Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
10 min per leggere 143 Condivisioni 88 Commenti

Vale la pena rootare il proprio smartphone Android?

Root o non root, questo è il problema? Ottenere i permessi di root ha pro e contro. Se si esclude l’eventuale paura che il telefono si bricki (diventi inutilizzabile) o che si perda la garanzia, rimane un problema di fondo che molti guardano superficialmente: “Cosa me ne faccio dei permessi di root?”. Oggi vi illustreremo i pro ed i contro dell'ottenere i permessi root in modo da permettervi di fare una scelta consapevole con il vostro smartphone Android.

Opinion by Jessica Murgia
Prima di procedere con il root è fondamentale chiarirsi le idee e conoscere i pro ed i contro
Cosa ne pensi?
50
50
1201 votanti

Scorciatoie:

Permessi di root: 10 motivi per ottenerli

1. Un mondo di app in più

Android offre un gran numero di applicazioni per ogni evenienza, ma quando si va alla ricerca di qualche funzione più avanzata, ecco che vengono richiesti i permessi di root. D’altronde avere i permessi di root significa essere amministratori del proprio dispositivo e poter quindi far interagire più in profondità le app con il sistema. Questo permette di usare disinstallatori di bloatware (app precaricate sul dispositivo da brand e operatori), firewall, sistemi di gestione multitouch per controllare a fondo il dispositivo con gesti e tanto altro.

Esistono inoltre applicazioni che funzionano anche senza i permessi di root, ma che danno il massimo del loro potenziale solo sui dispositivi rootati come, ad esempio, gli antivirus, con i loro sistemi di blocco/localizzazione a distanza. Per finire potrete finalmente utilizzare tutte le app ed i giochi che vi venivano nascosti in quanto incompatibili col vostro telefono.

2. Personalizzazione all'ennesima potenza

I dispositivi Android sono noti perché offrono la possibilità di sostituire launcher, icon pack, sfondi live, suonerie, suoni della tastiera e tanto altro. Tuttavia questo tipo di personalizzazione è limitato puramente all'espetto estetico e più superficiale del dispositivo. Grazie ai permessi di root potrete invece agire in profondità e modificare i file di sistema a vostro piacimento, compresi suoni di sistema e animazione di avvio.

AndroidPIT samsung phones 0109
Con i permessi di root la personalizzazione non ha limiti! / © AndroidPIT

3. Prestazioni oltre ogni limite

Esistono molte app in grado di liberare la RAM e di velocizzare il dispositivo, tuttavia con i metodi normali non è possibile superare i limiti imposti dall’hardware ma solo portare il telefono alla massima velocità. Ancora una volta i permessi di root ci vengono in soccorso, permettendo di andare oltre la velocità della CPU dichiarata tramite overclocking.

Per farlo è però necessario flashare anche un kernel che lo permetta, ma il procedimento è molto semplice, ancora di più se si utilizza l’app Rom Manager (all'apertura chiederà di scaricare la recovery ClockworkMod, seguite la procedura!)

ROM Manager Install on Google Play

4. Mai più problemi con la batteria

Gli smartphone continuano ad evolversi, ma il tallone d’Achille della batteria non è ancora stato risolto. Nonostante gli smartphone, anche quelli più performanti, garantiscano 24 ore di utilizzo (grazie alle funzioni di risparmio energetico integrate), pochi riescono ad arrivare a fine serata. Soluzione? Acquistate uno degli smartphone Android con la migliore batteria.

Oppure, se siete affezionati al vostro smartphone e non avete intenzione di sostituirlo, ottenete i permessi di root. Grazie ad essi potrete accedere a diverse funzioni che vi permetteranno di scegliere il governor della CPU, facendo girare il processore sempre al minimo, impostando un limite massimo inferiore e tanto altro ancora (comprese procedure di undervolt). Anche in questo caso dovrete affidarvi ad un kernel diverso da quello stock.

androidpit battery low 1
Con i permessi di root anche la batteria avrà una marcia in più! / © AndroidPIT

5. Automatizzazione generale

Molti di voi conosceranno già l’applicazione Tasker, che permette di automatizzare praticamente qualsiasi funzione dello smartphone. Per chi non lo sapesse, ad una determinata condizione (come l'inserimento delle cuffie, l'accesso ad un luogo specifico o lo scoccare di un'ora) è possibile far corrispondere un’azione (lanciare un’app, mandare sms, riprodurre una canzone, etc). Il tutto gestito da un'unica applicazione.

Funziona anche senza i permessi di root ma, una volta ottenuti, potrete accedere alla lista completa delle possibili interazioni, come l’attivazione di internet, GPS, accensione dello schermo, velocità della CPU etc.

6. Una valanga di custom ROM pronte per essere flashate

Questo è sicuramente il motivo per il quale la maggior parte degli utenti Android decide di ottenere i permessi di root: affidarsi al mondo delle custom ROM. Oltre a permettere una personalizzare radicale dello smartphone, i maggiori produttori di Custom ROM ci hanno più volte dimostrato come spesso siano in grado di superare le ROM stock per funzionalità, fluidità e performance.

AndroidPIT rom pac rom 1380
Con il root potrete flashare sul vostro Android le custom ROM che preferite! / © AndroidPIT

7. Niente più pubblicità 

Difendiamo a spada tratta l’uso delle pubblicità nelle app per due motivi: è spesso l'unica fonte di guadagno e permette l’uso di applicazioni magnifiche senza dover spendere personalmente un centesimo. Alcune app contengono però pubblicità troppo invasive che non solo consumano un gran numero di dati, ma spesso attivano abbonamenti senza il nostro consenso.

È qui che l’utilizzo di app come AdBlock Plus può rivelarsi utile perché permettono di visualizzare solo i normali add, bloccando quelli che penalizzano l’esperienza d’uso. Se proprio non volete avere a che fare con i banner pubblicitari, l'app offre anche la possibilità di disattivarli. L’utilizzo di questa applicazione, e di altri servizi simili presenti sul Play Store, è possibile solo per chi ha ottenuto i permessi di root.

8. Backup completi a portata di tap

Ogni dispositivo Android offre la possibilità di effettuare un backup di app e di alcuni dati sfruttando il menu delle impostazioni o tramite l’utilizzo di software gestionali come Kies. Anche se decidessimo di affiancare a questi metodi i diversi servizi cloud disponibili, nulla potrà mai competere con le funzioni offerte dai permessi di root.

Spicca tra tutte l’utilizzo dell’app Titanium Backup, con la quale potrete copiare le immagini di sistema del vostro dispositivo e spostarle su scheda SD o computer, oltre alla possibilità di automatizzare il procedimento. Un valido motivo per decidere di rootare il vostro smartphone, non trovate?

AndroidPIT backup 9981
Effettuate un backup come si deve sfruttando i permessi di root! / © AndroidPIT

9. Funzioni nascoste o specifiche per alcuni dispositivi

Uno dei punti di forza di Android è l’incredibile varietà di dispositivi che lo integrano, per non parlare delle modifiche che le case produttrici apportano al sistema rendendolo così ogni volta unico. Questo ci consente di avere tra le mani un dispositivo diverso da quello altrui ma anche di non poter godere delle fantastiche funzioni esclusive di alcuni dispositivi specifici. Un ulteriore motivo per ottenere i permessi di root è anche superare questo limite ed ottenere sul vostro smartphone tutte le funzioni che più vi interessano. 

10. Reversibilità del processo

Un altro valido motivo a favore del root è che in qualsiasi momento potrete fare un passo indietro, liberandovi dei permessi di root e tornando al firmware originale del vostro dispositivo e, nella maggior parte dei casi, ripristinando anche la garanzia. Tutto questo tramite l’uso di appositi tool kit o semplicemente riflashando il firmware originale con Odin.

Vi siete convinti ad ottenere i permessi di root sul vostro nuovo smartphone? Aspettate un attimo, prima di fare il grande passo date uno sguardo ai contro, 5 motivi per cui potrebbe non valere la pena richiedere i permessi di root.

AndroidPIT survive android updates 7680
Potrete sempre tornare in dietro! / © AndroidPIT
Opinion by Jessica Murgia
Non sento il bisogno di avere uno smartphone rootato
Cosa ne pensi?
50
50
33 votanti

Permessi di root: 5 motivi per non ottenerli

Non siamo pazzi e non cambiamo idea dopo 3 secondi, vogliamo semplicemente illustrarvi i pro ed i contro a cui si va incontro quando si decide di ottenere i permessi di root su un qualsiasi dispositivo Android. È importante avere il controllo del proprio smartphone come anche avere bene in mente cosa si sta facendo e a quali rischi si va incontro.

1. Sicurezza a rischio

I permessi di root permettono di comunicare in modo avanzato col proprio dispositivo e di installare nuove app altrimenti inaccessibili. Nulla impedisce però ad applicazioni dannose di agire negativamente sul sistema, danneggiando il dispositivo o, peggio, mettendo a repentaglio la vostra privacy. Fortunatamente possiamo scegliere noi se consentire o meno ad un’applicazione di ottenere i permessi di root, vi consiglio quindi di farlo con cautela se vi viene richiesto da app scaricate al di fuori dal Play Store.

AndroidPIT virus 1
State in guardia e proteggete al meglio la vostra privacy! / © AndroidPIT

2. Addio alla garanzia

Più che un addio è un arrivederci… i permessi di root, ottenuti in qualsiasi modo, invalidano la garanzia. Tuttavia esistono metodi più raffinati che non vanno ad intaccare certi file di sistema (come i famosi contatori; flash counter, KNOX counter) e permettono di resettare tutto come prima tramite l’uso di tool kit o altre procedure.

Purtroppo nulla è certo e, via via che vengono implementati sistemi di sicurezza avanzati come KNOX, diventa sempre più difficile ripristinare la garanzia e spesso risulta impossibile o molto pericoloso.

3. Dispositivi cinesi o non famosi? La situazione si complica

I procedimenti per ottenere i permessi di root non arrivano per vie ufficiali, ma vengono forniti da altri utenti o gruppi più o meno estesi che si mettono al lavoro per crearli. È quindi normale che ci si concentri sui dispositivi più noti e più acquistati, soprattutto quando si tratta di metodi universali.

Se si ha in tasca uno smartphone cinese o prodotto da un brand meno conosciuto bisogna quindi ricorrere a procedimenti specifici per il singolo dispositivo, i quali richiedono più passaggi e una predisposizione maggiore a smanettare con il PC. Questo aumenta la possibilità di commettere errori e di danneggiare (talvolta irrimediabilmente -> brick) il vostro amato device.

AndroidPIT China
Trovare una guida al root specifica per gli smartphone cinesi sconosciuti non è facile. / © AndroidPIT

4. Problemi con gli aggiornamenti

Un altro motivo a sfavore del root è quello di non poter più aggiornare il dispositivo a seconda del brand produttore e del terminale usato. I meno fortunati dovranno quindi scordarsi la comodità degli aggiornamenti via OTA e via software gestionali (come Kies per Samsung ad esempio), anche se potranno comunque ricevere gli update scaricando il firmware da internet e flashandoli con Odin. Il procedimento non è complicato ma anche qui il rischio di andare incontro a qualche errore è sempre in agguato. 

5. Alcune app non funzionano con il root

Vi sono alcune app dedicate ai pagamenti, o dei semplici giochi (come Pokémon Go ad esempio) che non funzionano sui dispositivi rootati. Il motivo è che i permessi di root consentono di apportare delle modifiche alle app. Ovviamente è possibile nascondere lo status del root del dispositivo ma questo non è lo scopo di questo articolo.

AndroidPIT pokemon go 8754
Alcune app, come Pokémon Go, non possono essere utilizzate sui dispositivi rootati! / © AndroidPIT

Conclusione

Le possibilità dopo il root sono praticamente illimitate, ma quante di esse andrete realmente ad utilizzare? Potete farne a meno? Prima di mettere mano su qualcosa che non si conosce bene è sempre meglio informarsi ed avere chiare in mente le proprie esigenze. I rischi sono davvero bassi, ma volete avere a che fare con fastidiose app impossibili da disinstallare o con un costoso fermacarte?

La nostra intenzione non è quella di spaventarvi, anzi! Sentitevi liberi di rootare il vostro dispositivo, ma consapevoli dei possibili rischi a cui andate incontro.

Vi siete decisi ad ottenere i permessi di root o i motivi a favore non vi hanno ancora convinti?

143 Condivisioni

88 Commenti

Commenta la notizia:
Mostra tutti i commenti

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK