Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

4 min per leggere Nessun commento

Tutti contro WhatsApp: Google presto dovrà temere Amazon

Per molto tempo sono stato tranquillo riguardo le ambizioni di Google nel campo della messaggistica per smartphone. Adesso sta rendendo tutto più difficile: Duo è collegato all'account Google e Android Messanger diventa un concorrente di iMessage. Perché Google sta continuando a deludere?

Senza app di messaggistica, gli smartphone probabilmente non sarebbero in grado di controllare così bene la nostra vita quotidiana. Il dibattito su WhatsApp, Threema o Signal non è quindi un dibattito fantasma che si conclude con un semplice "Tutti sono su Whatsapp".

Un'app di messaggistica può essere utilizzata per mantenere le relazioni con i clienti, scambiare e discutere notizie o organizzare eventi in famiglia. Naturalmente i flussi di denaro privati possono essere trattati tramite Paypal, ma anche tramite un messanger perché c'è una relazione personale già verificata in queste app, il che significa più sicurezza nelle operazioni di pagamento.

WhatsApp ha recentemente avviato una funzione di pagamento (non ancora funzionante) in India e prevede di creare un proprio negozio in-app per gli adesivi (probabilmente come in Allo). Il modello WeChat è riconoscibile: in Cina, in particolare, questo servizio è diventato il punto di contatto centrale per gli utenti smartphone. Ci sono altre app, estensioni, opzioni di pagamento ed altro tutto all'interno dell'app di messaggistica.

AndroidPIT best messenger apps 2
WeChat in Cina chiama in gioco anche altre app per ottimizzare l'esperienza utente. / © ANDROIDPIT

Google probabilmente vorrebbe essere in grado di provare tali funzioni senza essere derisa dall'intero internet. L'azienda si sta quindi concentrando su come portare le proprie app di messaggistica sulla giusta strada. Duo, ad esempio, sarà presto in esecuzione su molti dispositivi, finalmente! Allo riceve ancora aggiornamenti e nuovi adesivi. Hangout è stato soppresso e il successore, Hangout business, non viene usato da nessuno.

Messaggi Android: l'app di messaggistica sottovalutata

C'è anche un'app di messaggistica che non vuole proprio inserirsi nello stesso schema di WhatsApp e co.: Messaggi Android. Google sta lavorando sodo su questo client SMS e presto i messaggi potrebbero diventare un concorrente di iMessage: la combinazione di SMS e chat su smartphone.

Per raggiungere questo obiettivo Google si basa sul successore del servizio SMS chiamato Rich Communications Suite, o RCS in breve. Questo è uno standard industriale che, in una certa misura, non può fare nulla di meglio di WhatsApp ma è indipendente dalla piattaforma utilizzata.

Google crede in questo standard e ha aggiunto il supporto RCS in Messaggi Android. Non solo: Google estende i messaggi ed i processi di pagamento tramite Google Wallet mentre un'interfaccia web dovrebbe presto essere lanciata. Siamo fortunati, presto potremo inviare SMS con il PC! Secondo AndroidPolice e Droid-Life, Google ha preso in prestito l'interfaccia web dal super popolare Allo come modello. Ripeto, siamo davvero fortunati.

Ho capito che Google voglia stabilire il proprio Messenger. Capisco anche che Google voglia gestire con successo i propri social network. Ma diciamoci la verità, non funzionerà. Con questi micidiali tentativi non riuscirà a sbarazzarsi di Whatsapp.

AndroidPIT amazon echo show 8844
Echo Spot: le videochiamate reimmaginate. / © AndroidPIT by Irina Efremova

Emergono nuovi concorrenti

Non è del tutto inutile rendere la vita difficile ai principali concorrenti: dispositivi come Amazon Echo, Echo Spot o Echo Show portano un nuovo dinamismo al mercato della messaggistica. Smartphone e altoparlanti intelligenti o display in soggiorno formano una rete di comunicazione. Quando Amazon Echo avrà catturato un numero sufficiente di salotti, Amazon potrebbe diventare il primo concorrente di WhatsApp.

Se credete alle voci, anche Facebook vede la minaccia dell'Echo Show di Amazon. Presumibilmente l'impero di Zuckerberg sta lavorando sul proprio display intelligente per la videotelefonia: Facebook Portal.

Google deve fare chiarezza

Per sopravvivere, Google ha bisogno di fare chiarezza. Questa è la nostra visione di un'app per i messaggi. Vogliamo integrare queste caratteristiche nella nostra piattaforma. Idealmente, Google si concentrerà su considerazioni necessarie (crittografia sicura) e funzioni pratiche (adesivi, assistenti o altro). Se aggiungesse un'interfaccia utente discretamente bella, potrebbe esserci una possibilità.

In caso contrario la massa rimarrà fedele a WhatsApp e Facebook Messenger, gli utenti disperati si sposteranno tra Telegram e co. Anche Amazon riuscirà a ritagliarsi una buona fetta del mercato della messaggistica.

Chi pensate vincerà la gara? Facebook, Google o Amazon?

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

Articoli consigliati