Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

opinion 10 min per leggere 1 Commento

Xiaomi, il piccolo gigante che li schiaccerà tutti

Ci sono voluti solo 8 anni per diventare il quarto produttore di smartphone più grande al mondo. Ma Xiaomi è molto di più. Ha un intero universo di dispositivi elettronici e accessori sotto la sua ala. La giovanissima casa cinese continua a crescere, e lo fa a passi da gigante. Tanto che è riuscito a cacciare a tempo di record i grandi che sono stati in attività per anni e anni. Prima i giovani, dicono. E Xiaomi sa come vendersi. Samsung, Apple, Huawei... tremate perché Xiaomi non si accontenterà del quarto posto.

Un primo successo

Facciamo il punto della situazione. Xiaomi è stata fondata nell'aprile 2010 come produttore di smartphone. Oggi, dopo l'IPO del 9 luglio 2018, Xiaomi si consolida come un'azienda tecnologica di enormi dimensioni. Non per niente è diventato il quarto marchio di smartphone al mondo (dopo Samsung, Apple e Huawei) con una crescita su base annua dell'87,8% in termini di quota di mercato, secondo i dati IDC.

Inoltre in questo periodo si è posizionata come la più grande piattaforma IoT al mondo con più di 100 milioni di dispositivi intelligenti (esclusi smartphone e laptop) collegati alla sua piattaforma. Oggi i prodotti Xiaomi sono presenti in oltre 70 Paesi e regioni in tutto il mondo. Secondo i dati di IDC, Xiaomi è tra i primi 5 su 15 di questi mercati.

AndroidPIT Xiaomi android 9017
Xiaomi, un quasi nuovo arrivato nel mondo Android che ha intenzione di conquistarlo. / © AndroidPIT

Per quanto riguarda la filosofia aziendale, e per dirla con le parole di un portavoce dell'azienda:

"Siamo un'azienda basata su Internet che produce e commercializza smartphone, smart tv, router e altri dispositivi intelligenti, collegati da una piattaforma IoT. Xiaomi è impegnata non solo nell'innovazione tecnologica dei suoi prodotti, ma anche nell'innovazione del suo modello di business. Questo si basa sul cosiddetto "triathlon" di Xiaomi: hardware (smartphone, router, smart tv, smart tv, smart home devices), new retail (basato non solo sul commercio elettronico attraverso la nostra piattaforma e quelle dei nostri partner, ma anche sull'apertura di negozi fisici - i miei negozi autorizzati - e la presenza nei negozi dei nostri partner) e servizi internet (Xiaomi ha anche i propri servizi finanziari, di intrattenimento, cloud, ecc)".

Tutto, per tutti (e ad un prezzo conveniente)

Il detto "chi troppo vuole nulla stringe" non si applica alla casa cinese. Xiaomi non vive solo di smartphone. È anche vero che, sebbene questi siano la principale fonte di reddito (70% secondo i dati di luglio di quest'anno), il resto dei dispositivi e degli accessori che produce e vende portano profitti significativi.

Da altoparlanti, Smart Home, smart TV, smartwatch, tablet, cuffie e cuffie in realtà virtuale a laptop, droni, telecamere di sorveglianza o scarpe da ginnastica, spazzolini da denti elettrici, mouse, caricabatterie e persino penne e valigie. Sì, abbiamo detto pantofole e penne. Un po' un bazar cinese (ovviamente detto con tutto il rispetto). Xiaomi è come quel negozio di quartiere che ha tutto per tutti i gusti. E, soprattutto, per tutte le tasche.

Si tratta di una formula rara per un'azienda, cosa che anche Lei Jun stesso ha riconosciuto in un momento o nell'altro, ma il fatto è che funziona. La diversificazione dei loro prodotti, lungi dal dare loro mal di testa e offuscare il modello di business, li rende sempre più forti.

AndroidPIT xiaomi smart shoes 4294
Le scarpe da ginnastica Xiaomi. Sì, fanno anche scarpe da ginnastica. / © AndroidPIT

Torniamo al tema dei prezzi: chi offre oggi uno smartphone a 119 euro? Xiaomi lo fa. I Redmi 6 e 6A sono appena arrivati in Spagna (si spera arriveranno anche in Italia) e, nonostante non siano ovviamente dei top di gamma, fanno davvero un'ottimo lavoro per il prezzo...

Se siete interessati a scattare qualche foto (la doppia fotocamera da 12 MP viene in aiuto), chattare con WhatsApp ed effettuare chiamate e non potete permettervi di pagare di più, perché non lanciarsi all'acquisto? È un buon punto di accesso per gli adolescenti, come il primo smartphone di vostro figlio o anche per una persona anziana che non ha bisogno di prestazioni al limite. E proprio come per gli altri tipi di prodotti, gli smartphone dell'azienda coprono tutti i tipi di esigenze. Non si può negare che sia una strategia molto intelligente.

AndroidPIT Xiaomi Mi MIX 2S 5143
Xiaomi Mi MIX 2S, imbattibile rapporto qualità-prezzo per un prodotto di fascia alta. / © AndroidPIT by Irina Efremova

Xiaomi non produce solo smartphone a buon mercato. Sopra i 150 euro, troviamo i mid-range. Dispositivi come lo Xiaomi Mi A2 (e la sua versione Lite), con un prezzo di partenza di 249 euro, doppia fotocamera (20 + 12 MP) e Snapdragon 660. Il settore top di gamma, che fino a poco tempo fa era guidato da Mi MIX 2 e MIX 2S (399 euro e prestazioni degne dei marchi più grandi con schermo senza bordi 18:9, corpo in ceramica e Snapdragon 845, tra le altre caratteristiche), è ora capitanato da Xiaomi Mi 8, un vero top di gamma in grado di competere con quasi chiunque ad un prezzo di partenza di 529 euro.

Chi può eguagliare questo rapporto qualità/prezzo? Xiaomi ha guardato a tutti i tipi di pubblico ed è stata in grado di adattarsi a tutti i tipi di esigenze. 800 euro o più devono per forza essere spesi per uno smartphone top di gamma? È chiaro che se li avete e le vostre esigenze sono molto più alte del normale si può guardare ad altre marche, ma cosa succede se non si necessita di telefoni così performanti? Xiaomi ha trovato la sua nicchia nel consumatore medio. E la strategia funziona chiaramente.

Xiaomi vive non solo di "copie", ma anche di...

Una delle chiavi del successo della casa cinese è stato quello di saper approfittare dei trend dei marchi più grandi portandoli a casa loro. il segreto? Prendere il meglio, "copiarlo" e venderlo a buon mercato. Perché non possiamo negare i fatti, molti degli smartphone Xiaomi richiamano palesemente l'iPhone di Apple. Prendete come esempio Mi 8, il nuovo flagship: corpo elegante e sottile, uno schermo quasi senza bordi, una tacca e una doppia fotocamera sul retro disposta a semaforo...

Un altro esempio è la nuova linea di computer portatili Mi Laptop Air. E no, il nome non è l'unica cosa che ricorda la casa di Cupertino. Potremmo dire che anche la loro strategia di marketing ci porta a pensare ad Apple. Lo stile delle foto, i colori, il minimalismo...

Viene da chiedersi, hanno copiato i californiani perché gli piaceva il design e sapevano che è sinonimo di successo? O forse l'audacia, la comprensione e la filosofia degli affari cinesi vanno oltre. Vogliono mostrare al mondo che possono fare dei buoni prodotti, belli e anche a buon mercato? Forse un po' di entrambi. Qualunque cosa sia, l'attacco dei cloni cinesi ha funzionato...

AndroidPIT Xiaomi Mi 8 8292
È un iPhone? No, è il Mi 8. / © AndroidPIT by Irina Efremova

Sorpassa Apple in Spagna in soli 6 mesi

La Spagna è stato il Paese scelto per espandere l'impero cinese in Europa. E non avrebbero potuto giocare meglio. In soli 6 mesi, secondo Canallys, Xiaomi ha conquistato il terzo posto nel mercato degli smartphone, superando la stessa Apple (l'apprendista ha superato il maestro) ed è dietro solo a Samsung e Huawei (un'altra casa cinese che minaccia di rubare ai sudcoreani la prima posizione nella penisola, ma questa è un'altra storia).

Divertente, non è vero? Smartphone che richiamano quelli della mela, ma ad un prezzo migliore, sono riusciti a cacciare Cupertino fuori dal podio. Dall'apertura del primo negozio nel novembre 2017 a Madrid, Xiaomi ha un totale di 9 negozi (6 nella capitale e uno a Barcellona, Saragozza e Granada) e il suo piano è quello di raggiungere la fine dell'anno con almeno 12 negozi Mi sparsi in tutta la Spagna (secondo fonti ufficiali del marchio). È a dir poco impressionante. Nel nostro Paese già sono 2 i Mi Store aperti dall'arrivo di Xiaomi in Italia nei primi mesi del 2018.

AndroidPIT Xiaomi Shop Barcelona 6471
Televisori e persino uno scooter nel Mi Store di Barcellona, inaugurato durante il MWC. / © AndroidPIT

Xiaomi alla conquista dell'occidente

Dalla Spagna stanno timidamente raggiungendo il resto del mercato europeo. Hanno già un negozio anche in Francia, un Paese con abitudini di consumo simili a quelle spagnole e italiane. Per non parlare del potere d'acquisto, che va anch'esso di pari passo (più o meno). Ma che dire del resto d'Europa, quando avverrà l'invasione? 

Xiaomi non sta dicendo nulla al momento, ma insistono sul fatto che il marchio vuole aprirsi a più mercati europei. Ci sorprenderanno entro la fine di quest'anno? Se in Europa è già il quarto marchio di smartphone con una crescita del 999% (dati Canalys), cosa accadrà quando apriranno negozi in altri Paesi? Samsung e tutte le altre società devono iniziare a tremare... Tutto questo senza indicare un periodo per lo sbarco di Xiaomi negli Stati Uniti, dove sembra che stiano negoziando con alcuni operatori per commercializzare i loro prodotti sul territorio USA.

Non è tutto oro ciò che luccica

Anche se i dati parlano da soli, sono state segnalate anche numerose perdite (che d'altro canto non vengono nascoste). Nel 2017, Xiaomi ha registrato perdite per 43,889 miliardi di yuan (5,755 miliardi di euro), nonostante un aumento delle vendite del 63,5% rispetto all'anno precedente e un utile operativo di 1,6 miliardi di euro.

Un altro aspetto negativo riguarda il servizio clienti, o almeno questo è riportato su diversi siti web. Molti utenti si lamentano che questo servizio lascia molto a desiderare e che a volte non è possibile trovare qualcuno che parla la nostra lingua. Oltre a ciò i dispositivi, se li si acquista sul web, sono spesso dotati di manualistica in cinese e non dispongono di assistenza ufficiale.

Senza dubbio, il problema più grande che il produttore cinese deve affrontare è la certificazione europea per i suoi prodotti. Perché soddisfare le esigenze del vecchio continente non ha nulla a che vedere con le condizioni della parte orientale del pianeta. Questo è ciò che rende l'offerta di Xiaomi meno attraente di quanto dovrebbe essere in Europa.

Questo adattamento agli standard europei rende fa inoltre salire i prezzi rispetto a quelli del mercato asiatico, un fattore che potrebbe tenere lontani i nuovi acquirenti quando si parla di flagship... ma se sono stati in grado di farcela in Spagna, perché non dovrebbero riuscirci negli altri mercato? Avranno bisogno di tempo, questo è chiaro. Non tutti si fidano dei marchi pochi noti... quasi nessuno direi.

Dunque?

In un anno in cui il leader di mercato degli smartphone Samsung non ha raggiunto le vendite previste con i suoi Galaxy S9 e S9 Plus, in cui Apple con il suo iPhone X e Huawei con il suo P20 Pro e le sue tre fotocamere continuano a dominare, ma non hanno rivoluzionato il mercato con grandi novità, Xiaomi trova il suo posto per continuare a crescere, soprattutto se decide di fare il grande salto europeo e aumentare la sua presenza in più Paesi.

E se ciò non bastasse è pronta a lanciare nuovi brand. Siamo rimasti tutti sorpresi dalla notizia del lancio del brand POCO di Xiaomi. L'obiettivo di questa sottomarca? Ottenere la quota più alta del mercato possibile con Pocophone F1, che viene pubblicizzato come "master of speed" e che vuole allontanarsi dalle nuove tendenze di prezzi elevati che superano i 1000 euro. Una dichiarazione d'intenti. Gli obiettivi sono ora OnePlus (vi ricordate la campagna "la velocità di cui avete bisogno" di OnePlus 6, giusto?) e Honor (hardware di fascia alta, prezzi contenuti).

Questa è solo una delle gambe di questo gigante: Ninebot (acquistato da Segway nel 2015), Yi (telecamere di sorveglianza), Yeelight (tutto ciò che si illumina si riferisce) e la serie Mi (che sta portando tutti i tipi di accessori ed elettrodomestici intelligenti) sono alcuni dei marchi che fanno parte di Xiaomi. E sembra che sia solo l'inizio... quale sarà il prossimo gigante? Dove diffonderà il proprio impero?

E voi, cosa ne pensate della strategia di Xiaomi? Utilizzate uno smartphone del brand?

1 Commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Ho letto cose sulla qulità dell’ audio in collaborazione con Dirac ma sotto questo punto di vista non mi soddisfano... quindi è difficile che mi vedrete mai con uno xiaomi nei prossimi anni, se non cambia qualcosa.

Articoli consigliati