Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

La nostra lista dei desideri per l'industria tech 2020

La nostra lista dei desideri per l'industria tech 2020

Il mercato degli smartphone ha ormai più di dieci anni. I suoi prodotti hanno rimodellato la nostra vita quotidiana e reso possibili modelli di business. Nel frattempo sta diventando evidente come i produttori siano arrivati al capolinea. I dispositivi che appaiono ogni anno offrono sempre meno incentivi all'acquisto. Pertanto ho alcune richieste specifiche per l'industria:

1. Ridurre la produzione di nuovi hardware

Ci sono cento buone ragioni per cui i produttori dovrebbero ridurre il numero di dispositivi che producono. In un mercato saturo la domanda di nuovi prodotti sta diminuendo e quindi non è necessario che una dozzina di produttori portino sul mercato una dozzina di nuovi dispositivi ogni settimana. 

In particolare i nuovi dispositivi nei segmenti di prezzo più bassi hanno spesso meno da offrire rispetto ai modelli dell'anno precedente. I produttori potrebbero semplicemente metterli in vendita per diversi anni consecutivi e segnalarli quando si pubblicizza il nuovo dispositivo. Produttori come Samsung o Apple stanno già offrendo i loro vecchi modelli come nuovi prodotti due anni dopo ma non li commercializzano correttamente.

Inoltre, almeno per Samsung, questa offerta non fa parte della strategia di base in quanto diversi modelli delle serie A e J sono offerti in parallelo a prezzi di partenza bassi. Ma perché questi dispositivi sono stati completamente ricostruiti quando il mercato dell'usato era ancora ricco di Galaxy S di pari qualità degli anni precedenti? E non sarebbe un buon marketing se i clienti continuassero a vedere sulla strada dispositivi Samsung che sembrano e funzionano bene anche se hanno tre o più anni?

Per trarre profitto dal crescente mercato dell'usato i produttori potrebbero ampliare le loro offerte di riacquisto. Samsung e Apple offrono già il cosiddetto trade-in. Se si ordina un nuovo dispositivo è possibile inviare il vecchio ad un partner, farglielo valutare e farne detrarre il valore dal prezzo di acquisto del nuovo dispositivo. Con alcuni fornitori come Congstar è possibile acquistare i modelli ricondizionati invece di quelli nuovi. In questo modo l'azienda può ripagare i produttori o i fornitori di smartphone.

Questa politica avrebbe diversi effetti positivi sull'immagine di un'azienda tecnologica:

  • I dispositivi utilizzati per lungo tempo provano la qualità dei dispositivi stessi
  • L'azienda riduce il consumo di risorse
  • Tutti i dispositivi del brand vengono considerati dispositivi di fascia alta

L'argomento delle risorse non riguarda solo la produzione ma anche lo smaltimento. L'industria del riciclaggio non può tenere il passo con il ritmo del consumo di elettronica. Purtroppo però i produttori non ascolteranno certo la nostra richiesta per via di questo articolo. I produttori producono i dispositivi che presumono verranno acquistati. Se quindi volete davvero cambiare qualcosa dovrete fare una scelta saggia.

1.1 Cambiare il modo in cui vengono denominati gli smartphone

David me l'ha raccomandato. Dal momento che ci sono ormai ben oltre 20.000 dispositivi Android diversi, lo spazio dei nomi disponibile sta lentamente raggiungendo i suoi limiti. I nomi secondo lo schema TELEFONO 8.1T Pro Max Plus Plus McLaren Edition fanno parte dell'agenda e non aiutano il potenziale cliente. Qual è il dispositivo migliore ora?

Attributi come Pro, lite, mini, Max, Plus sono aggiunti alle denominazioni di modelli apparentemente familiari. Altri dispositivi verranno semplicemente pubblicizzati con un nuovo nome (pensate ai dispositivi Huawei ed Honor ad esempio). I Macbook di Apple offrono un buon esempio in termini di denominazione. Il mio desiderio per Samsung sarebbe quello di commercializzare solo tre dispositivi nel 2020:

  • Galaxy S20 (per l'anno 2020)
  • Galaxy Note20 
  • Galaxy Tab20 

2. Più dispositivi sostenibili

Se compriamo uno smartphone ma non vogliamo impattare in modo aggressivo l'ambiente al momento abbiamo tre opzioni: Fairphone, Shiftphone o uno smartphone usato. Si può fare di più. Ogni produttore dovrebbe presentare almeno una variante CO2 neutra del suo dispositivo principale o offrire una compensazione di CO2 in negozio.

All'impatto ecologico segue l'aspetto sociale: alcuni metalli delle attrezzature vengono estratti in aree che non sono mai state visitate da un ispettore prima d'ora. I produttori possono essere riluttanti a fare questo passo perché se commercializzano un dispositivo equo come possono giustificare gli altri? Forse dovrebbero mettere in discussione l'intera strategia e prepararsi per il prossimo grande passo. Sarebbe necessario.

3. eSIM sul mercato in modo adeguato

Quando le aziende di telefonia mobile di tutto il mondo hanno adottato lo standard eSIM nel 2016. Purtroppo il successore della scheda SIM in plastica è ancora un'utopia. Alcuni operatori non le hanno ancora rese disponibili mentre altri applicano tariffe insensate per il cambio di fornitore. I produttori di smartphone, invece, le ignorano quasi completamente: solo iPhone, Pixel e Motorola Razr le utilizzano.

Con l'eSIM l'elaborazione di un contratto di telefonia mobile potrebbe finalmente avvenire in modo completamente elettronico. In teoria i profili eSIM dovrebbero essere facili da installare come un'applicazione. Questo è già il caso dell'iPad. Nella pratica però vince per ora l'inerzia di diversi operatori di telefonia mobile.

4. Espandere la rete 5G in fretta!

Il 5G potrebbe diventare il Santo Graal della digitalizzazione. Le seccature di WLAN, LTE, vecchie linee radio, connessioni wireless proprietarie ma anche tonnellate di filo di rame potrebbero svanire a breve. Il problema è che chi fornisce le antenne e dove dovrebbero essere installate dipende dall'esito del braccio di ferro tra ministeri, industria e fornitori. Le future generazioni di robot dipenderanno in larga misura dalla nuova comunicazione wireless e cambieranno visibilmente la nostra vita.

5. Smartphone e minimalismo

Uno smartphone senza fotocamera, questa è la richieste di David. I produttori di smartphone potrebbero produrre uno smartphone senza fotocamera e giocarci con i servizi di Google. Per scansionare i codici QR o creare un'identità video gli utenti possono collegare una fotocamera alla porta di Tipo C. Se la si può ruotare può essere utilizzata sia come fotocamera principale che come fotocamera selfie. Grazie a questa modularità in futuro potrebbe essere possibile aggiornare separatamente la fotocamera e lo smartphone. Una richiesta ambiziosa che ha un suo perché!

E voi cosa vorreste?

Queste sono le nostre richieste per produttori e protagonisti del settore tech. Voi invece quali desideri avete?

Articoli consigliati

1 Commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Io avrei una richiesta più nel lungo termine: che si cerchi di evitare la commercializzazione degli smartphone portless. Se dovessero comparire sul mercato, chiederei che abbiano un connettore magnetico (stile Smart Connector) di Apple utilizzabile per collegare gli adattatori OTG e quelli per il jack audio (nessuno degli stereo che ho in casa è wireless, le autoradio neppure). Anche produrre gli smartphone top di gamma sia in versione portless che in versione "con le porte" non sarebbe una pessima idea.