Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Recensione 7 min per leggere 1 Commento

OPPO Find X: bello, innovativo e costoso

Oppo torna in Europa e lo fa sfidando subito la concorrenza con un nuovo flagship: il Find X. Oppo si è sempre distinta per l'innovazione, è un brand che ama osare e proporre qualcosa di nuovo sui propri dispositivo. È il caso anche del Find X? Ecco cosa caratterizza il nuovo smartphone del brand cinese che dovrà vedersela dura con diversi compatrioti: Xiaomi, Huawei, Honor e OnePlus lo aspettano al varco. 

Un prezzo che spaventa

Con l'evento di lancio avvenuto il 19 giugno a Parigi presso il museo del Louvre, l'Oppo Find X acquisisce subito il passaporto europeo. Il flagship dell'azienda cinese sarà disponibile all'acquisto in Italia, Francia, Olanda e Spagna a partire dal mese di agosto al prezzo di 999 euro. Arriverà in blu e bordeaux.

Il brand ha anche rilasciato una versione realizzata in partnership con Lamborghini che fa salire il prezzo a 1699 euro (a differenza del modello base, sono 512 e non 256 i GB di memoria interna e sfrutta la tecnologia di ricarica Super Vooc). Un'etichetta non proprio modesta quella del Find X, neppure se paragonata a quelle dei più costosi flagship del 2018. Un po' troppo azzardata per convincere gli utenti europei?

Un design fuori dal comune

Con il Find X Oppo cerca di cambiare il concetto di smartphone. Il flagship cinese stavolta non riprende le linee del tanto scopiazzato iPhone X ma opta per un design unico nel suo genere. Ed usare questo termine nel mondo degli smartphone al giorno d'oggi non è così facile.

Lo smartphone è realizzato in vetro 3D curvo davanti e dietro. Sul davanti i bordi attorno allo schermo sono quasi inesistenti e si concretizzano in un rapporto schermo/corpo pari al 93,8%. Il notch non c'è, lo spazio del pannello frontale viene occupato completamento dal Panoramic Arc Display (è questo il nome ufficiale). Ma la sorpresa principale si nasconde sulla parte superiore del telefono, a scorrimento. 

oppofindx3
Una scocca minimalista libera da fotocamera e lettore d'impronte. / © AndroidPIT

Accendendo lo smartphone e lanciando l'app della fotocamera la parte superiore del Find X si muove scoprendo sul retro la dual camera accompagnata dal flash LED nel mezzo e, davanti, la fotocamera dedicata ai selfie ed utilizzata anche per sbloccare lo smartphone tramite il riconoscimento del volto. Le fotocamere spuntano fuori abbastanza velocemente. Quando queste non sono allo scoperto, il Find X appare come una sottile lastra di vetro che mostra sul retro il logo del brand.

oppofindx4
Il Find X non è impermeabile. / © AndroidPIT

Una scelta stilistica diversa dalle solite che ad un primo sguardo fa colpo (anche se da davanti, a schermo spento, il Find X mi ha ricordato la linea Galaxy S di Samsung). Nel caso ve lo stiate chiedendo, la capsula auricolare si trova sulla parte superiore nel bordo sottile.

oppofindx2
Vetro 3D curvo danti e dietro. / © AndroidPIT

Circa la solidità dello slider nel lungo periodo e la praticità d'uso occorrerà utilizzare lo smartphone ma non posso negare che Oppo con il suo Find X è riuscita a stupirmi ed ha inoltre risolto uno dei problemi che la maggior parte dei nuovi smartphone ha, la fotocamera sporgente. Grazie Oppo!

Il lettore d'impronte digitali non c'è

Ci aspettavamo di trovare il lettore d'impronte digitali sotto lo schermo, come quello integrato da Huawei sul Mate RS Porsche Design ma Oppo ha deciso di non offrire questa feature. Un design minimalista, davanti e dietro, che lascia spazio solo allo scanner in 3D del viso integrato nel pop-up della fotocamera frontale.

Basta uno swipe sulla schermata di blocco per attivare O-Face 3D Structured Light, sbloccare lo smartphone e poter così accedere ai contenuti del dispositivo. Il modulo della luce 3D permette di proiettare 15 mila punti e realizzare un modello preciso del volto dell'utente per poi confrontarlo con quello registrato nel sistema.

Al contrario di quanto fatto da Huawei sul Mate RS, Oppo spinge i suoi utenti a scontrarsi con questo nuovo sistema di sblocco che dovrebbe comunque essere più sicuro rispetto al tradizionale lettore d'impronte. Purtroppo non abbiamo potuto testarne la velocità: speriamo non deluda nell'uso quotidiano.

Design unico ed innovativo

Bye Bye notch e bordi inutili

Non trovare il notch sui nuovi smartphone di fascia alta sta diventando un'impresa. Le eccezioni ci sono, come Samsung ad esempio ed Oppo con il nuovo Find X. Il flagship cinese ha deciso di liberarsene come ha già fatto il Vivo Nex S.

Ciò significa offrire agli utenti un display dall'elevato rapporto schermo/corpo ed un display praticamente libero da ingombri e cornici. La fotocamera frontale per i selfie c'è ma entra in scena solo quando necessario, stesso discorso per il sensore che permette di sbloccare il dispositivo riconoscendo il volto dell'utente.

oppofindx1
Display OLED di 6,4 pollici quasi privo di bordi, e senza notch. / © AndroidPIT

Con un formato 19:9 e 6,42 pollici di diagonale, il display va incontro a gamer e appassionati di serie TV, film e contenuti multimediali in generale. Oppo sul suo Find X utilizza un pannello OLED curvo in stile dual edge dalla risoluzione in FHD+ che ad un primo sguardo sembra offrire colori vividi e neri profondi.

Un display senza notch quasi borderless

Snapdragon 845 come garanzia

Anche le componenti hardware dell'Oppo Find X sono all'altezza di un flagship del 2018: Snapdragon 845 e GPU Adreno 630 girano all'interno del dispositivo affiancati da 8GB di RAM e fino a 256GB di memoria interna. Il processore di Qualcomm ci ha già mostrato di riuscire a raggiungere degli ottimi risultati ma anche l'implementazione con il software gioca la sua parte ( e sappiamo che questo è spesso un aspetto critico negli smartphone cinesi).

Nel Find X a girare è Android 8.1 Oreo con l'interfaccia della casa ColorOS 5.1 (le patch sono aggiornate al mese di maggio, ma si tratta di un modello di pre-produzione) che ricorda leggermente iOS dal punto di vista grafico. L'aggiornamento ad Android P arriverà, è già disponibile in beta. Google Assistant e Google Lens sono anche presenti all'appello. A livello software vi sono alcune novità presentate come funzioni intelligenti, possibili grazie al chip di Qualcomm, che sembrano sdoppiare alcune feature già offerte da Assistant. Sarà curioso mettere alla prova il software e le gesture integrate.

Snapdragon 845 per prestazioni senza compromessi

Doppia fotocamera a scomparsa e selfie 3D

Quando si lancia l'app della fotocamera, l'Oppo Find X mostra sulla scocca una doppia fotocamera supporta dal flash LED. Il comparto fotografico è costituito da due sensori di 20MP con apertura di f/2.0 e di 16MP con apertura di f/2.0. Presente lo stabilizzatore ottico d'immagine e viene anche con Oppo menzionata l'intelligenza artificiale che consente di riconoscere gli oggetti ed i soggetti inquadrati per ottimizzarne il risultato.

oppofindx6
Basta aprire l'app fotocamera per mettere in movimento la parte superiore del dispositivo. / © AndroidPIT

Sul davanti spunta invece un obiettivo da 25MP con apertura di f/2.0. Oppo ci tiene ai selfie e la fotocamera è capace di realizzarli in 3D permettendo di selezionare diversi tipi di luce. Anche il produttore cinese si lancia nel treno degli Animoji ribattezzati Omoji ma il concetto è lo stesso già visto con Apple e ripreso poi da Samsung.

Fotocamera a comparsa davanti e dietro

VOOC Flash Charge integrata

Per chi conosce Oppo, la ricarica rapida VOOC Flash Charge non è una novità ed è stata integrata anche sul nuovo flagship della casa. Il Find X nasconde sotto la scocca una batteria non estraibile di 3730 mAh che dovrebbe essere possibile ricaricare in circa 90 minuti.

Tecnologia di ricarica rapida VOOC Flash Charge

L'innovazione che si fa pagare

Finalmente qualcosa di nuovo nel mondo degli smartphone! Un design interessante, un display ancora più ottimizzato ed una scheda tecnica degna di qualsiasi altro top di gamma del 2018. Le prestazioni? Da testare, sopratutto dal lato software, spesso il punto debole dei dispositivi cinesi.

Manca la certificazione di impermeabilità, ma l'Oppo Find X supporta Assistant, Google Lens ed introduce una fotocamera a comparsa bella da vedere. Sulla carta un interessante giocatore che non vedo l'ora di vedere in campo anche se il prezzo, devo ammetterlo, fa un po' paura.

Riuscirà secondo voi il Find X a fare colpo in Europa? Cosa ne pensate del design del nuovo flagship di Oppo?

1 Commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • OPPO Find X, un telefono innovativo, costoso, con delle caratteristiche tecniche però da top di gamma 2018. La caratteristica di cui se ne è parlato molto è la fototocamera anteriore e posteriore a “scomparsa” . A scomparsa perchè questo dispositivo di casa OPPO ha un display Oled che occupa il 93% dello schermo, per tale motivo gli ingegneri di OPPO hanno deciso di mettere le fotocamere sotto lo schermo e con un meccanismo riescono a “uscire” solo chiaramente nell’ uso della fotocamera. Ed Ora per questo meccanismo il telefono si allunga e mi chiedevo: “all’ uscita ufficiale del dispositivo le cover come saranno fatte in qualità del meccanismo elencato prima?