Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Xiaomi sta sviluppando due nuovi smartphone con Android One

Xiaomi sta sviluppando due nuovi smartphone con Android One

Xiaomi è un marchio che di solito offre ai suoi utenti dispositivi con buone caratteristiche ad un prezzo ragionevole, ma l'interfaccia MIUI non è esattamente così popolare come altre. Nonostante il software sia migliorato nel corso degli anni, molti preferiscono ancora la semplicità offerta da Android stock. Il produttore cinese non è estraneo a questa situazione e sta dunque sviluppando due dispositivi Android One.

Gli Xiaomi Mi A fanno parte del programma Android One, quindi la loro interfaccia è basata su un software Android quasi puro con l'aggiunta di un'applicazione personalizzata per la fotocamera. Sono passati quasi 9 mesi dall'uscita di Mi A2 e Mi A2 Lite, quindi il mercato ha ormai bisogno del nuovo modello entro i prossimi mesi.

Secondo la nostra fonte, Xiaomi avrebbe iniziato a testare l'hardware su tre nuovi dispositivi, due dei quali farebbero girare Android One. I nomi in codice dati a questi dispositivi sono "bamboo_sprout" e "cosmos_sprout", con il termine "sprout" che indica, appunto, la presenza di Android One. Da dove viene questa congettura? Se guardiamo l'elenco di tutti i dispositivi Android certificati, troveremo il suffisso "sprout" in tutti quelli che fanno parte del programma Android One.

AndroidPIT xiaomi android one 2039
Xiaomi potrebbe annunciare due nuovi dispositivi con Android One tra non molto. / © AndroidPIT

Tutti e tre i dispositivi includono l'acronimo "fod" usato per definire i lettori di impronte digitali nello schermo. Anche se non è strettamente necessario avere un chip potente come lo Snapdragon 855 per installare un lettore sotto lo schermo, sarà quasi impossibile vedere una tecnologia ad ultrasuoni, poiché questo richiede schermi OLED ben più costosi. La soluzione sarà quella di adottare dei sensori ottici, proprio come la maggior parte degli smartphone Android.

Non sappiamo ancora quale SoC troveremo a bordo, ma sappiamo che nessuno dei tre sarà un dispositivo top di gamma, quindi sarà scontata la presenza di componenti di fascia media, come lo Snapdragon 636/660 o addirittura lo Snapdragon 675 o 710.

Dati ufficiali come nomi, prezzi e date di uscita sono ancora sconosciuti, ma se teniamo conto che i test hardware vengono effettuati con largo anticipo, probabilmente ne sapremo di più tra non molto.

Articoli consigliati

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica