Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Recensione 10 min per leggere 1 Commento

Nest Protect 2: chi ha bisogno di un rilevatore di fumo Smart?

State pensando di fare i primi passi per smartizzare la vostra casa? O siete semplicemente alla ricerca di un rilevatore di fumo e monossido di carbonio per dormire sonni tranquilli? Nest ha piazzato sul mercato la seconda generazione del suo rilevatore smart, Nest Protect 2. Come funziona? In cosa si differenzia dai più comuni (ed economici) rilevatori di fumo? Le risposte nel nostro articolo!

Cos'è Nest Protect 2 ed a cosa serve

Nest Protect 2 è un dispositivo Smart che rileva la presenza di fumo in casa, così come anche quella di monossido di carbonio. Consiste quindi in un rilevatore di fumo e gas, controllabile a distanza, pensato per proteggere voi e la vostra casa da eventuali incendi o fughe di gas. Il monossido di carbonio è un gas inodore e, per questo, particolarmente pericoloso. Con un bip impossibile da non sentire, un avviso vocale e delle comode notifiche inviate sullo smartphone verrete subito a conoscenza del pericolo.

È consigliabile installare un qualsiasi rilevatore di fumo in alto sulla parete o direttamente sul soffitto. Questo perché il fumo tende prima a riempire la parte alta di una stanza. Assicuratevi che sia lontano da porte e finestre e dalla portata dei bambini. Evitate inoltre di collocarlo in cucina… se non siete dei maghi ai fornelli presto anche i vicini lo verranno a sapere! In ogni caso, durante l'installazione del Nest Protect 2, l'app vi spiegherà dove è meglio posizionarlo.

Si sconsiglia inoltre l'installazione del Nest Protect 2 in ambienti la cui temperatura ambiente normale è inferiore ai 4°C o superiore ai 38°C.

Valutazione

Pro

  • Controllabile in modo rapido attraverso l’app
  • Sistema di notifica attraverso i LED a colori

Contro

  • Prezzo

Uscita e prezzo

Un normale rilevatore di fumo/monossido di carbonio si aggira tra i 10 ed i 50 euro circa. Il Nest Protect 2 offre un’etichetta più salata di 199 euro. Potrete risparmiare qualche soldo acquistando il pacchetto che include tre rilevatori di fumo per 329 euro. Su Amazon, tuttavia, lo trovate per circa 150 euro ma qualora preferiate averlo tra le mani prima di finalizzare l'acquisto, dovrete recarvi nei noti negozi di elettronica come Mediaworld o Saturn.

La differenza di prezzo con un più comune rilevatore di fumo è notevole ma il Nest Protect 2 aggiunge delle funzionalità smart non offerte dai dispositivi più economici. 

AndroidPIT Nest outdoor security cam 3946
Il Nest Protect 2 affiancato dalle videocamere di sorveglianza del brand. / © AndroidPIT

Design e assemblaggio

All’interno della scatola troverete, oltre al libretto d’istruzioni, il rilevatore di fumo realizzato in plastica con al suo interno sei batterie stilo, il supporto in plastica che permette di fissarlo alla parete e quattro viti. Da precisare che in Europa è disponibile un’unica versione del Nest Protect 2, quella dotata di batterie stilo, mentre negli Stati Uniti per lo stesso prezzo (119 dollari) è possibile acquistare in alternativa quella cablata.

AndroidPIT nest smoke detector 3980
Un design moderno e pulito. / © AndroidPIT

Il rilevatore di fumo è caratterizzato da un corpo quadrato realizzato in plastica. Sulla parte superiore, al centro, è presente un tasto rotondo con il nome del brand. Questo tasto può essere utilizzato alternativamente all’app per interagire con il rilevatore: occorre premerlo una volta per silenziarlo e due per effettuare un test. A circondare il tasto è presente un anello luminoso RGB a 6 LED che mostra un colore diverso a seconda del pericolo rilevato. Sotto il pannello con i fori si nasconde una rete.

Sotto la rete troviamo il cuore del dispositivo, un sensore a spettro (Split-Spectrum Sensor) che utilizza una lunghezza d'onda di 450nm di luce per rilevare le particelle più piccole ed una di 880nm per rilevare quelle più grandi.

Il dispositivo integra poi uno speaker di 2 watt che comunica quando vi è una fuga di fumo o gas specificando anche la stanza in pericolo. Avrete bisogno di comunicare con il dispositivo anche durante l’installazione. Attraverso gli anelli luminosi è possibile capire se le batterie sono cariche e se il dispositivo è effettivamente in funzione. Nella parte inferiore del dispositivo troverete un port microUSB e lo sportellino dentro al quale vanno inserite le sei pile AA.

AndroidPIT nest smoke detector 3978
In Europa è possibile acquistare solo il modello con le pile. / © AndroidPIT

Funzioni speciali

Il Nest Protect 2 ha due compiti: rilevare fumo e fughe di monossido di carbonio, ed informarci del problema. Per allertarci di eventuali pericoli oltre al noto bip, utilizza l’anello a 6 LED, la voce e le notifiche che invia direttamente sullo smartphone. L’anello mostra diversi colori a seconda della situazione:

  • Blu: il dispositivo è stato impostato correttamente.
  • Verde: si attiva quando le luci sono spente ed indica che il dispositivo (sensori e batterie) è funzionante.
  • Bianco: si illumina la notte per illuminare la stanza quando rileva un movimento. Per usufruire di questa funzione dovrete attivare la voce Luce notturna dal menu delle impostazioni dell’app dedicata.
  • Giallo: il dispositivo vi comunicherà che ha rilevato fumo o monossido di carbonio in piccole quantità.
  • Rosso: forte presenza di fumo o monossido di carbonio.
AndroidPIT nest smoke detector 4145
L'anello colorato semplifica l'interazione con il dispositivo. / © AndroidPIT

Per poter essere notificati (circa la presenza di fumo o monossido di carbonio, batterie scariche o sensore non funzionante) e poter inoltre disattivare l’allarme a distanza dovrete prima scaricare l’app di Nest, disponibile anche in italiano, sul vostro smartphone Android o sul vostro dispositivo Apple.

Come installare Nest Protect 2

Scaricate l’app Nest sul vostro smartphone e, qualora non lo aveste, create un account (vi richiederà pochi minuti). Con lo smartphone dovrete poi scannerizzare il codice QR presente nella parte inferiore del Nest Protect 2. A questo punto l’app si preoccuperà di connetterlo alla rete (ovviamente avrete bisogno della password). Una piacevole voce femminile vi informerà quando la procedura di connessione è andata a buon fine.

Per impostare l’italiano, o qualsiasi altra lingua tra inglese, francese, spagnolo, tedesco e olandese, accedete alle impostazioni e cliccate su Nest Protect e selezionate Lingua parlata. Ricordate che il cambio di lingua verrà applicato al dispositivo entro 24 ore e non nell’immediato. L’app ha un’interfaccia moderna ed intuitiva ed usarla è davvero facile. Un aspetto interessante del Nest Protect 2 è che ogni mese controlla automaticamente se lo speaker funziona correttamente e attraverso l'app potrete anche decidere di impostare il sound check ad un orario preciso (quando, ad esempio, non siete in casa). E se avete più di un Nest Protect 2 installato in casa il test verrà sottoposto simultaneamente su tutti i dispositivi.

Ora non vi resta che montare il rilevatore sul soffitto o sulla parete. Utilizzate le quattro viti per fissare la base alla parete dopodiché incastonatevi il dispositivo facendolo ruotare. 

Cosa offre l'app?

Una volta lanciata l'app troverte ad accogliervi un cerchio colorato che vi informa sullo status della stanza monitorata dal rilevatore. Cliccandoci sopra potrete effettuare un altro controllo di sicurezza o accedere alla cronologia che mostra i dati registrati fino ad ora.

Nest protect IT2
Luce verde: nessun problema in corso. / © AndroidPIT

Cliccando invece nell'icona in alto a destra accederete al menu delle impostazioni nel quale potrete verificare le informazioni relative alla vostra casa, gestire le notifiche ed attivare l'invio del bollettino mensile di Nest nel quale verrete informati su allerte e test effettuati (se poi avete anche un termostato Nest, nel bollettino potrete controllare anche i consumi energetici). Nella sezione Contatti è consigliabile inserire un numero di emergenza, come quello dei vigili del fuoco ad esempio o del vostro vicino di casa, al quale avrete accesso in modo immediato in caso di pericolo.

Nest protect IT3
Non dimenticate di inserire un contatto di emergenza. / © AndroidPIT

Nella sezione Cosa fare Nest offre qualche suggerimento su come agire in caso di incendio o di una fuoriuscita di monossido di carbonio. Vi consiglio di sfogliare questa sezione, illustrata in modo chiaro, e di effettuare un'esercitazione con i membri della vostra famiglia o i vostri coinquilini per non farvi cogliere impreparati.

Prestazioni

In questo caso le prestazioni sono sinonimo di sicurezza. Come testare un rilevatore di fumo e monossido di carbonio se non simulando una fuoriuscita di queste sostanze? Ovviamente non abbiamo potuto dare fuoco ad una delle scrivanie del nostro ufficio (sono ancora nuove e ne abbiamo bisogno) ma abbiamo utilizzato una bomboletta spray studiata per l'uso (i nostri occhi stanno ancora chiedendo perdono!).

Durante il nostro test il rilevatore Nest Protect 2 ha impiegato 14 secondi per rilevare la presenza del fumo con un bip ad alto volume e 50 secondi per notificarci via smartphone. L’allarme vocale ci ha informato del fumo ed il LED si è illuminato di giallo. La notifica ci ha comunicato della presenza del pericolo nello Studio (sarete voi a rinominare la stanza in cui collocate il dispositivo) ed anche del passato pericolo una volta che il fumo si è dissolto. Il dispositivo ha quindi funzionato a dovere ma per capire meglio le sue potenzialità rispetto a quelle di un comune rilevatore abbiamo provato ad effettuare lo stesso test con dispositivo non smart. Questo ha impiegato 18 secondi  a rilevare la presenza del fumo con un bip ad un volume alto (in questo caso niente notifiche ovviamente).

Quando si parla di Smart Home e IoT il tema sicurezza riguarda anche la possibilità di hackerare la rete ai quali i dispositivi sono connessi. Per prima cosa assicuratevi di essere connessi ad una rete affidabile, cambiate la password di accesso regolarmente. Per non avere problemi è importante evitare di acquistare un qualsiasi dispositivo economico online: affidarsi a brand noti limita i rischi e Nest è uno di questi. In questo articolo dedicato troverete altri semplici accorgimenti legati alla sicurezza dei dispositivi connessi:

Batteria

Nella confezione di acquisto viene specificato che i sensori utilizzati dal Nest Protect 2 assicurano un buon funzionamento per 10 anni. Per quanto riguarda l'autonomia del dispositivo invece, come specificato sopra, dovrete affidarvi a 6 batterie AA (quelle incluse sono le Energizer®) di cui però non abbiamo potuto testarne l'autonomia sul lungo periodo. In ogni caso potete stare tranquilli perché l'app Nest vi comunicherà quando le batterie sono ormai scariche.

La garanzia ha una validità di due anni e, in caso di eventuali problemi, è possibile contattare il centro assistenza disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7 direttamente dall'app cliccando su Assistenza.

Nest protect IT1
L'app permette di accedere al centro assistenza in modo rapido. / © AndroidPIT

Giudizio complessivo

Cosa dire del Nest Protect 2? Per prima cosa devo ammettere che è la prima volta che mi ritrovo a testare un dispositivo di questo genere. Il rilevatore durante il test ha funzionato a dovere, così come l'app, pratica e funzionale allo scopo. Le indicazioni vocali così come i LED di notifica sono una soluzione più piacevole ai più tradizionali bip ma si fanno pagare cari.

La differenza di prezzo è notevole, soprattutto se avete una casa grande e desiderate piazzarne più di uno, ma il punto è un altro: Nest Protect 2 non è un normale rilevatore, è un dispositivo Smart realizzato da un brand noto in questo campo. Le funzioni extra e la comodità offerta da un rilevatore di questo tipo si pagano. Acquistando poi la videocamera di sorveglianza indoor del brand potrete ottimizzare il servizio controllando sempre tramite l'app cosa sta effettivamente succedendo in casa se, ad esempio, ricevete una notifica mentre siete in ufficio. Il Nest Protect 2, rispetto ad un rilevatore più standard, offre un vantaggio se si possiede ad una casa a più piani e si vuole ad esempio monitorare la stanza dei bambini al piano di sotto.

Comprarlo o no? Si tratta di priorità e budget a disposizione. Se siete alla ricerca di un rilevatore di fumo e monossido di carbonio sicuro e gestibile a distanza attraverso lo smartphone, il Nest Protect 2 è un buon investimento e non vi deluderà. Se invece siete alla ricerca di un semplice rilevatore di fumo/monossido di carbonio non smart in commercio ne troverete diversi a poco prezzo.

Avete un rilevatore di fumo/monossido di carbonio in casa? Ne acquistereste uno smart?

1 Commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Interessante sapere che finalmente hanno aggiunto la lingua italiana. Ci sono però delle alternative più convenienti sul mercato cinese e di notevole qualità . Personalmente ho acquistato lo scorso anno un prodotto della Xiaomi che si chiama Smart Gateway e che funge da router per i device "smart" satellitari. Nei programmi di Xiaomi c'è la volontà di espandere i dispostivi che passano dal loro gateaway e ad oggi in effetti le proposte sono molte: sensori di temperatura e movimento, webcam, Ip cam, luci, lampadine wi-fi, prese smart, sensori di apertura porte e fineste...Il tutto in un ecosistema unico gestibile via app. Sono in uscita nei prossimi giorni due dispositivi interessanti: un sensore di fumo e uno di gas che Xiaomi ha prodotto in associazione con Honeywell. Con una spesa modica ci si porta a casa Gateway e kit di allarme (attorno ai 50-60€ sugli store cinesi). Se si aggiungono i due sensori fumo e gas si arriva attorno ai 120€. Una IP cam compatibile con il sistema la si trova a 20€, sempre marchiata Xiaomi. La spesa totale è uguale se non addirittura inferiore a quella del solo Nest Protect 2 e si ha qualcosa di espandibile. Difetti? Sicuramente il fatto che si acquista a scatola chiusa, senza una garanzia italiana o europea, un servizio di assistenza ancora zoppicante e un'app che per ora è solo in cinese e- qualcosa - in inglese.

Articoli consigliati