Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
6 min per leggere 8 Condivisioni 2 Commenti

Ecco perchè il Galaxy Note 5 arriverà presto in Italia!

I rapidissimi tempi con cui si muove la tecnologia mobile ci hanno già permesso di digerire la delusione che Samsung ci ha dato in seguito al mancato arrivo in Europa dell'attesissimo Galaxy Note 5. Ora che tutti noi abbiamo appena ripreso in mano le nostre vite, la casa sudcoreana decide ancora una volta di giocare con i nostri sentimenti e fa circolare dei rumors che suggerirebbero l'arrivo del phablet in Italia.

Nel mese di agosto Samsung presentava il sostituto del Note 4, riuscitissimo dispositivo, ma ne indicava i mercati sono per l'Asia e America. La ragione, secondo i coreani, è lo scarso utilizzo da parte degli europei della S-pen.

samsung galaxy note 5 front
La S-pen fa il Note 5? / © ANDROIDPIT

Samsung destina all'Europa un dispositivo molto simile al Note 5, il Galaxy S6 Edge+, ottimo phalet ma pur sempre sprovviso di S-pen e funzioni Air. Forse ora anche il brand coreano ha capito che esportando il Note 5 nel vecchio continente ha solo da guadagnarci e Samsung Romania sembra si stia preparando a ricevere il phablet per venderlo associato ai contratti degli operatori telefonici locali. Ma esistono molte altre ragioni che ci fanno pensare che il Note 5 arriverà presto in Italia: continuate a leggere per scoprirle!

1. Negli USA il Note 5 vende il doppio del S6 Edge+

In Italia e in Europa è disposibile solo la grande versione del Galaxy S6 con display a doppia curvatura. Un dispositivo molto bello senza ombra di dubbio ma che per l'acquisto richiede un grosso sforzo economico. Dall'altra parte dell'Atlantico arrivano ora i primi dati di vendita e l'S6 Edge+ non sta facendo faville. Lo stesso non si può dire invece del Note 5 che, a parità di prezzo, raddoppia le vendite rispetto al suo parente dai bordi curvi.

Samsung è il maggiore produttore di dispositivi mobili al mondo e, con dati del genere sulle scrivanie dei dirigenti coreani, pare piuttosto miope non invertire la rotta e decidere di vendere il Note 5 anche nei negozi di tutta Europa in modo da incrementare i ricavi.

samsung galaxy note 5 s pen destaque
La S-pen nel suo alloggiamento / © ANDROIDPIT

2. Samsung sta perdendo consensi nelle community di fedelissimi

Negli ultimi dieci anni la fidelizzazione del cliente passa soprattutto per la tecnologia mobile (vedi Apple con iPhone) e la casa coreana è riuscita ad attirare svariati fan e aficionados soprattutto attorno al prodotto meglio riuscito e con più personalità. In Italia la serie Note è arrivata nel 2010 e, generazione dopo generazione, i phablet con la penna Stylus si sono susseguiti uno dopo l'altro allargando queste community.

Non sono pochi quelli che hanno sostituito uno vecchio Galaxy Note per una versione più aggiornata. Ora però i centinaia di possessori di Note 4 pronti a riceve le nuove grazie di Samsung sono rimasti molto delusi ed il web è pieno di commenti che suggeriscono l'abbandono del marchio coreano in seguito al mancato arrivo del Note 5. Come dire, o Samsung o muerte!

samsung galaxy note 5 back 2
Materiali pregiati per il Note 5! / © ANDROIDPIT

3. La domanda del pubblico continua ad essere molto forte

Sono passati circa due mesi dalla presentazione mondiale del Galaxy Note 5 e molti fan di Android in Italia continuano a pressare affinchè il phablet arrivi anche in territorio nazionale. Lo si può leggere neicommenti dei nostri articoli, nei forum e nelle community. Lo si può chiedere ai negozianti e ad Amazon.

Samsung non può continuare ad ignorare una simile richiesta non perchè sia una mamma comprensiva con i propri pargoli, bensì perchè non può ignorare una significativa fonte di guadagni. Non dando ascolto ai suoi utenti contribuirebbe solo ad aumentare il danno d'immagine già creato.

samsung galaxy s6 edge plus edge function
All'Europa, per il momento, è destinato solo il display curvo del S6 Edge+! / © ANDROIDPIT

4. La S-pen è ben utilizzata anche in Italia

Basta fare i furbi, su! Da quando è stata data questa goffa giustificazione, sono in molti quelli che hanno chiesto e sondato il terreno, noi compresi, e siamo tutti d'accordo nel dire che la Stylus pen è usata dalla maggior parte dei possessori di un Note. Magari non viene considerato un accessorio fondamentale per la vita, certo è che viene usata eccome. L'unica a non aver fornito numeri o qualsiasi tipo di dato è stata proprio Samsung.

La realtà dei fatti sempre essere proprio che in tutto il mondo non esista una cosi grossa disparità d'uso tra gli utenti del Note che vedono come una forzatura la virata verso le funzioni Edge del Galaxy S6 rispetto alle Air a cui sono abituati. Da un tweet di Samsung UK è emerso l'imbarazzo circa questo tema durante la presentazione del nuovo iPad Pro dotato di Stylus Pen distribuito in tutto il mondo.

samsung galaxy s6 edge plus vs galaxy note 5 side
Galaxy S6 Edge+ e Note 5 fianco a fianco. / © ANDROIDPIT

5. Il Note 5 è complementare al S6 Edge+

E' evidente che Samsung tema una concorrenza interna tra i due dispositivi e, nonostante le componenti hardware siano quasi tutte condivise, Galaxy Note 5 e Galaxy S6 Edge+ hanno un bacino d'utenza differente. Gli acquirenti del primo saranno probabilmente già possessori di vecchi Note e di certo saranno più interessati alle caratteristiche per un uso più professionale. Il secondo è invece diretto ad un cliente medio che presta attenzione al design e utilizza il phablet come telefono privato.

I già citati dati di vendita degli Stati Uniti parlano chiaro e se si analizzano le campagne pubblicitarie made in USA dei due dispositivi, emerge chiaramente la differenza d'uso dei terminali. Chiaro è che non si stanno facendo la guerra.

androidpit music life for go theme
Il vecchio Galaxy Note 4 sa essere molto arrogante! / © ANDROIDPIT

6. Un Note 5 per l'Europa sarebbe in preparazione

Come detto in apertura, è spuntata una voce dagli uffici di Samsung Romania: pare che dal 2016 sarà disponibile un Note 5 associato ad un nuovo contratto degli operatori telefonici attivi sul suolo rumeno. Ma veniamo ai fatti: su diversi siti di certificazione è comparso un Note 5 N920F. Dietro questa sigla è possibile notare la lettera F che sempre identifica i modelli europei nei codici interni di Samsung. Inoltre su bluetooth.org è già presente un modello di riferimento.

Inoltre dal 28 ottobre iniziano i preordini del Note 5 in Ucraina dove sarà disponibile in due colori, nero e oro, nella sola variante da 32GB di memoria. La pagina per ordinare il dispositivo è già disponibile sul sito ufficiale del brand! Noi restiamo (di nuovo) in attesa.

Anche voi attendete il Note 5 in Italia? Pensate riuscirà a salpare in Europa nel mese di gennaio?

Originariamente di Pierre Vitré su Androidpit.fr

2 Commenti

Commenta la notizia:
  • HiT 10 mesi fa Link al commento

    Ma se proprio qualcuno deve acquistare un phablet ora come ora le alternative ci sono.. a me personalmente il note 5 non ha fatto impazzire.. se dovessi fare un nuovo acquisto andrei di note 4 o Huawei Mate 8

  • L'analisi è giusta, se Samsung non vende il dispositivo in Europa ed in Italia, corre il rischio non solo di avere un danno d'immagine ed economico in seguito alle polemiche ed ai pareri contrastanti, ma correrebbe anche il rischio di aumentare le perdite economiche e di lasciare, adesso e per il futuro una grossa fetta di clienti ad altre aziende che, proprio in considerazione del fatto che hai riportato circa la Samsung come il più grande produttore mondiale di dispositivi mobili, stanno aspettando un passo falso del primo della classe per farlo diventare secondo. Devo dire poi che effettivamente anche se da molti punti di vista, il nuovo dispositivo ha fatto un passo indietro, è sicuramente vero che probabilmente per scelta, proprio per evitare la concorrenza con l'S6, hanno pensato di non perfezionare troppo il Note 5. Certo hanno commesso un errore di pianificazione se la mia tesi fosse vera. Un errore perché non hanno pensato che far crescere troppo l'S6 poteva danneggiare il Note 5 ma a volte, questi errori si commettono e forse questa strategia di ampliare il mercato è un modo per correre ai ripari. Per concludere devo dire che ho guardato i dati delle emissioni SAR secondo il CENELEC del nuovo Note 5, se non sbaglio si parla di 0,488 W/Kg per la testa, buono ma pur sempre peggiore del glorioso risultato del Note 2 che con 0,17 dovrebbe essere attualmente il dispositivo con il più basso SAR mai realizzato da quando esistono gli smartphone

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK