Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
30 Condivisioni 20 Commenti

Tre ragioni per cui il cloud non dovrebbe essere usato

Mentre alcuni utenti ricercano sempre maggiore spazio di archiviazione nei loro dispositivi, altri preferiscono salvare i loro dati in un universo virtuale. A mio parere il cloud non rappresenta una vera soluzione ai nostri problemi ma, al contrario, trovo ne crei addirittura di nuovi e di più complessi. Ecco cosa penso dei cloud e dei pericoli che esso nasconde!

Prima di spiegare perché non ami il sistema cloud, è importante fare una precisazione: non ne contesto assolutamente la praticità. Lo spazio di stoccaggio disponibile è infatti di molto superiore a quello di un qualsiasi altro supporto fisico. Tuttavia tendo a servirmene il meno possibile proprio per le ragioni che vi sto per elencare.

Come avrete forse già intuito queste sono mie opinioni personali, per cui i casi elencati di seguito non riguardano che l’autore medesimo. Le ragioni qui indicate sono puramente personali e possono ovviamente differire da persona a persona. È possibile quindi che alcuni di questi punti non si adattino a voi e, se questo fosse il caso, non esitate a scriverlo nei commenti.

androidpit best backup apps 15
Con le app che diventano sempre più pesanti abbiamo ancor più bisogno dell'archiviazione on-line. © ANDROIDPIT

Il concetto di cloud mi sembra sospetto

Per definizione i miei dati personali non appartengono che a me. Perché mai dovrei condividerli con qualcun altro? Voi certo mi direte che i gestori di cloud hanno ben altro da fare che ficcare il naso tra i miei file e, sulla carta, è essenzialmente vero (salvo alcuni particolari termini e condizioni scritti in piccolo). Tuttavia il concetto rimane lo stesso: c’è sempre qualcuno che può accedere ai miei dati.

Trovo molto triste che la tecnologia ci spinga (volontariamente o meno) a fare a meno di un diritto così basilare. Essere i soli proprietari dei nostri dati sembra un’ovvietà, eppure alcune delle più recenti meraviglie tecnologiche sembrano farci intravedere dei vantaggi non proporzionali ai danni che potremmo ricevere.

Robin, lo smartphone della Nexbit, utilizza il sistema cloud ma si avvale quantomeno di una minima memoria interna. Quindi se siete fan del cloud, di sicuro amerete questo telefono.

Non lo trovo utile

Dato l'utilizzo che faccio del mio smartphone, una micro SD mi è più che sufficiente. Le rare foto che scatto sono quelle che faccio a mia nipote o ad un paesaggio particolarmente inusuale e non sono mai riuscito a riempire la memoria interna di 32 GB. Ampliarla per avere più stoccaggio quindi non mi è di nessun interesse.

androidpit sd cards 4
Una scheda microSD in molti casi può bastare. © ANDROIDPIT

Esiste certamente gente che fa un largo uso di foto e video e che, per delle ragioni che in effetti ora mi sfuggono, si rifiuta di cancellarli non riguardandoli mai. Queste persone, quindi, necessitano di un gran spazio di stoccaggio e, per non investire in una periferica esterna, tendono a preferire il cloud. È qui che il cloud segna il suo punto migliore: costa molto meno di un qualsiasi altro supporto di archiviazione (ed è spesso addirittura gratuito).

In termini di sicurezza rappresenta sempre un rischio

Come ho spiegato alcune righe sopra, non amo particolarmente il fatto che i miei dati siano ospitati in una piattaforma fuori dal mio controllo o, peggio ancora, che una persona non autorizzata possa accedervi. C’è sempre ovviamente la possibilità che mi rubino lo smartphone o la periferica esterna, ma in quel caso sarò io l'unico responsabile.

Sia su grande che su piccola scala, l’hacking è oramai diffuso su internet. Sotto forma di phishing o chissà che altro metodo, è sempre possibile che qualcuno si appropri della vostra password. Sta a voi rendere a quel qualcuno le cose più complicate possibili.

androidpit stolen smartphone
Con il cloud i nostri dati on-line sono sempre a rischio. © ANDROIDPIT

Non solamente rischiate di perdere i vostri dati, ma questi potrebbero addirittura diventare di dominio pubblico. Ancora una volta potreste rispondermi che “non è poi cosi grave se il mio account viene piratato, non ho mica nulla da nascondere io” ma per molta altra gente, questo non è il caso. Provate a ricordare cosa è successo qualche tempo fa con il cloud di Apple, quando un gran numero di personalità famose ne hanno dovuto subire le conseguenze. Sicuri che il problema sia stato risolto e non si ripresenterà mai più? Ne dubito, ma in ogni caso, perché rischiare?

Una cosa è sicura: che lo si voglia o no, sfuggire al cloud diventa sempre più difficile. Al giorno d’oggi è praticamente impossibile evitarlo e anche io, contrario al principio, mi trovo ad utilizzarne certi servizi. Non posso quindi che raccomandarvi di fare attenzione ai dati che decidete di caricarvi, in particolare se si tratta di coordinate bancarie o altri file che potrebbero rivelarsi compromettenti.

Vedete il cloud come una minaccia o lo considerate uno spazio di archiviazione sicuro? Sono forse solo io che non ne capisco il potenziale? Insomma, il cloud è davvero una meraviglia tecnologica?

20 Commenti

Commenta la notizia:
  • Ragazzi, mettetevi tutti quanti in testa che la PRIVACY NON ESISTE PIU' (e morta molto tempo fa) !!! quindi è inutile che cercate di evitare di usare il cloud per riservatezza, tanto siamo tutti spiati, sempre e comunque, h24, e con tutto ciò che è emerso dalla stampa negli ultimi 5 anni, orami dovrebbe essere palese a tutti.....
    Tanto vale godersi la vita e basta, fate tutto ciò che vi viene più comodo, tanto ogni secondo tutti noi siamo spiati...

  • Tre motivi di cui il terzo è la copia del primo e il secondo è soggettivo... il cloud ha delle caratteristiche che lo storage tradizionale non può avere se non a costi esorbitanti (a livello di utente privato):
    1) Non si rompe mai. Avete mai perso un'email o una foto caricata su Google Foto perchè uno dei loro server si era rotto? No, appunto.
    2) Spazio illimitato. Su Google Foto posso caricare tutte le foto e i video che voglio e vederli da qualsiasi dispositivo, sia che siano screenshot del pc, foto fatte col cellulare o con la Reflex, non m'importa in quale cartella siano, sono tutte sul cloud.
    3) Non ne possiamo farne a mano. Ogni qual volta usiamo un qualsiasi social network, le email, il calendario, chat, qualsiasi servizio di Google, Amazon, Microsoft etc... i nostri dati vengono comunque registrati.
    Ma, e qui viene il bello, nessun dipendente delle suddette aziende potrà accedervi perchè gli viene la fantasia di andare a vedere le foto di Mario Rossi.
    4) La sicurezza dipende in larga parte da noi. Certo, se proteggiamo tutti i nostri servizi con la stessa password "password" o 1234 possiamo stare tranquilli che prima o poi qualcuno ce le ruberà.
    5) Basta affidarsi a servizi noti. Per esempio, NON bisogna usare il cloud di QuickPic che è in mano CheetaMobile, azienda nota per rubare a loro insaputa i dati degli utenti per usi poco chiari.

  • il cloud come tante altre cose, non è nato per la comodità degli utenti, ma con l'intento di tenerci tutti sotto controllo. E' un progetto che parte da molto lontano, un progetto di pochissimi eletti che gestiscono i governi, l'economia, l'informazione, la sanità ecc. ecc. dei più grossi paesi del mondo. Lo scopo è quello di catalogare tutti gli esseri umani, conoscerne le abitudini, averne le imponte digitali (ora ci sarà anche la scansione dell'iride). Il tutto per arrivare ad un unico governo mondiale che sarà al di sopra di tutte le leggi che sarà costituito da pochissimi straricchi, nel quale la gente sarà solamente un pezzo di carne da sfruttare e senza alcun diritto. Purtroppo piano piano ci stanno arrivando ed il paradosso è che lo stanno facendo con il nostro consenso !!!!

    • La storia insegna che le rivoluzioni hanno sempre prima o poi ribaltato questo tipo di potere. Ci proveranno sempre a creare questa differenza e controllo, ma alla fine gli straricchi saranno pochi e la grande massa, anche se povera, prima o poi s'incazza :)

  • Sull'utilità dei cloud non si discute: sono un ottimo strumento di condivisione e ti permette di avere tutti i file senza occupare memoria sul dispositivo. Il problema secondo me é l'accessibilità al cloud: serve una connessione veloce e "flat"...se hai una wi fi banda larga o fibra allora tutto é fruibile, ma una connessione "a consumo" e per di più lenta, rovina tutto.
    Integrare i cloud alle memorie fisiche per ora va bene, ma eliminarle del tutto no: non é ancora il momento!

  • Capisco i problemi per la privacy e per quello che riguarda la proprietà intellettuale.. ma non lo trovo utile mi sembra 'na cacata pazzesca!

  • Penso che TUTTI i cloud siano un rischio serio non solo per quei documenti, foto o altro archiviati nel cloud stesso, ma perché sono delle vere e proprie “porte” di accesso a qualsiasi altra informazione personale ci sia nello smartphone o nel PC. E questo qualsiasi buon hacker lo sa benissimo. Sto cercando di capire se LIMA (definiamolo un cloud personale che però ti installi a casa e non in rete) sia veramente un'alternativa valida e sicura. Magari se qualcuno ne sa di più e lo ha provato questo LIMA, sarebbe gradita un'opinione :D

  • Tra cosa ha scritto l'articolista e quanto nei commenti uno ha tutte le informazioni per decidere cosa fare in relazione alla sicurezza.
    Per ciò che mi riguarda, uso Dropbox perché, come ogni altro cloud, mi dà la possibilità di accedere ai miei file con qualsiasi device. Ciò è comodo soprattutto per le foto scattate con il cellulare ed è una comodità cui non voglio rinunciare. Mi rendo conto del rischio sicurezza e cerco di porvi la massima attenzione.

  • Con tre top di gamma ho avuto problemi con sd di buona marca e quindi mi affido al cloud, ma sto pensando di farmi una chiavetta dove memorizzare il tutto così da liberare lo smartphone

  • Per quale motivo dovrei mettere i mie dati sul cloud? Per far in modo che loro possano sbirciare.... altrimenti non si spiega lo spazio che danno anche gratuitamente! Sono terrorizzato solo al pensiero che qualche pedofilo potrebbe copiare le foto dei miei nipotini <3 .....

  • Steve Wozniak, sconsiglia il cloud. Già ma chi è Steve Woziak? E' un "amico" di Steve Jobs!
    scusate manca la fonte "cloudtalk.it/steve-wozniak-sul-cloud-portera-a-rischi-orrendi"

  • Sinceramente, le foto che carico su dropbox sono quelle di cui mi importa di meno. Sullo smartphone tendo a tenerne pochissime, quelle che mi interessano vanno tutte sul mio computer.

  • Ciao, io occupo moltissima memoria interna (32 GB) con Giochi (alcuni come ffIX occupano più di 2 giga) ed applicazioni non trasferibili su SD... La memoria Esterna (da 64 GB) è piena di foto ed immagini (che guardo ed Utilizzo, mi piace cambiare sfondo continuamente e, passo molto tempo con programmi di grafica)a e, sopratutto con musica. Ascolto Hip-Hop Hardcore e, ogni programma di streaming musicale sarebbe inutile. Fatto questa lunga premessa, non uso il cloud (neanche Picasa) per i motivi da te descritti, le Mie cose sono Mie, non mi fido e probabilmente non mi fiderò mai dei gestori dei nostri dati...... Peace

  • Ci preoccupiamo dei dati nel cloud e poi siamo in pigiama su Fb e camminiamo per strada scortati dal Gps e migliaia di telecamere.. Mah...

  • Va bene che tu hai la scheda SD ma per altri che come me hanno Nexus 5X o altri telefoni che non la sopportano la questione è un po' diversa

  • Adattatore micro usb, chiavetta o meglio ancora ssd e il problema non sussiste. Non e' il mio caso, sul mio S6 32 giga sono abbondantemente sufficienti.

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK