello schermo) in rosso. Questi pixel rosso mostrano infatti che 20 pixel deviano dal circolo perfetto di della cornice. Cornerfly può colorare questi pixel in nero per far sì che le angolature siano ancora migliori.

Cornerfly Install on Google Play

Senza alcun dubbio lo schermo è ottimo. Gli angoli di visione sono stabili e i colori effettivamente equilibrati e realistici. Il display riesce infatti a ridurre la distanza di qualità che separa i pannelli IPS da quelli AMOLED.  La nuova modalità HDR non è un granché apprezzata perché bisogna usarla con tecnologie compatibili, tipo un provider che offra film o video in questo formato.

Il brand ha provveduto anche alla protezione dei nostri occhi con la modalità notte che toglie la luce azzurra dello schermo. Questa modalità può essere regolata in tre intensità come anche in bianco e nero. Non è possibile impostare questa feature automaticamente ma potete attivarla/disattivarla andando sulle scorciatoie della barra di stato.

 

LG G6 – Funzioni speciali

Schermo 18:9 (2:1)

Senza dubbio lo schermo del G6 è particolare per il suo formato a 18: 9, o se preferite a 2: 1. La risoluzione è di 1440 x 2880 pixel e questo vuol dire che il lato più lungo ha qualche pixel in più del formato standard in 16: 9 (1440 x 2560). Nel mondo del cinema questo è conosciuto come formato Univisium, definito da Vittorio Storaro, vincitore di tre premi Oscar, come il futuro del cinema.

Per capire le relazioni geometriche di questo schermo, in poche parole, dobbiamo guardare al Nexus 5X. Anche in questo caso LG ha scelto di integrare uno schermo da 5,7 pollici. La diagonale è però più grande rispetto alla superficie di un dispositivo che offre una ratio in 16:9. Insomma di solito il formato in 5,7 pollici è di solito quello montato su device che occupano una superficie maggiore rispetto a quella del G6. Per questo il risultato finale è un dispositivo un po’ più grande ma più stretta e compatta rispetto ai normali display.

Navigando e chattando l’esperienza utente è infatti migliore perché abbiamo a disposizione più spazio per i contenuti. Per sfruttare al massimo questo schermo vi raccomandiamo però di ridurre il formato sia della scrittura che delle icone.

Con la funzione multi finestra il display diventa perfettamente quadrato nelle sue due parti dando più larghezza alle app se mettiamo il telefono in posizione orizzontale che in quella verticale.

È naturalmente possibile aggiustare la dimensione delle app, quando ad esempio guardiamo un video a tutto schermo su YouTube, nel formato 16,7:9 o 16:9 lasciando quindi delle parti nere in alto e in basso. Il formato in 16:9 è abbastanza pratico in caso di sessioni di gioco perché non perdiamo nessuna dettaglio sullo schermo. Ma, purtroppo, visualizzerete due bande nere.

AndroidPIT lg g6 display sky dancer
In alto 18:9 (2:1) in basso 16:9. / © Screenshots: AndroidPIT

LG G6 – Software

Il G6 arriva dalla fabbrica con Android Nougat 7.0 installato e personalizzato con la LG UX 6.0. Con questa nuova versione dell'interfaccia, il nuovo formato e la modalità multi window di Nouagt, l'LG è il compagno ideale per sbizzarrirsi nel multitasking.

Le app preinstallate, oltre al Play Store, sono tredci di Google  (Docs, Drive, Maps, Play Music, Play Movies, Duo, Android Pay, etc...). Il brand ha inoltre incorporato della pp basiche, inclusa la radio FM e  l’LG Mobile Switch (per passare i dati e òe app dal nostro vecchio device), LG SmartWorld (un negozio dove poter acquistare sfondi, temi, app quasi tutto gratuitamente) e Smart cleaning (app utile per gestire la memoria e la batteria). Per le app di terze parte incontriamo invece Facebook, Instagram e Evernote.

lg g6 front colors
Non è presente l’app drawer ma è possibile settarlo in seguito. / © AndroidPIT

In totale il sistema occupa 11Gb di memoria e così restano 20GB da utilizzare a nostro piacimento. Per fortuna possiamo ricorrere a una microSD perché la memoria che ci rimane è poca. LG ha rimosso la possibilità di formattare la scheda microSD come memoria interna però, a sorpresa, questa può essere usata per memorizzare le app. Quelle che sono memorizzate sulla SD si aprono un po’ più lentamente rispetto a quelle salvate nella memoria interna.

Di default non è presente un cassetto delle app però potete sempre far cambiare idea al vostro smartphone. Andate su Impostazioni > Schermo iniziale e avrete tre opzioni: home (di default), EasyHome (interfaccia semplice) e Home & app drawer (schermata iniziale con il cassetto delle app).

AndroidPIT lg g6 software features
Spostare delle app sulla micro SD, condividere il WIFI con altri dispositivi e regolare la scala di visualizzazione delle app.  / © AndroidPIT

Seppure non incontriamo l'ultima versione software rilasciata da Big G, c'è una buona notizia: il G6 integra Google Assistant, esattamente come lo troviamo sui Pixel, attivabile tramite il tasto home. Purtroppo, però, l'assistente digitale di Google sarà disponibile per certo  in inglese e tedesco (anche sul Pixel non è previsto in italiano). Sono presenti altre funzioni interessanti come la possibilità di condividere il WIFI con altri dispositivi, di regolare la scala di visualizzazione delle app e la modalità Always On.

 

LG G6 – Prestazioni

Il processore scelto è lo Snapdragon 821 ottimizzato per il G6. Non sappiamo se ci sia lo zampino di Samsung in questa decisione ma si è detto a lungo che lo Snapdragon 835 sia protetto da embargo da parte della casa sudcoreana almeno fino alla primavera. Qualcomm ha ufficialmente negato queste accuse e inoltre bisogna ricordare che LG non ha sempre scelto il processore di ultima generazione. Anche il G4 era stato dotato dello Snapdragon 808 al posto dell'810 (a causa dei problemi di surriscaldamento) ma nonostante questo registrava delle buona performance.

Accanto al processore troviamo 4GB di RAM e 32GB di memoria interna, quantità scarsina per uno smartphone di questa gamma. Per fortuna è disponibile uno slot per una microSD. In alcuni mercati (Hong Kong, Corea del Sud, Asia e India), tra i quali non compare quello europeo, l'LG G6 sarà disponibile anche in una variante dotata di 64GB di memoria interna. Un peccato.

AndroidPIT LG G6 0233
Slot per una nano SIM e una microSD. / © AndroidPIT

I dati tecnici sono quindi per la maggior parte quelli del 2016 ma, stavolta, il G6 deve confrontarsi con gli ultimi gioiellini usciti nel 2017 e la poca quantità di memoria sicuramente peserà molto. Ripeto, 32GB sono oramai pochi.

Nelle performance quotidiane e nei giochi il G6 è andato alla grande. Nonostante tutti i rumor non bisogna dimenticarsi che lo Snapdragon 821 non ci ha mai delusi. Nel chattare, navigare o telefonare non ho mai riscontrato problemi. Le app si aprono velocemente e il multitasking risulta fluido. Delle volte ho però notato dei leggeri rallentamenti nelle immagini di apertura delle app ma credo che non sia un problema del comparto harware ma più di estetica. Il G6 non supporta DayDream e quindi per la VR bisogna a Cardboard.

Oltre alla particolare ratio del telefono e alle specifiche finora spiegate, non c’è  altro da dire per illuminare la via dei giocatori. Il processore è potente abbastanza per poter supportare qualsiasi gioco. Da menzionare la possibilità di poter settare delle risoluzioni specifiche adatte alle sessioni di gioco. Ad esempio quella QHD è necessaria solo in pochi giochi mentre quelle HD o Full HD sono quelle più convenienti per i giocatori - in quanto a durata della batteria - perché la minore risoluzione neppure si nota. Per regolare la risoluzione basta andare su Impostazioni>Batteria & risparmio energetico>Risparmio batteria durante il gioco.

Nei risultati di benchmark l’LG G6 ha rispettato le aspettative di un classico Snapdragon 821. LG ha fatto sicuramente un lavoro magnifico sul software per sfruttare al massimo le potenzialità del processore.

LG avrebbe dovuto integrare lo Snapdragon 835 nel suo G6? Forse sì però forse le prestazioni non sarebbero state poi così diverse rispetto a quelle di adesso.

LG G6: risultati dei test benchmark

  3D Mark Sling Shot ES 3.1 3D Mark Sling Shot ES 3.0 3D Mark Ice Storm Unlimited ES 2.0 Geekbench CPU - single core Geekbench CPU - multicore PC Mark Work Performance PC Mark Storage Google Octane 2.0
Huawei Mate 9 2093 2308 25392 1930 5604 7675 7106 10935
Samsung Galaxy S7 Edge 1977 2362 30310 2018 6248 5077 4607 10292
Google Pixel 2559 3329 27702 1574 3980 5263 5076 8791
LG G6 (versione UE) 2669 2933 26318 1798 4253 4975 3946 8905

 

LG G6 – Audio

Come per il V20 anche con il G6, per il modello sudcoreano, LG ha deciso di collaborare con ESS Technology per il comparto sonoro. Il terminale monta un chip Sabre32, il Quad DAC ES9018S a 32-bit. Le possibilità che offre sono semplicemente un audio di alta qualità che supporta formati compressi senza alcuna perdita (FLAC, DSD, AIFF e ALAC). Purtroppo però questa funzione non è disponibile per i modelli europei.

Per edulcorare un po’ questa cattiva notizia possiamo però dirvi che il suono nel modello statunitense e in quello europeo è accettabile, anche se non conta sul chip Sabre32.

AndroidPIT LG G6 9336
Un altoparlante facile da coprire (per sbaglio). / © AndroidPIT

L’altoparlante principale è mono ma nonostante questo il comparto audio è di buona qualità. Quando il volume viene alzato il suono non perde la propria nitidezza e i toni metallici non sono così pronunciati. La posizione è il vero tallone d’Achille di questo speaker perché spesso si rischia di coprirlo con la mano soprattutto quando si tiene il dispositivo in posizione orizzontale durante le sessioni di gioco o riproduzioni video. Se questo dovesse accadere non riuscirete ad ascoltare quasi nulla perché, forse a causa della certificazione d'impermeabilità, quell'uscita è l’unica che diffonde il suono.

La ricezione delle chiamata è filata liscia, la voce è abbastanza nitida ed il volume buono, parimenti alla cancellazione del rumore.

Al contrario dell'ultima tendenza sul mercato mobile, bisogna apprezzare il fatto che il G6 presenti ancora il mini-jack per gli auricolari e, indossandoli, il suono è di qualità ed il volume accettabile. Attraverso l’app della musica presente di default il suono può essere impostato con cinque profili predefiniti e inoltre è possibile personalizzare l’onda sonora con l'equalizzatore integrato.  

AndroidPIT lg g6 audio
L’equalizzatore è incluso nell'app della musica. / © AndroidPIT

LG G6 – Fotocamera

La fotocamera principale del G6 presenta due obiettivi, come il G5 e il V20. In questo caso i due sensori sono di 13MP e ogni pixel misura 1,12μm e una messa a fuoco automatica a detenzione di fase (PDAF) arrivando a una risoluzione massima con le foto in formato 4:3 e 4K per la registrazione dei video.  Ogni fotocamera ha due lenti diverse. Una grandangolare con angolatura di 125° e apertura di diaframma pare a f/1.4 e una lente di 71° con apertura f/1.7 e stabilizzatore ottico ed elettronico d’immagine.

La fotocamera forntale la risoluzione è pari a 5MP con apertura f/2.2 e dimensioni di pixel di 1,12μm. Anche qui troviamo uno stabilizzatore elettronico e buona ampiezza angolare che varia da 82° a 100°, spettro perfetto per i selfie di gruppo.  

AndroidPIT LG G6 9330
Una doppia fotocamera tra le migliori che potete avere. / © AndroidPIT

 Il comparto fotografico del LG G6 ha una riduzione del rumore abbastanza bassa. Questo da una parte fa notare la presenza del rumore nelle immagini ma dall’altra fa sì che la rappresentazione dei dettagli sia migliore, soprattutto in condizioni  di scarsa luminosità. Le immagini sono anche più stabili e con una maggiore ammortizzazione dei colori.

Con l’ISO a 800 il G6 evidenza molto il rumore (sensibilità scelta per scatti in ambienti interni con luce artificiale o incandescente), anche senza ingrandire l’immagine. Con un ISO a 400 abbiamo delle immagini abbastanza pulite. Il bilanciamenti dei bianchi ci ha lasciato una buona impressione. Subito dopo il tramonto le immagini tendono sicuramente a un tonalità più blu, però la qualità è in generale buona.

detail angle
Più dettagli dell’LG G5. / © AndroidPIT

L’HDR automatico fa un buon lavoro nelle situazioni in cui il contrasto è più alto però sicuramente si nota, come accade anche nel Google Pixel. Disabilitando la modalità HDR è possibile vedere il problema tipico dei sensori degli smartphone: dinamicità bassa ma dettagli evidenziati. Lo scatto automatico lavora bene e tira fuori buoni scatti.

p10 g61
Il G6 sfrutta meglio la luminosità. / © AndroidPIT

 In definitiva LG ha preferito tenere un po’ di rumore nelle immagini con minore luminosità per avere qualche dettaglio in più. Il controllo dell’esposizione delle volte tende più alla luminosità di modo che le immagini possano essere più vive.

Il selfie, quando è settata la modalità automatica, sono buoni: luminosità ben impostata in modo che il volto sia risaltato al massimo.

iso comp 50prozent lg g6
Vediamo come gli elementi sono riconoscibili anche se il rumore aumenta nei colori. / © AndroidPIT

Eccetto che alcuni dettagli, l’interfaccia è simile a quella del G5. Sono presenti quattro modalità automatiche: Base, Quadrato, Manuale e Manuale video. IN quella base (automatica) potete trovare più opzioni (Panorama, Panorama 360, Cibo, Slo-mo, Time-lapse, Popout y Scatto). Nella modalità  è possibile fare dei collage in formato 2:1.

Tanto la modalità automatica come quella manuale possiamo scegliere otto filtri di colore per avere un tocco più creativo già integrato nei nostri scatti. Nella modalità manuale (sia foto che video) è possibile aggiustare il bilanciamento dei bianchi, la messa a fuoco, l’ISO, il tempo di apertura e il valore dell’esposizione. La modalità manuale delle foto serve inoltre a tenere fermi alcuni punti sullo schermo.

Con la fotocamera frontale possiamo applicare molti filtri come anche regolare la luminosità e il tono della pelle. Inoltre possiamo contare su un piccolo menu a comparsa per condividere velocemente i nostri selfie sui social network.

LG G6 – Batteria

Ormai la moda impone già da tempo delle batterie non estraibili. E così anche L'LG G6 ha deciso di allinearsi agli altri flagship sul mercato. Anche per questo la capacità della batteria è stata ampliata a 3300 mAh. Purtroppo però ci sono delle differenze tra i vari modelli del dispositivo venduti in tutto il mondo e quindi la ricarica wireless sarà disponibile solamente per i device venduti negli Stati Uniti. Ma il G6 può essere ricaricato anche grazie al port USB di Tipo C che supporta la Quick Charge 3.0 che consente di ricaricare anche un altro dispositivo. 

Abbiamo testato anche la ricarica wireless del modello statunitense. Questa ha ricaricato il dispositivo più lentamente rispetto al cavo USB di Tipo C. Però è pur vero che la ricarica wireless viene spesso usata la notte quindi il fattore tempo potrebbe non essere un problema.

AndroidPIT LG G6 0247
USB di Tipo C e ricarica veloce. / © AndroidPIT

La sensazione avuta durante queste settimane di prova, sia con il modello statunitense che con quello europeo, è buona: entrambi sopravvivono ad un giorno di uso intensivo. Come tutti gli smartphone di gamma più alta, però, questo comparto paga un po’ il fatto di avere un processore potente.

Nell’uso quotidiano facendo un po’ di chiamate, usando delle app, messaggiando e navigando in internet la batteria resiste bene, arrivando a durare anche fino a due giorni. Facendone un uso più intensivo la prospettiva di vita può abbassarsi fino a 10 ore e se davvero non lo abbandoniamo mai fino a 6. Se nel corso della giornata usiamo il device per chiamate, chat, email, app e poi ancora giochi, musica e video, alla fine la batteria resisterà 15 ore e offrirà 5 ore di display attivo.

AndroidPIT lg g6 battery
Un livello di autonomia abbastanza accettabile. / © AndroidPIT

LG G6 – Specifiche tecniche

Dimensioni: 148,9 x 71,9 x 7,9 mm
Peso: 163 g
Capacità della batteria: 3300 mAh
Dimensioni del display: 5,7 pollici
Tecnologia display: LCD
Schermo: 2880 x 1440 pixel (564 ppi)
Fotocamera frontale: 5 megapixel
Fotocamera posteriore: 13 megapixel
Flash: LED
Versione Android: 7.0 - Nougat
Interfaccia utente: LG UX
RAM: 4 GB
Memoria interna: 32 GB
Memoria removibile: microSD
Chipset: Qualcomm Snapdragon 821
Numero di core: 4
Velocità di clock: 2,4 GHz
Connettività: HSPA, LTE, NFC, Bluetooth

Giudizio complessivo

LG ha fatto un bel giro di boa con quest'ultimo flagship. Come sappiamo il G5 non ha avuto il successo sperato e non si è neppure avvicinanto alla reputazione di cui godono il G3 e il G4. Con l'LG G6 il brand ha fatto il possibile per (ri)accaparrarsi una fetta maggiore di utenti.

Il telefono ha un bell'aspetto, il design ci ha fatto davvero una buona impressione e la resistenza all’acqua, come anche il largo display, sono feature comode nella vita quotidiana. Gli aspetti criticabili sono il processore e una memoria troppo piccola per uno smartphone di fascia alta.

Anche se è un buono smartphone, il modello europeo non è equipaggiato di tutte le feature ma nonostante questo il prezzo rimane comunque quello di un top di gamma. Non scordatevi però che di solito gli smartphone LG in pochi mesi vengono offerti a prezzi molti più appetibili e quindi, a quel punto, il G6 sarà irresistibile.

 

4 Commenti

Commenta la notizia:
  • fastused 2 settimane fa Link al commento

    per poco meno di 200 euro si può acquistare il Clostphone S8 Pro è bellissimo!

  • Per me invece hanno centrato in pieno, sono gli unici a cercare innovazioni, in un mercato che purtroppo è capace solo di copiare i migliori e fare solo piccole modifiche al prodotto finito. Brava LG dimostra coraggio e cambiamento

  • La doppia fotocamera esterna in quanto a design mi sembra un po' orrenda....
    Anche il prezzo (soprattutto rispetto al P10) mi sembra un po' altino.

  • Molto interessante nel complesso, bello il design ma il display con gli angoli arrotondati non si può vedere. A me personalmente sembra un'ultima spiaggia di una azienda senza idee che pensa di "innovare" con queste cose.

19 Condivisioni

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK